Speciale riforma PA

Fisco 4 dicembre 2013, 14:39

Nuovo Isee 2014, come si calcola da oggi: esempi e novità dal decreto

Tutte le informazioni su come calcolare il nuovo Isee 2014 approvato dal governo Letta con il Dpcm in arrivo in Gazzetta ufficiale: cosa cambia col decreto


Il consiglio dei ministri ha approvato il 3 dicembre  il nuovo ISEE, l’indicatore economico con il quale le famiglie si devono confrontare per accedere ai vantaggi offerti da servizi sociali, scuola e sanità.

  Prima di tutto: alcune precisazioni

  • L’ISEE può essere richiesto da tutti i cittadini che vogliano beneficiare di agevolazioni subordinate a tale dato (il meccanismo consiste nello stabilire un valore ISEE minimo, al di sotto del quale spettano determinati benefici, al di sopra del quale i benefici vengono meno). In pratica, passatemi il termine troppo esemplificativo: l’ISEE è un “numero” che determina la ricchezza di una famiglia, se tale numero è al di sotto del valore minimo, si può accedere a determinati benefici che dopo vedremo, se è al di spora della soglia minima, i benefici non spettano.
  • Per richiedere il calcolo dell’Isee, è necessario presentare un modulo compilato, cioè la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu), ad uno dei seguenti uffici competenti:
    • i Centri di Assistenza Fiscale (Caf) dei sindacati, delle associazioni e dei Comuni;
    • gli uffici degli Enti che erogano le varie prestazioni richieste;
    • direttamente gli uffici dell’Inps della propria zona.

Tali uffici trasmettono tutta la documentazione alla sede centrale dell’Inps, che calcola gli indicatori Ise e Isee della persona che ne ha fatto richiesta e invia l’attestato relativo agli uffici competenti e al cittadino.

  • Per determinare l’ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) si considerano i seguenti fattori opportunamente combinati fra loro:
    • il reddito del nucleo familiare
    • il patrimonio mobiliare ed immobiliare
    • la composizione del nucleo familiare

Vediamo nella tabella di seguito esposta la composizione:

Tranquilli:

chiunque debba far calcolare ad un soggetto abilitato l’ISEE, dovrà solo presentare la documentazione richiesta, non dovrà fare alcun calcolo, ciò che sotto è evidenziato è solo per maggiore chiarezza di quanto viene considerato nel calcolo dell’ISEE

REDDITO

Il reddito viene rilevato dai seguenti documenti: Modello UNICO : quadro RN – Rigo RN1 – colonna 2 (reddito complessivo) Modello 730/3, rigo 6 – colonna 1 e 2 (reddito complessivo) Modello CUD: punti 1 e 2 (redditi da lavoro dipendente o assimilati) Il reddito deve essere al netto degli eventuali redditi agrari relativi alle attività di cui all’articolo 2135 del C.C., svolte da soggetti produttori agricoli titolari di partita IVA. Tali redditi, qualora  sussistono, dovranno infatti essere indicati separatamente, assumendo la base imponibile  determinata ai fini IRAP nell’ultima  dichiarazione prodotta, al netto dei costi del personale.   Dal totale dei redditi verrà detratto l’eventuale canone d’affitto dell’abitazione principale del nucleo familiare, purchè vi sia un regolare contratto con estremi di registrazione, fino ad un ammontare massimo di € 5.164,57.

PATRIMONIO MOBILIARE ED IMMOBILIARE

I dati relativi al patrimonio mobiliare ed immobiliare devono essere riferiti ai beni posseduti da ogni componente il nucleo familiare al 31 dicembre dell’anno precedente. Il patrimonio mobiliare è costituito da: a) depositi e conti correnti bancari e postali, per i quali va assunto il valore del saldo contabile attivo, al netto degli interessi; b) titoli di Stato, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi e assimilati, per il quale va assunto il valore nominale; c) azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio per le quali va assunto il valore risultante dall’ultimo prospetto redatto dalla società di gestione; d) partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate in mercati regolamentati e partecipazioni in società non azionarie; e) masse patrimoniali, costituite da somme di denaro o beni non relativi all’impresa affidate in gestione a un soggetto abilitato;

Come si calcola l’ISEE

Il calcolo è composto, da una successione di “sottocalcoli”:

  • calcolo dell‘indicatore della situazione reddituale (Isr), composto dalla somma dei seguenti valori
  1. (+) vari redditi di tutti i soggetti che compongono il nucleo familiare;
  2. (+) il reddito figurativo delle attività finanziarie, calcolato applicando, a tutto il patrimonio mobiliare, il tasso di rendimento medio annuo dei titoli decennali del Tesoro;
  3. (-) in caso di famiglia che vive in una casa in affitto, si sottrae il canone annuo di locazione.

