Dopo i tragici episodi causati dal maltempo prima in Liguria e negli ultimi giorni nella zona del messinese il neo ministro all’Ambiente Corrado Clini è intervenuto per ribadire l’importanza della messa in sicurezza del territorio italiano. Un’operazione che necessita di fondi, magari ottenuti attraverso nuove forme di fiscalità e che secondo il ministro possono essere un volano per la crescita. Altro passo importante da intraprendere è la realizzazione di una nuova mappa delle zone a rischio basata su un nuovo sistema di valutazione con criteri comuni a tutte le regioni.
Per Clini è necessario mettere mano anche alla legge urbanistica. “In Italia – ha concluso – vi sono autorizzazioni che non avrebbero mai dovuto essere date. L’Italia non puo’ tornare agli Anni Cinquanta. Ma se vuole evitare di anno in anno disastri ricorrenti è bene che cominci a ripensare se stessa”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Presidente Napolitano torna sulla riforma della giustizia
Articolo successivoConsiglio dei Ministri: prende quota l’Agenzia nazionale sui beni confiscati alla mafia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here