Speciale riforma PA

Fisco 22 novembre 2012, 11:11

Legge di stabilità 2013: ecco tutte le novità del testo approvato alla Camera

Ieri la Camera ha votato le tre fiducie per i tre articoli della Legge di Stabilità con le modifiche della commissione Bilancio ora il senato


La Camera dei deputati, ieri, ha votato le tre fiducie necessarie per approvare il testo della legge di stabilità modificato secondo i dettami della commissione di Bilancio. Lo stesso testo, dopo l’approvazione definitiva prevista per oggi, successivamente verrà inviato al Senato che dovrà dare la conferma definitiva.

Fra le modifiche più interessanti approvate c’è senza dubbio l’aumento dell’Iva di un punto percentuale per quanto concerne l’aliquota del 21%, ricordiamo che quella del 10% è stata congelata, e la variazione delle aliquote Irpef. Quest’ultima misura è assai importante visto che permette di liberare quelle risorse necessarie per attuare le detrazioni per i figli a carico.

Altro elemento di rilevanza sono i fondi, per un totale di 800 milioni, destinati alla detassazione dei salari di produttività, un soccorso rivolto alla trattativa vigente fra le parti sociali e il Governo per trovare l’accordo sulla produttività.

Ci sono però ancora alcuni ambiti importanti su cui è necessario esprimersi, questo compito toccherà al Senato che dovrà occuparsi delle modifiche al patto di stabilità, dell’esenzione Irpef per le pensioni di reversibilità degli invalidi di guerra, delle ulteriori risorse da destinare alla sicurezza e delle norme contenute nella delega sulla Tobin-tax.

Qualora queste modifiche verranno apportate, una terza lettura sarà praticamente imprescindibile. Intanto qui di seguito riportiamo nel dettaglio le principali novità del testo della legge di Stabilità.

Approvato il via libera dal prossimo luglio all’aumento di 1 punto della aliquota Iva attualmente al 21%. Rimane congelata, almeno per il momento, all’incremento dell’aliquota al 10%.

Approvato il blocco delle aliquote Irpef che il Governo aveva invece deciso di farne una nuova stima al ribasso. Rimane, inoltre, l’esenzione Irpef per le pensioni di guerra anche se viene meno quella per gli assegni di reversibilità nella circostanza in cui i soggetti abbiano redditi superiori ai 15 mila euro.

E’ stato deciso, in ambito Irap, che verranno esentate le micro-imprese mediante un fondo di 540 milioni nel biennio 2014-15.

Stabiliti anche gli aumenti per le detrazioni per i figli a carico. Aumentano da 900 a 1.220 euro le detrazioni fiscali per i figli di eta’ inferiore ai tre anni, per i figli più grandi si passa da 800 a 950. Approvato l’incremento anche per le detrazioni per i figli con disabilita’ che arrivano ad un massimo di 1.620 euro, per quelli di eta’ inferiore ai tre anni. Blocco invece a tetti e franchigie e alla retroattività per le detrazioni fiscali.

Nell’ ambito dellaccordo sulla produttività decisa l’erogazione di 800 milioni in più da destinare per la detassazione dei premi di produttività tra il 2014 e il 2015.

E’ stato stabilito il credito d’imposta per quelle imprese che affidano attività di ricerca e sviluppo a università, enti pubblici di ricerca o organismi di ricerca, ossia che effettuano investimenti diretti in ricerca e sviluppo.

L’orario degli insegnanti non ha subito nessun aumento, secondo il testo uscito da Palazzo Chigi, infatti,  sarebbe dovuto passare da 18 a 24 ore. Per generare i fondi necessari alla copertura è stata decretata la chiusura di una delle sedi del ministero dell’Istruzione, in viale Kennedy a Roma, dal momento che veniva impiegata solo parzialmente. Prevista anche una riduzione di distacchi e permessi sindacali per docenti e personale scolastico, dei fondi per il progetto ‘smart city’ e dei Fondi First e Trin. In totale 47,5 milioni in meno anche per il fondo per l’offerta formativa.

Decretata l’erogazione alle scuole paritarie di 223 i milioni che saranno destinati alle scuole paritarie.

Il nuovo testo del Ddl stabilità prevede lo stop al blocco del turn over, deciso dalla spending review, per il comparto sicurezza, forze armate e soccorso pubblico. Salgono dal 20% al 50% del personale uscente le nuove assunzioni nel 2013 e nel 2014, mentre salgono al 70% nel 2015.