 

  • calcolo dell’indicatore della situazione patrimoniale (Isp), composto dalla somma dei seguenti valori:
  1. valore IMU di tutti i fabbricati e terreni (meno il valore dell’abitazione principale, o di un eventuale mutuo residuo);
  2. valore di tutto il patrimonio mobiliare (meno una franchigia di 15.493,71 euro).

Una volta calcolati Isr e Isp si fa la seguente somma:

Isr+Isp= Ise

20%Ise

l’indicatore della situazione economica (Ise, da non confondere con l’Isee)

 

ISEE considera il 20% della somma del patrimonio mobiliare e immobiliare.

 

  • il calcolo dell’ISEE è dato dall’Ise corretto con il parametro relativo alla famiglia (Vse), che tiene conto della numerosità e della composizione del nucleo familiare.

Nella pratica si applicano all’Ise, in base alla numerosità del nucleo famigliare i parametri specificati nella tabella di seguito riportata

Numero componenti nucleo  familiare

Parametri

1

1,00

2

1,57

3

2,04

4

2,46

5

2,85

      I parametri sopra indicati sono maggiorati nel modo seguente: + 0,35 per ogni ulteriore componente; + 0,20 in caso di presenza nel nucleo di un solo genitore e figli minori; + 0,50 per ogni componente con handicap psicofisico permanente di cui all’art. 3, comma 3 della Legge n. 104/1992 o di invalidità superiore al 66%; + 0,20 per i nuclei familiari con figli minori in cui entrambi i genitori svolgono attività di lavoro o di impresa.   Riportiamo un esempio di calcolo reperibile anche da sito http://www.comune.colognoalserio.bg.it/public/documenti/486_Guida%20ISEE%20Parte%20II%20-%20modalit%C3%A0%20di%20calcolo.pdf  

Esempio di calcolo:

Nucleo familiare composto da n. 4 persone (due coniugi e due figli) Reddito del dichiarante: € 15.494 Reddito del coniuge:€ 12.911 Presenza di invalido superiore al 66% (L. 104/1992) Abitazione in locazione, con canone annuo di € 7.230,40 Valore IMU di altri immobili posseduti: € 25.823 Patrimonio mobiliare: € 25.500   L’indicatore Isee, fatte le opportune detrazioni e riparametrato per il coefficiente del nucleo familiare, è pari a € 10.721,72

LE NOVITA’

  • Redditi considerati ai fini del Isr (indicatore reddituale): il reddito includerà anche somme fiscalmente esenti come ad esempio le somme di cui i soggetti beneficiano per finalità assistenziali o risarcitorie; i redditi derivanti da pensioni di guerra; pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva; pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni, erogati dal ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordomuti e agli invalidi civili; sussidi a favore degli hanseani; pensioni sociali, assegni sociali e maggiorazioni sociali; borse di studio corrisposte a studenti universitari; rendite erogate dall’INAIL esclusivamente per invalidità o per morte; le pensioni di invalidità
  • Maggior peso della componente patrimoniale (maggior peso per la casa e minore franchigia per la componente mobiliare)
  • Riduzione dell’area di autodichiarazione consentendo di rafforzare i controlli e ridurre le situazioni di accesso indebito alle prestazioni agevolate.
  • Immobili: si considera patrimonio solo il valore della casa che eccede il valore del mutuo ancora in essere, mentre viene riservato un trattamento particolare alla prima casa.
  • La franchigia sul patrimonio mobiliare è ridotta a 6.000 euro, con un aumento di 2.000 euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino a un massimo di 10.000 euro. Questa soglia è incrementata di 1.000 euro per ogni figlio componente il nucleo familiare successivo al secondo.

 

della stessa autrice:

SPECIALE IVA

Attività con regimi particolari

di Matilde Fiammelli

In vendita a € 14,90


Pubblicato da il 4 dicembre 2013 alle 14:12 in Fisco
Tags: , , , , , ,


33 Commenti per Nuovo Isee 2014, come si calcola da oggi: esempi e novità dal decreto

  1. Mitiko

    Volevo solo dire a tutti coloro che qui hanno scritto per lamentarsi dei politici che abbiamo…. guardate che li abbiamo messi noi non ci sono stati imposti.. e a chi dice che non vota da anni gli rispondo che con il suo non voto ha contribuito alla loro elezione….. per quanto riguarda Renzi io non sono di sinistra ma lo voterò la prossima volta e sapete perché…. alcune cose anche se brutte vedi art. 18 andavano fatte… mentre i sindacalisti venduti per un piatto di lenticchie che rappresentano i lavoratori li manderei tt a casa o a zappare e non al parlamento come solitamente accade in italia…. quindi continuate a piangervi a dosso e continuate a non andare a votare e continuate a favorire di conseguenza chi vuole fare della politica solo i cavoli proprio…. un ultima cosa se poi volete andare a votare per la lega o per i 5 stelle … fate prima a scegliervi un treno e fatevi investire perché non avete capito proprio nulla della vita…. inoltre se conoscete qualcuno che evade o che ha un tenore di vita superiore alle sue possibilità o che percepisce pensioni non dovute denunciateli anche in modo anonimo…. buon anno a tutti

