Nella seduta del 9 novembre scorso la commissione Territorio e ambiente dell’Assemblea regionale siciliana ha approvato il disegno di legge sulle coste.

Il provvedimento, ribattezzato “sanatoria selvaggia” ha suscitato negli ultimi giorni forti polemiche perché invita gli enti locali a predisporre dei piani di recupero delle aree costiere, consentendo di sanare gli immobili abusivi costruiti entro 150 metri dalle coste nei Comuni affacciati sul mare e quelli ricadenti in aree rurali.

Per gli abusi autodenunciati prima del 1994 – circa il 13-15% del totale – il ddl prevede che il Comune possa decidere di sanare l’immobile o acquisirlo al patrimonio e individuare un’altra zona edificabile per i privati.


Nel testo scompare l’Agenzia per la tutela e la conservazione dei 1.480 chilometri quadrati di costa, che  viene sostituita da un osservatorio.

Il ddl è pronto per la discussione in aula, si attende quindi la decisione della conferenza dei capigruppo sull’inserimento in calendario.


CONDIVIDI
Articolo precedenteAssociazione mafiosa, basta essere riconosciuto “uomo d’onore” per far scattare la misura cautelare?
Articolo successivoDdl stabilita’ bocciato dall’Anci

2 COMMENTI

  1. Fermo restando che non possiedo un immobile abusivo, secondo il mio pensiero è un diritto per il proprietario di un immobile costruito entro 150 metri dalle coste da vent’anni, su cui è stata presentata la sanatoria edilizia presso il comune di appartenenza, con l’oblazione pagata, di sanarli, se non costruiti a danno paesaggistico e/o pubblico e soprattutto se non è stato mai inoltrata dichiarazione di demoplizione (silenzio assenso dalla presentazione della sanatoria) .- E’ una vergogna che i politici non abbiano preso provvedimenti avendo in Sicilia l’autonomia per farlo.- Alcuni politici sono come il cane dell’ortolano non raccolgono ( non fanno nulla) e non lasciano raccogliere (non lasciano far nulla). E’ opportuno adesso monitorare e controllare i nuovi abusi perchè se esiste un pregresso è pure colpa delle istituzioni ………………. e in ogni modo se in vent’anni non si è preso un provvedimento di demolizione, per questi immobili, perchè demolirli adesso??? e in alcune zone tipo Castelvetrano, le macerie dove le mettiamo??? e il vero danno paesaggistico che si vuole causare???

  2. vorrei capire perchè si continua a parlare insistentemente di sanare gli abusi entro i 150 metri dalla costa, si escluderebbero cosi’ gli immobili ricadenti in zone con vincoli paesaggistici? e se è cosi’ perchè questa disparità ? I signori politici debbono mettersi in testa che la legge è uguale per tutti e quindi, o tutti o nessuno !

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here