Le compagnie assicurative prevedono premi inferiori per le donne, in ragione della loro minore propensione agli incidenti stradali e della loro maggiore prospettiva di vita.

La Corte di Giustizia ritiene però che si tratti di prassi discriminatoria e da un termine per la definitiva eliminazione di tale differenziazione dai contratti assicurativi.

“All customers should be treated equally. This is not only a matter of respect for fundamental righs. It is also a matter of good business practice”.

Viviane Reding, Commissario europeo incaricato per Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza, ha così commentato la decisione della Corte di Giustizia, Grande Sezione, dell’1 marzo scorso.


Si legge nella sentenza (la vicenda trae origine da un ricorso di un’associazione di consumatori belga) che:

“La promozione della parità fra uomini e donne è uno dei compiti essenziali della Comunità europea ai sensi dell’articolo 2 del Trattato che la istituisce. L’articolo 3, paragrafo 2, del Trattato esige parimenti che la Comunità miri ad eliminare le ineguaglianze, nonché a promuovere la parità tra gli uomini e le donne in ogni campo d’azione”.

Il principio della parità di trattamento tra uomini e donne significa che:
a) è proibita ogni discriminazione diretta fondata sul sesso, compreso un trattamento meno favorevole della donna in ragione della gravidanza e della maternità;
b) è proibita ogni discriminazione indiretta fondata sul sesso (art. 4, n. 1, della direttiva 2004/113)”.

La direttiva 2004/113 si fonda sulla premessa secondo cui, ai fini dell’applicazione del principio della parità di trattamento tra donne e uomini sancito dagli artt. 21 e 23 della Carta, la situazione delle donne e quella degli uomini in rapporto ai premi e alle prestazioni assicurative da essi stipulati sono paragonabili.

Per garantire la parità di trattamento tra donne e uomini, dal 31 dicembre 2012 nei contratti assicurativi sarà possibile tenere conto del sesso quale fattore attuariale, ma senza che ciò comporti automatiche differenze nel calcolo dei premi e nelle prestazioni individuali.

Qui il testo integrale della decisione della Corte di Giustizia (V. Skouris presidente, E. Juhász relatore).


CONDIVIDI
Articolo precedenteIncidente con veicolo avente contrassegno risultato falso…e adesso?
Articolo successivoIl bar è frequentato da pregiudicati e il Questore sospende la licenza…anche se il gestore non ha colpa

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here