  2. fiore

    perche arrabiarsi fate come me io e 6 anni che non pago piu niente svegliatevi…

  3. Susanna

    Possedere una vettura può incidere sul calcolo isee grazie

  4. Andrea1964

    Quei porci incapaci-mafiosi – fascisti di politici italiani che ci governano in Italia da sempre fanno di tutto per far credere al mondo che gli italiani sono un popolo ricco -benestante con un sistema sociale moderno ecco a cosa serve la truffa del nuovo ISEE ASSURDO ! Quando avevo 5 anni di età nel lontano 1969 avevo già capito che lo Stato Italiano di merda aveva un sistema sociale incivile da quarto mondo !
    Sono passati da allora quasi 50 anni e nulla è cambiato in meglio in Italia !
    Anzi negli ultimi 35 anni in Italia tutto quel poco che avevamo di sistema sociale è stato abolito o lo hanno peggiorato !
    Con il vecchio ISEE che era una vera è propria truffa Statalizzata fatta ai danni dei poveri cittadini italiani io povero cittadino italiano ex operaio disoccupato con 29 anni di contributi pensionistici sono senza sussidio di disoccupazione né ho una pensione né sono proprietario di case malgrado tutto ciò con il vecchio ISEE ero considerato un italiano ricco !
    Essendo un cittadino italiano ricco (si fa dire con il vecchio ISEE ) lo Stato Italiano di merda non mi elargiva nessun aiuto sociale di nessun genere !
    Con il nuovo ISEE voluto dal dittatore fascista mafioso di Renzie è dal suo governo di ladri cialtroni incapaci se perdessi tempo per fare il nuovo ISEE verrei considerato dallo Stato Italiano di merda un cittadino italiano super ricco e forse anche verrei considerato un “evasore fiscale !
    Con il nuovo ISEE SUPER-TRUFFA un cittadino italiano che fa la vita del barbone o del senza tetto se dorme sotto un portico ubicato in centro città viene considerato un cittadino ricco è benestante poiché dorme in posto dove gli immobili costano 5 mila euro al metro quadrato !

    Non avete capito che questo nuovo ISEE è una CRIMINALE TRUFFA architettata apposta dal regime dittatoriale italiano mafioso-fascista per NON ELARGIRE più NESSUN SERVIZIO SOCIALE AI CITTADINI ITALIANI POVERI ?

  5. Roberto

    iTALIA governata da LADRONI!!!! tipico esempio in questi calcoli assurdi !!! ma dove siamo arrivati MA CHI CI STA GOVERNANDO !!?? PER MODO DIRE CHE DICE DI TENERE PER L’OPERAIO ED I PENSIONATI ED INVECE VEDIAMO I RISULTATI DISOCCUPAZIONE IN SPAVENTOSO AUMENTO COSTI DELLA VITA ASSURDI MA IL NOSTRO CARO RENZI STA PENSANDO SOLO AL SUO STIPENDIO MO NON AI DISOCCUPATI DI TUTTE LE ETA’ E PER FINIRE VEDIAMO LE ULTIME VOTAZIONI REGIONALI MA GLI ITALIANI NON HANNO VISTO COSA STA SUCCEDENDO CON GLI GOVERNI!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. carlo

    cari signori è inutile che vi lamentate a parole (Scritte) sul web, l italia ha i governanti che si merita.
    Quando si passera’ dalle parole ai FATTI, forse cambiera’ qualcosa…. per ora consumate tastiera e mouse che ancora avete i soldi per l adsl e la linea… presto nemmeno quella!

  7. vorrei dire due parole sono una mamma di 4 figli vorrei dire al governo che oggi a me domani a voi com si dice al mio paese voglio solo un lavoro se posibile per mio marito arivederci statv buon

  8. antonio

    salve vorrei sapere ,avendo un figlio studente universitario,se nella dichiarazione sostitutiva unica e iseeu devo dichiarare il mio reddito percepito dall’estero lavorando alle NAZIONI UNITE di brindisi e residenti quindi in italia. grazie

  9. carmine

    VORREI DIRE:

    come si fa a non capire che questi ladroni che stanno al governo pur di non ritoccarsi lo stipendio in basso vanno a trovare scuse e balzelli di ogni genere.

    1°- perché vogliono sapere solo quello che entra in famiglia e non tutto quello che si spende.