Un occhio di riguardo il Governo lo ha avuto anche per gli esodati, saranno 10.130, infatti, secondo la Ragioneria dello Stato, gli esodati salvaguardati dalla legge di stabilita’, oltre ai 120 mila già tutelati dagli altri provvedimenti. I 100 milioni necessari giungeranno dalle risorse gia’ stanziate ma non ancora utilizzate. Monitoraggio entro il 30 settembre 2013 e, nel caso in cui servissero risorse ulteriori, stop alla rivalutazione delle pensioni 6 volte maggiori della minima. Imposto il blocco anche alle rivalutazioni dei vitalizi dei politici regionali e nazionali, sono invece esclusi dalla platea dei tutelati i licenziati per via del fallimento dell’azienda.

E’ stata decisa anche una stretta sui falsi invalidi, sono in arrivo, infatti, mezzo di milione di nuove verifiche in tre anni per trovare i falsi invalidi civili nel prossimo triennio.

Confermato lo stanziamento, deciso in extremis, di 250 milioni di euro per le popolazioni colpite dai fenomeni alluvionali del novembre 2012. Le risorse saranno reperite dal Fondo per la produttivita’, che passa da 1.200 milioni a 950 milioni per il 2013.

Un’altra misura di soccorso è l’erogazione di 40 milioni di euro per il 2013 al fondo della protezione civile. Questo finanziamento è assegnato per gli interventi da realizzare nei territori colpiti da calamita’ naturali, Liguria, Toscana,Veneto, provincia di Messina, Marche, Emilia Romagna, Calabria e Basilicata.

Stabilita l’assegnazione di un contributo straordinario di 35 milioni per garantire la stabilita’ dell’equilibrio finanziario e il servizio di smaltimento rifiuti al comune dell’Aquila e gli altri comuni colpiti dal sisma del 2009.

Sono stati decurtati i fondi per il MO.S.E., più di un miliardo di euro in quattro anni dovranno permettere la prosecuzione dell’opera, 100 milioni in meno, rispetto al previsto che andranno ai comuni di Venezia, Chioggia e Cavallino Treporti per la realizzazione di una piattaforma d’altura davanti al Porto di Venezia.

Nell’ ambito dello stretto di Messina sono state trasferite alla Capitaneria di Porto di Messina le competenze dell’ Autorità marittima della navigazione dello Stretto di Messina.

Destinati dieci milioni nel 2013 per la zona del Belice, colpita dal terremoto oltre 40 anni fa. Lo scopo e’ quello di definire le contenzioni in atto.

Erogati 15 milioni di euro nel triennio 2013-2015 per finanziare le minoranze italiane in Slovenia, Croazia e per gli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia.

Per quanto concerne i provvedimenti di ottimizzare le spese nel settore sanitario, viene stabilito che le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano possono conseguire gli obiettivi di razionalizzazione del sistema sanitario mediante l’adozione di misure alternative alla riduzione del 10% degli importi e delle prestazioni dei contratti di appalto di servizi e fornitura di beni e di servizi sanitari, come contemplato dalla legge di stabilita’.

E’ stata decisa la chiusura dell’operazione “cieli bui”, il provvedimento, infatti, è stato stralciato per questioni di sicurezza in quanto prevedeva lo spegnimento parziale dell’illuminazione notturna nei centri abitati.

Le deduzioni forfettarie per le assunzioni a tempo indeterminato salgono a 7.500 euro per le donne mentre per i giovani sotto i 35 anni arrivano a 13.500 euro. Al sud gli sconti salgono a 15.000 euro, e per i giovani sotto i 35 anni arriva fino a 21.000 euro. Le deduzioni ai fini Irap potranno arrivare fino a 8.000 euro per le basi imponibili fino a 180.759 euro, che andranno a diminuire con l’aumentare della base imponibile.

E’ stato stabilito l’ok al Fondo di Palazzo Chigi da 900 milioni, con finalità sociali.

Approvato anche il dimezzamento del fondo per gli affitti degli immobili dello Stato nel 2013 che scende a 250 milioni di euro.

Decisa anche la riduzione del personale, stretta sulla consulenze e taglio dell’ esternalizzazione dei servizi informatici per gli enti di previdenza assistenza pubblici ai fini di risparmi si spesa pari a 300 milioni all’anno.

Infine a cominciare dal 2013 gli enti previdenziali rendono disponibile il Cud in modalità telematica.


Pubblicato da il 22 novembre 2012 alle 11:11 in Fisco
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,


9 Commenti per Legge di stabilità 2013: ecco tutte le novità del testo approvato alla Camera

  1. iavazzo innocente

    è una vergogna che la pensione di assegno invalidità non è compatibile per chi percepisce il sussidio di 572, 00 €uro per lavori socialmente uttili . basterebbe bloccare le pensione D’ORO a beneficio di tutti i lavoratori socialmente utili che dovrebbere percepire una misera pensione di invalidità. non solo il danno ma anche la beffa.

