A come Antitrust: Monti riveste il ruolo di Commissario europeo per la Concorrenza fino al 2004, all’interno della Commissione presieduta da Romano Prodi. Blocca la proposta di fusione tra General Electric e Honeywell, considerata contraria alle normative antitrust. Il rilancio della concorrenza attraverso le liberalizzazioni e la lotta ai privilegi sono costantemente al centro dei suoi interventi pubblici.

B come Bocconi: l’Università milanese è la sua seconda casa, qui si laurea in economia nel 1965, nel 1989 ne diventa rettore e dal 1994 ne è presidente, succedendo a Giovanni Spadolini.

C come Crescita: o anche come competitività, un binomio inscindibile nel Monti pensiero per superare i problemi dell’Italia.


D come Draghi: l’altro SuperMario made in Italy neopresidente della Bce, molto vicino nelle idee economiche e nei rapporti personali a Monti. Entrambi economisti, entrambi ex Goldman Sachs, entrambi amati dall’Economist, il settimanale inglese leader del settore.

E come Equità: nel prelievo fiscale, nella ridistribuzione del reddito, nelle politiche sociali. Uno degli obiettivi su cui il neo premier concentrerà l’azione di governo.

F come Fisco: punto dolens ma inevitabile. Potrebbero tornare la patrimoniale e l’Ici.

G come Goldman Sachs: una delle più grandi e affermate banche d’affari del mondo. Dal 2005 ne è international advisor e precisamente membro del Research Advisory Council del Goldman Sachs Global Market Institute. Per questo gli avversari lo accusano di essere un lobbista, di fare gli interessi dell’alta finanza e di voler educare gli italiani alla cultura del debito.

H come Hobby: scrittore, editorialista del Corriere della Sera, Monti è autore di numerose pubblicazioni, specie su temi di economia monetaria e finanziaria

I come Idee: in economia Monti sostiene il libero mercato, le liberalizzazioni e il rigore dei conti pubblici.

L come Lavoro: ritiene fondamentale la flessibilità del mercato del lavoro, al pari dell’educazione e della ricerca.

M come Microsoft: da Commissario Europeo alla Concorrenza ha inflitto nel 2004 una multa da mezzo miliardo all’azienda di Bill Gates, colpevole di imporre il suo Windows Media Player ai clienti europei. Dimostra così la sua avversione per i monopoli.

N come Napolitano: il Presidente della Repubblica lo ha tenacemente voluto e sostenuto, rompendo gli indugi quando lo ha nominato senatore a vita.

O come Ostruzionismo: Monti non avrà vita facile in Parlamento. La Lega Nord non voterà la fiducia, l’Italia dei Valori manifesta forti perplessità, il Pdl lo ricatta, il Pd insiste per andare al voto il prima possibile.

P come Pensioni: altro punto all’ordine del giorno del futuro governo Monti. Le pensioni di anzianità rientrerebbero tra i privilegi da abolire.

Q come “Quanto tempo abbiamo perso”: è il titolo di uno dei tanti editoriali scritti da Monti per il Corriere della Sera. L’ultimo dei quali, “Lettera al premier”, è stato visto da molti come una scesa in campo.

R come Roubini: Nouriel,il docente ed economista statunitense di origini turche che insieme a Giudo Tabellini e Roberto Alesina forma il gruppo dei c.d. “Monti boys”.

S come Sud: una ferita che va curata “con politiche diverse e non con stampelle” alle imprese.

T come Tecnico: il Governo che il premier Monti dovrebbe guidare. Una decina di professionisti al di fuori dei partiti per far uscire l’Italia dall’abisso in cui sembra essere precipitata.

U come Unione Europea: Monti è Commissario Europeo dal 1994 al 2004, prima indicato come candidato dal Governo Berlusconi 1° con deleghe a Mercato Interno, Servizi Finanziari e Integrazione Finanziaria, Fiscalità ed Unione Doganale. Confermato nel 1999 dal Governo D’Alema 1°, riceve la delega alla Concorrenza.

 V come Varese, dove nasce il 19 marzo 1943, figlio di un direttore di banca e di una casalinga d’origini piacentine.

 Z come Zero Deficit: l’obiettivo fondamentale del suo mandato, verso il quale finalizzare tutte le misure del suo governo.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Juventus ricorre al Tar e chiede 443 milioni di euro
Articolo successivoDoppia carica politica, doppio no della Corte Costituzionale

6 COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here