    2°- perché e considerato ricco un operaio o un pensionato con 1200/1300 euro al mese e dove ogni governo mette mano per ridurre sempre tale stipendio con nuove tasse.

    3°- perché non introducono l’equità di tassare in base alla differenza di quello che si quadagna e quello che si spende.

    4°- perché un poveraccio che aquista un’auto paga l’iva e non puo’ detrarla,e chi l’aquista tramite societa’ la scarica come spesa.

    5°-perché non autorizzano a tutte le societa’ che vendono beni di consumo a cominicare il nominativo dell’aquirente all’agenzia delle entrate(pena grandissime multe).in modo che se uno compra una casa un auto e spende 100mila euro e ne dichiara 20mila,allora mazzate da orbi.

    6°-perché non ci spiegano questi ladroni quanto occore ad ogni persona per poter vivere degnamente.una famiglia che quadagna 18000mila euro l’anno e sono in quattro,sono 4500 euro al mese cd all’anno,sono 18 euro al giorno(ho detto bene 18euro al giorno) dale quali bisogna togliere pigione,luce acqua,gas,telefono,tiket,auto con relative spese,scuola,e finalmente il cibo,come comprarlo.

    io dico una cosa……………………………….si ci muoviamo i tanti poveri,ci saranno sicuramente meno ricchi e meno ladri.

  10. POVERACCIO

    UN SOLO COMME

    QUESTA E UNA NAZIONE A MISURA PER I FARABUTTI COME POLITICI , ISTITUTI BANCARI ,GROSSE HPLDING SPECIALIZZATI NEL FOTTERE IL PROSSIMO.ADESSO CI SI METTE PURE QUELLO CKE STABIòISCE òE REGOLE.RICORDAATEVI CHE C E UN LIMITE ATUTTO E òE CONSEGUWNZE SONO INCONTROLLABILI.

  11. MONICA

    Si aiutino di più coloro che hanno problemi di reddito e di disoccupazione, aiutare si i disabili a livello sanitario, ma basta favori e privilegi a chi non ne ha diritto!!!
    Che il Governo agisca bene e in modo determinato. L’evasione fiscale si deve combattere!!

  12. MONICA

    Spero il governo cancelli non solo il Cnel fra gli enti inutili ma anche l’Isee e faccia un indagine su chi abusa di privilegi che non gli spettano. Io ho una cugina (io sono sarda) che frequenta l’università a Cagliari la Facoltà di Beni Culturali che non paga un euro di tasse perchè ha il fratello disabile: soffre di X Fragile o Sindrome di marthin bell. Una vera presa per i fondelli per chi studia e si paga le tasse fino all’ultimo facendo anche molti sacrifici lavorando e studiando. Mi sono fermata al diploma perchè per questioni familiari non ho potuto ma se avessi deciso di laurearmi mi sare pagata gli studi di tasca mia senza favori da parte di nessuno!!! Una vera vergogna!!! Anche se si tratta di una perente ne parlo perchè le ingiustizie devono essere combattute sempre e comunque!!!
    Speriamo il governo cancelli anche questo privilegio!!! Conosco persone che anche se hanno delle disabilità pagano eccome Università comprese!!!
    Vergogna!!!!

  13. franco

    Buonasera, Dovrei chiedere la dote scuola per mio figlio, dovendo fare calcolare l’Isee devo dichiarare anche i buoni postali e investimenti in banca dove sono cointestato con mia madre? o non riguardano il mio nucleo famigliare? Grazie a chi sa darmi una risposta.

  14. andrea

    Vorrei anch’io commentare questa vergogna. Il modello ISEE indica un valore di reddito riferito all’anno precedente, (per giunta calcolato al lordo), e mi chiedo come nel mio caso con un reddito di 11,000 euro, sia escluso da benefici sociali, visto il tipo di contratto “INTERINALE partime 4 ore”. Se dividiamo questo reddito per 12 mesi risulta 916 euro mensili ( LORDI) , perche il mio stipendio reale netto si aggirava tra 800-850. Dunque il reddito reale su cui potevo sostenermi non e 11.000 ma bensi 10.200 euro circa. A questo reddito vanno calcolate le spese di sopravvivenza necessarie, e ripeto necessarie, cioe ( 1 figlia, affitto, luce, acqua, gas, vestiario, alimentare, sanitarie, assicurazione auto, benzina, e altro che si sa che ormai sono necessarie. Questo blocco di spese non possono essere ritenuti redditi di ricchezza, ma di sopravvivenza, in piu l’anno sucessivo non posso essere a conoscenza del mio reddito perche appunto il mio lavoro era con CONTRATTO A TERMINE CON POSSIBILITA DI PROROGHE. Poi nel calcolo di tutte queste spese indispensabili, da quel reddito non mi e rimasto nulla, per poterlo chiamare “risparmio di ricchezza” per poter affrontare l’anno sucessivo tutte le spese di tipo “SANITARIO, NESSUNA RIDUZIONE D’AFFITTO, LUCE, ACQUA, GAS, E ALTRO, Ora mi trovo nella situazione di DISOCCUPATO, con un assegno di 600 euro, e da questo devo affrontare tutte le stesse spese come prima, cioe come se lavorassi. Mi chiedo se questo governo si possa chiamare GOVERNO. quando vedo queste cose penso a una sola cosa, che siamo governati da mafiosi senza scrupoli, vogliono soldi a tutti i costi, e mettono famiglie, nella miseria piu totale. GOVERNO MAFIOSO DA ELI
    MINARE