  2. Pingback: Legge di stabilità 2013, ok finale il 21 dicembre con condono edilizio

  3. pietro denisi

    Sarebbe ora di smetterla con queste ipocrisie. Il piegarsi a 90′ da parte di politici privi di scrupoli, nei confronti delle gerarchie ecclesiastiche. Le scuole private, chi le vuole, se le mantenga. Noi dobbiamo privileggiare la scuola pubblica, dove si accede per concorsi e non per amixcizia a senso unico. ( con stipendi da fame), dove la professionalità viene mortificata.
    E’ vero il fatto che dove ci vogiono tre maestre, la scuola privata ne impiega una ma. è anche vero il fatto che le maestre sono a spasso e le devono mantenere i genitori.
    La ricchezza deve essere distribuita e, la ricchezza è, anche, impiegare le risorse che abbiamo, al ricchezza del sapere. Non solo denaro è ricchezza ma anche il trasmettere e ricevere sapere è ricchezza.
    Di privato ce ne abbastanza, ferrovie, poste, telefonia e dulcis in fudu OSPEDALI, vedi il San Raffaele. Tutti begli esempi dello spreco, della corruzione e del disservizio. Queste privatizzazioni hanno scaricato sulle spalle nostre centinaia di migliaia se non milioni di lavoratori prepensionandoli. Non era meglio che questi avessero continuato ad essere impiegati in modo corretto per produrre servizi di più alta qualità per i cittadini?
    No. Si è preferito distruggere tecnici e specializzati per favorire l’arricchimento di di vecchi boiardi di stato, riciclati o di industriali falliti per incapacità dandogli in mano gioielli di stato. Solo cosi, i politici disonesti, hanno potuto mantenere il potere così a lungo, depauperando le ricchezze del popolo italiano. Statene certi, vigliacchi al potere. vi spazzeremo via come scarafaggi dalle cantine.

  4. Pingback: Legge di stabilità 2013: ultimi fondi per scuola, pensioni e sicurezza

  5. doris

    Cosa significa : I soldi alle scuole paritarie ?
    Significa sostenere le scuole dell’infanzia 3-6 anni che in molte realtà dell’italia rappresentano un servizio di pubblica utilità , ( vedi legge specifca sulla parità) senza le quali molti bambini resterebbero a casa. Queste scuole non sono le scuole dei ricchi sono le scuole di tutti i bambini del territorio. Senza queste scuole il costo per lo stato se dovesse garantire il servizio con le proprie scuole statali costerebbe 6 miliardi a fronte di 500 milioni versati a piccole dosi e su più annualità Credo che prima di fare populismo bisognerebbe essere informati e conoscere la situazione. Nelle scuole statali per l’infanzia esiste il doppio organico per ogni sezione di bambini nella scuola paritaria basta e avanza una maestra che con passione e motivazione fa miracoli educativi con quello che ha.
    Doris

  6. Pino

    Perchè erogazioni alle scuole paritarie (cioè di Comunione e Liberazione) mentre si strozza la scuola pubblica?
    E’ ORA DI FARE UN’ALZATA DI SCUDI IN PIENA REGOLA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    FORZA, E’ ORA DI SVEGLIARSI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. mela

    Mi piacerebbe tanto saprere in che modo vengono spesi i soldi pubblici destinati alle finalità sociali di palazzo Chigi.Inoltre è vergognoso destinare 223 milioni di euro alle paritarie e sottrarli alla scuola pubblica

  8. isabella a.bertani

    - il fondo Palazzo Chigi per finalità sociali. Quali?
    -erogazioni a scuole paritarie. Perchè?
    -la zona del Belice è in assistenza continua?
    -chi è single, con reddito basso, senza figli, con mutuo esiste. Che deve fare? Spararsi?

  9. Pingback: Legge di stabilità 2013: ufficiale il si definitivo della Camera

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

concorsi a cattedre 2012

Articoli dello stesso autore

Fisco 24 ottobre 2014, 16:11

Spesometro 2015, torna il volto feroce del fisco sui controlli Iva

In legge di stabilità 2015 la nuova strategia anti evasione delle Entrate

Economia 24 ottobre 2014, 11:33

Legge di stabilità 2015, ok di Napolitano: il testo alle Camere

Cambia il bonus bebè, chiarimenti Irpef sul Tfr in busta paga

Edilizia 24 ottobre 2014, 09:40

Riforma del catasto, cambiano le classificazioni. Decreto in arrivo

L’Agenzia delle Entrate cambia categoria a migliaia di abitazioni

Giustizia 24 ottobre 2014, 08:06

Riforma della giustizia, sì in Senato al maxiemendamento

OK alla fiducia. I punti principali: divorzio breve, negoziato, magistrati

Professioni 23 ottobre 2014, 16:21

Esame avvocato 2014: bando, requisiti, domande e date scritti

Tutto sull’esame di Stato per l’abilitazione alla professione


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su