Speciale riforma PA

Codice Strada Novità Codice Strada 27 dicembre 2012, 13:00

Legge di Stabilità 2013: si gomme termiche e catene no a calze da neve

Gli automobilisti che faranno uso delle calze da neve a rischio multa


La legge di stabilità è stato l’ultimo treno utile su cui far salire il maggior numero di provvedimenti che il Governo potesse approvare in extremis vista la fine, più o meno naturale, della legislatura; questa necessità ha fatto sì che al suo interno confluissero anche soluzioni e norme piuttosto diverse fra loro, una delle tante è la riforma del codice della strada che oltre alle patenti ha toccato anche l’obbligatorietà o meno delle gomme termiche.

In parlamento, a questo proposito, si è scatenata una vera e propria guerra, tra quanti sostengono strenuamente l’uso delle catene e quindi la possibilità di scegliere quali pneumatici montare sulla propria auto e quanti, invece, ritengano necessaria l’obbligatorietà delle gomme termiche. Questo scontro però è alimentato dall’esterno, sono infatti due grandi lobbisti come Filippo Maria Grasso (Pirelli) e Francesco Delzio (Autostrade) a muovere gli eserciti politici che si affrontano su questa questione.

Lo scontro fra Grasso e Delzio, che poi è semplicemente fra Pirelli e Autostrade, deriva da una norma inserita dal Governo nel decreto sviluppo che consentirà ai gestori delle strade extra – urbane di vietare il transito a chi non ha montato pneumatici termici “in previsione di manifestazioni atmosferiche nevose di rilevante intensità”. Non è tutto, infatti, nelle norme del codice della strada inserite nell’ultima legge di Stabilità emerge un’altra restrizione per gli automobilisti; rischia la multa, infatti, l’autista che in caso di maltempo con obbligo di catene a bordo monti le ruote del veicolo con i dispositivi tessili invece che le catene o il pneumatico termico.

Questi sistemi, in attesa di specifiche ministeriali, non sono ancora da ritenersi  equivalenti alle catene o ai pneumatici, nonostante la sezione III – ter, del Tar Lazio abbia, con l’ordinanza di sospensione n. 4432 del 7 dicembre 2012, messo in dubbio il parere negativo del ministero sull’equivalenza specificamente richiesta da un produttore  di calze da neve. L‘art. 6 del codice della strada  adesso prevede (dopo l’ultimo rimaneggiamento dovuto all’inserimento nella legge di stabilità) la possibilità da parte dell’ente proprietario della strada “di prescrivere che i veicoli siano muniti di mezzi antisdrucciolevoli o degli speciali pneumatici per la marcia su neve o ghiaccio”.

Il decreto del 13 marzo 2002, quello utilizzato dal ministero dei trasporti sostiene che gomme termiche e catene da neve si equivalgono, ma questa norma fa si che qualsiasi altro espediente contro gli agenti atmosferici rimanga escluso, quindi le “calze da neve” rientrano nei dispositivi non omologati. Esiste però un altro decreto, quello del 10 maggio 2011, che cambierà ancora una volta le carte in tavola; dal 1° aprile 2013, infatti, sarà abrogato il dm 13 marzo 2002 e nel frattempo possono essere usati anche in Italia dispositivi la cui validità deve essere però preventivamente valutata dal ministero dei trasporti.

In definitiva, almeno per il momento, per stare dalla parte del sicuro in caso di ghiaccio e neve in Italia è necessario avere con sé gomme invernali o catene tradizionali.

 


Pubblicato da il 27 dicembre 2012 alle 13:12 in Codice Strada Novità Codice Strada
Tags: , , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Giustizia 30 luglio 2014, 17:11

Carceri, nuovo decreto: incentivi per chi assume ex detenuti

Mentre si attende l’ok al testo in Senato, 30 milioni alle imprese

Fisco 30 luglio 2014, 16:09

Debiti con Equitalia: il prelievo dai conti correnti esiste già

Saldo in ritardo: pignoramento di oltre diecimila euro da conto corrente

Costituzionale 30 luglio 2014, 14:23

Chi è Giuseppe Tesauro, nuovo presidente della Corte Costituzionale

Avvocato cassazionista e docente, in passato ha guidato l’Antitrust

Welfare 30 luglio 2014, 10:05

Pensioni: gli effetti della legge Fornero. A Roma gli assegni top

Così sono cambiati gli assegni dopo diciotto mesi di cura Fornero

Welfare 29 luglio 2014, 18:12

Riforma Pa, ritardo in Commissione: tremano i Quota 96

Commissione Bilancio, stop al decreto 90? La pensione si complica


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su