  15. alessandro

    vi racconto la mia situazione grazie ai signori politici …..mia madre vedova di 65 anni completamente paralizzata perchè avuto un ictus percepisce indennità accompagno e reversibilità di mio padre di 800 euro di pensione nn ha altri redditi ne case ne terreni io sono l’unico figlio lei vive ricoverata in una rsa dove si prendono cura di lei xchè ha delle macchine sempre attaccate a lei ,in pratica con il nuovo isee mia madre risulta ricca xchè deve dichiarare 800 euro di pensione e 800 euro tra indennità accompagno e invalidità morale della favola per colpa del valore isee che ne viene fuori la retta presso la struttura rsa è calcolata sul massimo della tariffa circa 3000 euro mensili ,prima con il vecchio sistema isee gli prendevano tutta la pensione e accompagno e nn gli rimaneva cmq nulla per se e provvedevo io per le sue necessitudini ,ora con il nuovo sistema rischio che mi portano via la casa a me unico figlio per pagare la retta di mia madre ,questo è quanto succede attualmente in italia alle persone più bisognose che vivono in stato economico e di slaute precario…..VERGOGNA!!!!!

  16. mario

    oramai siamo governati da gente che non sa fare niente tranne quello di tassarci su tutto,anche sull’impossibile,poi i risparmi io consiglio di tenerli ben nascosti in casa o farsi un po di carte ricaricabili.che non risultano depositati da nessuna parte,questi non vogliono scoprire i furbi,perche li potevano scoprire anche col vecchio calcolo,solo vogliono far sembrare tutti piu’ ricchi per escuderli da tutte le esenzioni.

  17. ago

    Secondo qualche persona facendo sto benedetto isee ci saranno sempre i finti poveri giusto?allora oggi è finita l”era dei fessi con i controlli incrociati è difficile per questi imbroglioni,i controlli appunto arrivano ai beni direttamente puoi dire che non hai nulla ma se cè, arrivano a beccare i prestanomi, e poi le autocertificazioni sono controllate tutte a digferenza degli anni scorsi,quindi è vita difficile per chi vuole imbrogliare e penso che si vede ogni giorno si sente parlare al tg che beccano centinaia di finti poveri falsi invalidi, stroncano migliaia di agevolazioni ogni giorno .,sanitarie scolastiche economiche mense ecc.mica possono dire tutto in tg.chiedere un esenzione medica è non averne diritto comporta una sanzione economica e penale.è finita per i furbi certo cè qualche eccezione ma pian piano li beccano tutti

  18. I falsi poveri ci saranno sempre, sono quelli che dichiarano di essere disoccupati, ma lavorano senza contratto, senza busta paga, ma percepiscono un salario medio, alto, superiore ad un lavoratore co busta paga facilmente controllabile.
    Il così detto disoccupato ha un Isee con reddito zero, avrà diritto a tutte le agevolazioni comunali, statali, dell’Asl, dell’Inps; mentre il povero dipendente con busta paga e CUD non avrà diritto alle agevolazioni del tiket medicinali in quanto il suo Isee supera i 13000 ( tredicimila euro) .
    Prendi il caso di unasignora nubile pensionata Inps che percepisce circa € 1000 al mese, invalida al 100% con accompagnamento con assegno mensile di € 500, ha una casa di proprietà affittata a € 300 euro al mese, deve pagare una badante per l’accudimento dandogli € 700 col rimanente deve pagare la bolletta della luce, del telefono, del gas, dell’Imu seconda casa, deve alimentarsi lei e la badante, per fortuna non paga pigione perchè alloggiata a titolo gratuito da un parente di 3° grado il quale su quella casa paga l’IMU come seconda casa, la spazzatura, l’ acqua et cet. Dalla pensionata lo stato sulla casa affittata preleva circa € 600 all’anno ai fini Irpef, alla signora non le resta quasi niente, a volte va a prendersi qualche euro dalla libretta di risparmio postale, soldi da lei depositati quando c’era la lira e non c’erano tante tasse inique .

