Speciale riforma PA

Fisco 21 maggio 2013, 10:45

Decreto Imu 2013: la sospensione complica le dichiarazioni

Il decreto Blocca Imu può creare difficoltà: ecco gli errori principali


Il proverbio “chi prima arriva meglio alloggia” non è sempre vero; lo stanno sperimentando i 100 mila contribuenti che hanno già compensato in dichiarazione un’ Imu sulla casa che ritenevano giustamente di dover pagare. Dunque per rimediare a questa “svista” dovranno correggere i dati entro il 31 maggio oppure, se sono passati attraverso il sostituto d’imposta, non hanno altra scelta se non aspettare ottobre per la dichiarazione integrativa. E sempre in tema di proverbi è il caso di dire anche “mal comune mezzo gaudio” visto che non sono solo loro a subire l’ultimo di una lunga serie di scossoni normativi generati da un decreto che sta contribuendo alla creazione dell’incertezza o che non affronta problemi già esistenti.

Dal 2012 l’Imu ha rimpiazzato, per quanto riguarda la componente immobiliare, l’Irpef e le rispettive addizionali dovute sui “redditi fondiari relativi ai beni non locati” (art.8, comma 1, decreto legislativo n. 23/2011). Dunque, se è dovuta l’Imu, non è più dovuta l’Irpef, in questo modo in tema di abitazione principale, l’eventuale abolizione dell’Imu non determina l’automatica tassazione a Irpef, dal momento che sarebbe vigente la deduzione integrale dal reddito (art. 10, comma 3-bis del Tuir).

Per i terreni agricoli e i fabbricati rurali, non locati, invece, la possibile esenzione dall’Imu determinerà l’applicazione dell’Irpef e delle rispettive addizionali, rispettivamente sui relativi redditi dominicali e dei fabbricati. Se la riforma opterà, come sembra, per l’esenzione Imu dal 2013, chi corrisponderà entro il 17 giugno 2013 gli acconti Irpef 2013 stimandoli con il metodo previsionale farà “l’errore” di non calcolare l’Irpef su questi redditi, ritornati imponibili Irpef, a seguito della loro nuova esenzione da Imu. L’acconto Irpef 2013 sarà corretto, invece, per i contribuenti che sceglieranno di effettuare il calcolo con il metodo storico, ossia basandosi sui dati consuntivi del 2012.

Non bisogna poi trascurare il fatto che la sospensione della rata si applica sicuramente solo agli immobili a cui è stato riconosciuto il requisito di ruralità, invece per quelli che, pur essendo rurali in realtà, non sono classificati in D/10 e soprattutto non sono stati inseriti nel requisito di ruralità negli atti catastali, il mancato pagamento della rata di giugno espone naturalmente al rischio di vedersi richiedere pagamento, mora e sanzioni da parte del Comune.

Per quanto riguarda i terreni, va invece ricordato che la sospensione si applica sia agli imprenditori agricoli professionali (Iap) sia agli altri proprietari, perché il decreto “blocca-Imu” richiama l’articolo 13, comma 5 del Dl 201/2011 che concerne sia coltivatori diretti e Iap sia gli altri soggetti. Per un’interpretazione analogica, si possono far rientrare nel raggio d’azione del decreto anche i piccoli orti che l’Imu ha inserito fra i beni tassati ma sono nella sostanza equiparabili a terreni agricoli.

Per determinare con precisione la geografia della sospensione, e scongiurare errori che possono generare contestazioni, è bene ricordare che l’Imu fissa limiti precisi al trattamento per l’abitazione principale. In merito alle pertinenze, aliquote agevolate (e quindi pagamenti sospesi) possono riguardare solo un’unità immobiliare per categoria (C/2, magazzini; C/6, rimesse e garage; C/7, tettoie), per cui il proprietario di una casa con due cantine o due garage accatastati separatamente dovrà continuare a pagare sulla pertinenza “di troppo” con le regole per gli immobili diversi dall’abitazione principale.

Discorso simile per le assimilazioni delle case possedute da residenti all’estero o anziani ricoverati: la sospensione si applica solo se il Comune ha assimilato questi immobili all’abitazione principale (capita più spesso con le case degli anziani che con quelli dei residenti all’estero, anche perché questi ultimi in genere non votano alle amministrative).

Come già detto più volte le abitazioni che non sono quella principale ovviamente non rientrano nella sospensione, e devono pagare a giugno. Differentemente dallo scorso anno, nella prima rata si pagherà il 50% dell’imposta determinata sulle aliquote locali decise nel 2012, e l’imposta andrà tutta al Comune (non è quindi più necessario distinguere la quota erariale da quella locale).


Pubblicato da il 21 maggio 2013 alle 10:05 in Fisco
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Flash 22 settembre 2014, 16:10

Expo 2015, il video del cantiere ripreso dall’alto da un drone

Guarda il video del drone che sorvola il cantiere di Expo 2015 a Milano: si chiama operazione “Belvedere in città” e vede in regia Telecom Italia

Fisco 22 settembre 2014, 14:52

Concorso Agenzia delle Entrate 2014, come preparare gli scritti

Dal 25 al 28 novembre le sessioni dei 140 funzionari: cosa studiare

Edilizia 22 settembre 2014, 09:39

Decreto Sblocca Italia, ultimi chiarimenti su edilizia e sconti fiscali

Deduzioni per la compravendita di immobili e requisiti per le agevolazioni

Fisco 22 settembre 2014, 07:52

Modello Unico 2014, scadenza imminente: come inviare la dichiarazione

Tutto le istruzioni per l’invio telematico sui redditi 2013

Giustizia 19 settembre 2014, 15:31

Divorzio breve e processo civile, le novità in arrivo della riforma

Disciplina transitoria e cosa è in vigore: le novità del decreto 132


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su