  19. pizza bruno

    Dopo avere letto come verrà calcolata l’isee 2014 spero che cada il
    governo e che non vengano approvati i decreti attuativi.
    In caso contrario salteranno le poche agevolazioni che ancora abbiamo
    e saremo equiparati ai ricchi.

  20. Giovanni De Vivo

    Al Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano
    Palazzo del Quirinale – Piazza del Quirinale – 00187 Roma

    Al Presidente della Corte Costituzionale Prof. Gaetano Silvestri
    Palazzo della Consulta – Piazza del Quirinale, 41 – 00187 Roma

    Al Presidente del Consiglio dei Ministri On. le Prof. Enrico Letta
    Palazzo Chigi – Piazza Colonna, 370 – 00187 ROMA

    Al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Prof. Enrico Giovannini
    Via Veneto, 56 – 00187 Roma

    Al Tribunale Ordinario di …

    Al Tribunale Amministrativo Regionale …

    Al Consiglio di Stato
    Palazzo Spada – Piazza Capo di Ferro, 13 – 00186 Roma

    Agli Enti ed Organismi nazionali aventi finalità assistenziali
    riconosciuti dal Ministero dell’Interno
    ai sensi dell’art. 3, comma 6, lett. e) della Legge n. 287/1991
    e ai sensi 20 del DPR N.640/1972

    Spettabili Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano
    Presidente della Corte Costituzionale Prof. Gaetano Silvestri
    Presidente del Consiglio dei Ministri On. le Prof. Enrico Letta
    Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Prof. Enrico Giovannini
    Enti ed Organismi nazionali aventi finalità assistenziali riconosciuti

    In merito all’approvazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 dicembre 2013 avente ad oggetto “Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE)”, in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Serie Generale,

    voglio precisare che tale regolamento, avente forza di legge e carattere di fonte normativa secondaria, è illegittimo in quanto contrario alle seguenti Leggi:

    • art. 34 DPR 29 settembre 1973 n. 601
    • art. 77 DPR 23 dicembre 1978 n. 915
    • art. 6 DPR 22 dicembre 1986 n.917 art. 6
    • art. 3.2 Circolare I.N.P.S. 23 ottobre 1998 n. 223

    oltre ad essere contrario alla Costituzione in quanto lo è anche la legge che lo autorizza [art. 5 del Decreto Salva Italia (art. 5 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214)] ed infatti due sentenze della Corte Costituzionale si sono espresse in tal senso e cioè:

    • sentenza 296/2012, udienza pubblica del 23/10/2012, decisione dell’11/12/2012, depositata il 19/12/2012, pubblicata in G.U. 1^ serie speciale – Corte Costituzionale del 27/12/2012

    • sentenza 297/2012, udienza pubblica del 07/11/2012, decisione dell’11/12/2012, depositata il 19/12/2012, pubblicata in G.U. 1^ serie speciale – Corte Costituzionale del 27/12/2012

    CHIEDO pertanto che tale atto amministrativo di alta amministrazione, illegittimo nel contenuto, sia dichiarato nullo (e cioè inesistente, inefficace e insanabile) sia davanti al giudice ordinario poiché lede diritti soggettivi, sia davanti al giudice amministrativo poiché lede interessi legittimi e di farne dare esecuzione nei casi di elusione e violazione del giudicato (cosiddetto giudizio di ottemperanza).

    “Le rendite vitalizie erogate dall’INAIL, le pensioni di guerra e le indennità di accompagnamento, le altre provvidenze economiche-assistenziali agli invalidi civili, per la loro natura risarcitoria, non costituiscono reddito e, quindi, non vanno conteggiate nemmeno tra i redditi esenti.”

    Allegati:

    • DPCM del 3 dicembre 2013
    • La riforma dell’ISEE
    • La riforma dell’ISEE (scheda di sintesi)
    • Quesiti pervenuti all’inps in merito alla determinazione dell’ ISE/ISEE
    • Quesito pervenuto al sito http://www.superabile.it
    • Appendice documenti necessari per determinare l’ISEE
    • Istruzioni Inps per la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica
    • art. 34 DPR 29 settembre 1973 n. 601
    • art. 77 DPR 23 dicembre 1978 n. 915
    • art. 6 DPR 22 dicembre 1986 n.917 art. 6
    • art. 3.2 Circolare I.N.P.S. 23 ottobre 1998 n. 223
    • sentenza 296/2012 Corte Costituzionale
    • sentenza 297/2012 Corte Costituzionale

    Link:

    http://www.lavoro.gov.it/PrimoPiano/Pages/20131203_Riforma-ISEE.aspx
    http://www.inps.it/servizi/isee/faq/faq.htm
    http://www.superabile.it/web/it/COMMUNITY/L'esperto_risponde/Lavoro/info-1503488106.html
    https://www.er-go.it/fileadmin/user_upload/bandi_09_10/Appendice.pdf
    http://servizi.inps.it/servizi/isee/informazioni/istruzioni.pdf
    http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:presidente.repubblica:decreto:1973;601!vig=~art34
    http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:presidente.repubblica:decreto:1978-12-23;915!vig=~art77
    http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.del.presidente.della.repubblica:1986-12-22;917!vig=~art6
    http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=%2FCircolari%2FCircolare%20numero%20223%20del%2023-10-1998.htm
    http://www.grusol.it/informazioni/22-12-12_1.PDF
    http://www.cortecostituzionale.it/actionPronuncia.do

    Cordiali saluti.

    Giovanni De Vivo

  21. giuseppe

    Scusatemi se posso,vorrei dire la mia.E arrivata la tares e la gente fa la coda alle poste per pagare arriva l’imu e facciamo la stessa cosa ora arrivera’ la mini imu a fine gennaio e paghiamo.Basta e ora di alzare la testa e reaggire come faranno iforconi.Ci fanno pagare anche l’aria che respiriamo. Quello che vi scrive e’ un padre disoccupato con 5 persone ha carico ha cui non e’ stata accettata l’esenzione perche’ mia figlia percepisce uno stipendio di 850 euri Vergognaaaaaaaaaa !!!!!!!!!

  22. Luigi

    Da una prima sommaria della nuova Isee balza all’occhio che, grazie all’inserimento dei redditi fiscalmente non imponibili, si determina un evidente aumento del valore e una conseguente perdita di sostegni al reddito per persone più disagiate (anziani, disabili ecc.). Un bilanciamento tra redditi nuovi da inserire e spese da detrarre (badanti e case di riposo in particolare per disabili) avrebbe determinato una equità maggiore.
    Ci sono solo +++ e mancano i – - -.
    Opportuno un riesame del provvedimento.

    Luigi

  23. MARIO

    se ho ben capito il povero ora diventa ricco secondo l’isee 2014 esempio mia madre percepisce pensione sociale et assegno di accompagnamento unendoli e ricono scendoli come reddito l’isee supera la soglia per agevolazioni tipo tiket,luce gas ecc ora con quali soldi dovra’ affrontare tutto cio’ deve lincenziare la badante?e chi l’assiste? e i medicinali et visite mediche con quali soldi li paga,visto che tolti i soldi per badante,acqua luce gas telefono fitto cibo ecc ne restano pochissimi………….chi ha scritto il nuovo isee non sa’ cosa vuol dire essere povero………..

  24. Ferdinando

    Tutto calcolato loro hanno rubbato x decenni e noi dobbiamo sobbarcarci i debiti che questi delinquenti incapaci di politici hanno fatto , e vero con questo nuovo isee fotteranno 3/4 della popolazione che veramente ancora ha qualche piccola aggevolazione , già abbiamo un welfare all’osso ma sarà quasi annullato.
    Ho già detto ai impiegati comunali del mio comune che non devono preoccuparsi del lavoro da gennaio gli uffici delle politiche sociali dei comuni potranno anche chiudere non ci sarà niente piu da richiederedato che con questo isee usciranno la stragande maggioranza fuori.

  25. maria

    Perchè vogliono solo +++++ e non – - – - perchè non detraggono oltre l’affitto, l’addizionale comunale, l’addizionale regionale, le spese mediche, i medicinali, gli abbonamenti per i mezzi,i prestiti, la luce, il gas, il telefono, l’acqua, il mangiare, i libri per i figli, ma sono bravi solo a chiedere il LORDO degli stipendi o pensioni, dal CUD risultano circa 20mila euro ma a dati di fatto, da una pensione di 1.200 eure al NETTO,diventa ancora più NETTO,NETTO,NETTO allora perchè non ci battiamo che venga rivista tutta la legge sul fisco che a me pare che in Italia sia la peggiore!!!!,se io documento effettivamente cosa spendo è quello che dovrei dichiarare, MA INVECE NOOOOOOO, si permette invece ai disoccupati che invece sono più occupati dei poveri impiegati,pensionati, quanta gente occupa posti al comune come consiglieri, ma anche impiegati che rubano lo stipendio, non sono SOLO LE PENDIONI D’ORO, ma ci sono anche guadagni di CHIUMMO,che influiscono a far si che ripeto i poveri impiegati,pensionati pagano per loro,, meno male che c’è una speranza, per chi crede che lì tutto questo non ci sarà

  26. Silvia

    Isee 2014: ennesima supposta nel c….
    Che significa si considera la rendita rivalutata ai fini imu! Se come nel mio caso si è disoccupata e sola con un bebe’, ma proprietaria (ereditata) di una casa popolare vincolata col divieto di venderla (ma sulla quale ci sono fior di tasse), come può incidere così tanto sul reddito? Vorra’ dire che La retta del nido la pago con i mattoni ….
    Perché si pensa che siano le famiglie numerose quelle in difficoltà, la realtà e’ che sono le famiglie con un unico genitore le vere penalizzate…..
    Il governo le studia tutte per fare sempre peggio…..che schifo

  27. Antonio

    Adesso occorre dichiarare anche le indennità. Di frequenza. Per minori, e somme risarcite per l’assassinio in ospedale di un parente. Vergogna

  28. marco

    Il nuovo isee non è per i furbi, serve semplicemente a rendere più ricchi i cittadini in modo da escluderli dai servizi.
    Fatevi i calcoli prima del 31 dicembre e vedete se è il caso di tenere titoli e risprmi sul conto corrente o se invece è più conveniente tenerli sotto il mattone.

  29. michele

    con quattro figli e un reddito di22000 euro con un t.f.r.di 25000 un casa di proprietà con r.c. 630 non avrò diritto all’assegno di tre figli erogato dal comune

  30. michele

    ho 4 figli un reddito di 22000 euro lavoro da 17 anni sempre con la stessa azienda ho una casa di proprietà r.c. 630 non ho mai preso il t.f.r.che è completamente in azienda, con questo nuovo calcolo perderò l’assegno dei tre figli erogati dai comuni.

  31. antonio

    Carissimo Presidente del Consiglio, io non capisco, avete lottato per togliere l’odiosa l’IMU dalla prima casa e adesso volete abbattere la franchigia relativa alla prima casa dal modello isee, con la pretesa di scoprire i finti poveri?????? prima dovete aggiustare i valori delle abitazioni, ovvero io che ho una casa in periferia non è assolutamente corretto che paghi più di uno che abbia una casa al centro città, in quanto sicuramente ha un valore molto più elevato. Ad ogni modo per evitare di agevolare i finti poveri dovete far controllare il reddito dei genitori e non prendere in considerazione il fatto che se cambiano residenza non hanno alcun reddito.

  32. antonietta

    Di questi tempi forse non avviene ma se una famiglia con reddito riesce a risparmiare, lasciando sul proprio c/c il 20% del reddito prodotto, sarà penalizzato perchè il calcolo sarà fatto doppiamente sia sul reddito lordo certificato che sul rispiarmio accantonato sul c/c. (20%). Allora occorrerà non rispiarmiare mai !!!? oppure tenersi i pochi soldi a casa.. Aggiustate il calcolo!!!!

  33. Fernando

    E’ mai possibile che il dramma dell’italia (volutamente minuscola ) siano proprio i falsi ise ed isee, ed i falsi invalidi??????????????? MA COLORO CHE RUBANO MILIONI DI EURO NELLE REGIONI, (FINANZIAMENTO ) CHI PERCEPISCE PENSIONI D’0R0 SENZA AVER LAVORATO UN GIORNO, MA AVENDO SCALDATO UNA SEDIA PERCHE’ SEDUTO LI DAL PARLAMENTARE DI TURNO. E VOI CHE CONTATE PERCHE’ NON METTETE IN EVIDENZA TUTTE QUESTE PORCHERIE. FATE RUMORE CON LE VOSTRE PENNE. GRAZIE PER L’OSPITALITA’ BUON LAVORO, E SE RIUSCITE BEONE FESTE.
    FERNANDO

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Matilde Fiammelli

Commercialista, revisore dei conti

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Professioni 14 novembre 2014, 09:46

730 precompilato: cosa cambia dal 2015 per i professionisti

Le novità in arrivo con la dichiarazione dei redditi precompilata. Non solo dipendenti e pensionati: novità anche per i professionisti e gli studi

Fisco 11 novembre 2014, 15:19

L’esperimento della dichiarazione precompilata: cosa cambia dal 2015 per i contribuenti

L’esperimento della dichiarazione dei redditi precompilata: chi, cosa, come e quando del nuovo modello per dipendenti dei pensionati in partenza dal 2015

Fisco 5 novembre 2014, 15:08

2015: in arrivo il 730 precompilato

Come si è arrivati al modello 730 precompilato che partirà nel 2015 e quali novità sono in arrivo. I contribuenti interessati e i redditi da comunicare

Fisco 24 ottobre 2014, 11:23

Le operazioni con San Marino dopo l’eliminazione dalla black list

La guida alle operazioni commerciali, finanziarie e fiscali con il paese di San Marino a seguito della nota Mef che lo ha escluso dalla Black list

Fisco 15 ottobre 2014, 16:33

Tasi: 11 casi pratici. Ultima parte

Giovedì 16 ottobre scade il termine per il pagamento dell’imposta sulla casa, Tasi o Imu: nudo proprietario, coniuge defunto e comodato d’uso gratuito


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su