Speciale riforma PA

Internet Politica 24 ottobre 2012, 08:30

Democrazia liquida e legiferazione diffusa: come internet cambia le democrazie contemporanee

Gli strumenti informatici stanno mutando le strutture sociali: tra democrazia digitale e eGovernment la politica “liquida” si evolve


Le Costituzioni moderne accolgono, come noto, il principio di separazione dei poteri di Montesquieu, distinguendo tra potere legislativo, esecutivo e giudiziario. Esso si è cristallizzato per oltre tre secoli in sistemi politici ormai in decadenza, non prevedendosi che la tecnologia digitale avrebbe così radicalmente trasfigurato l’ecosistema sociale. Tuttavia, se il tema dell’amministrazione digitale o eGovernment comincia ad avere discreta diffusione, quanto quello della giustizia digitale, altrettanto non può dirsi per gli esperimenti dedicati ai progetti politici online o alle proposte legislative online.

Una di queste forme di attivisimo digitale è costituita dal progetto Liquid Feedback, il quale consiste in un software open-source che consente di discutere e votare proposte direttamente sulla Rete, integrando un processo di cosiddetta “democrazia liquida”. Introdotto in Germania dal Partito Pirata, utilizzato in Italia dal Movimento 5 Stelle, ad esempio per definire il programma politico dell prossime elezione regionali in Sicilia, ha ricevuto pubblicità recentemente da parte del giornalista Michele Santoro, che ha deciso di adottarlo nella nuova edizione del programma Servizio Pubblico.

Il suo funzionamento è indubbiamente innovativo e merita attenta riflessione dagli attori della scena politica e dai cittadini, perché potrebbe essere il futuro sostituto della democrazia rappresentativa presente (a meno che non si voglia illusoriamente considerare quest’ultima l’approdo politico finale, posto che in verità all’innovazione non v’è mai fine). In termini strettamente giuridici, occorre interrogarsi sulle modifiche costituzionali da apportare, qualora la società decida di adottare tale nuovo sistema decisionale.

Infatti, alcune caratteristiche della democrazia interattiva contrastano con l’odierno ordinamento costituzionale. Laddove la Carta Fondamentale italiana qualifica gli eletti come “rappresentanti”, irrevocabili per un preciso periodo di tempo, la democrazia liquida è formata di “delegati”, la cui delega può essere ritirata in ogni momento: inoltre, il delegato può a sua volta delegare. Cito testualmente: “un elettore può delegare il suo voto a un fiduciario, tecnicamente un intermediario (proxy) temporaneo. Il voto può essere ulteriormente delegato ad un intermediario dell’intermediario, in modo da produrre una catena di deleghe basate sulla fiducia. Tutte le deleghe possono essere create, modificate o revocate a seconda dell’argomento di discussione. Per esempio, io voto per le questioni ambientali, ma Anne mi rappresenta per la politica estera. Mike mi rappresenta in tutte le altre aree ma posso cambiare idea in qualsiasi momento.” La ratio risiede nella considerazione che nessuno può sapere tutto di tutto, perciò si conferisce incarico fiduciario a chi si ritiene essere competente in una o più discipline. Allo stesso modo, si renderebbe necessario rimodulare i procedimenti formativi delle decisioni, in quanto Liquid Feedback si fonda sul Metodo Schulze, ad esempio per risolvere il problema delle proposte-clone, poiché non è prevista moderazione o unificazione di proposte simili. In definitiva, presenta sfide rilevanti per i costituzionalisti, per i politologi, ma soprattutto per i cittadini.

Altra novità, ancor più recente, è il Crowdsourced law-making o crowdsourcing legislation, che in italiano potremmo tradurre con “legiferazione diffusa”. Trattasi di una forma di iniziativa legislativa, su base di democrazia partecipativa, che sfrutta gli strumenti digitali e le piattaforme internet al fine di strutturare proposte normative da parte dei cittadini, al di fuori delle canoniche istituzioni legislative costituzionalmente previste.

La Costituzione italiana prevede attualmente solo due meccanismi di proposta “dal basso”: in primis, l’articolo 50 consente ai cittadini di inviare petizioni rispetto a temi sui quali si richiede una legislazione pertinente; la seconda alternativa è il progetto di legge d’iniziativa popolare di cui all’articolo 71, comma 2, che però necessita di una raccolta (ovviamente cartacea) di cinquantamila firme.

Invece, in Finlandia, da quest’anno, è attivo un progetto di legiferazione diffusa, invitandosi i cittadini a registrarsi sul sito Open Ministry per presentare le loro idee, in maniera più rigida dei sistemi di democrazia liquida e quindi meno soggetta a infinite modifiche. Pur avviato da un’associazione no-profit, Open Ministry ha ricevuto il crisma autorizzatorio del Governo Finalndese, che ha certificato l’affidabilità del software utilizzato, il quale, peraltro, verifica l’identità del soggetto tramite le API offerte dalle banche e dagli operatori mobili, affinché sia fruibile mediante il proprio account home banking o il proprio smartphone. Qualora una singola proposta ottenga più di cinquantamila sottoscrizioni, è fatto obbligo al Parlamento finlandese di adottarla e renderla legge.

Procedimenti simili, sebbene meno vincolanti, esistono anche altrove. In Inghilterra, è possibile inoltrare petizioni elettroniche, le quali restano aperte per un anno e che, se sottoscritte da almeno centomila persone, possono (ma non devono) essere discusse alla Camera dei Comuni.

Lungi dal ritenere che in tempi brevi avverrano trasformazioni socio-politiche così radicali, le quali necessitano di un’educazione digitale ancora carente in Italia e nell’Europa continentale rispetto ai Paesi Nordici, l’evoluzione che sta subendo l’assetto classico degli Stati, in virtù delle nuove tecnologie, impone una valutazione ed un’azione ponderate, ma serrate, attente, ma rapide, prima che i cittadini delle future comunità intelligenti rimangano schiacciati tra l’incudine analogica e il martello digitale.


Pubblicato da il 24 ottobre 2012 alle 08:10 in Internet Politica
Tags: , , , , ,


1 Commento per Democrazia liquida e legiferazione diffusa: come internet cambia le democrazie contemporanee

  1. Pingback: Elezioni Sicilia 2012. Come voteranno i siciliani?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Francesco Minazzi

Giurista digitale

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Tecnologia 23 aprile 2013, 09:00

Pubblicato il Decreto Ministeriale sull’elenco INI-PEC: profili interpretativi

All’indomani della pubblicazione del Decreto, vi sono state plurime reazioni negative al contenuto dello stesso, paventandone l’illegittimità o comunque il contrasto con l’articolo 6-bis del CAD

Privacy 2 marzo 2013, 09:00

WhatsApp e Privacy: il Garante vuole vederci chiaro

Il Garante della Privacy interroga WhatsApp

Tecnologia 14 novembre 2012, 10:32

Progetti e direzioni dell’eGovernment italiano

Conclusosi l’Open Government Summit, è opportuno vagliare lo stato della discussione sul tema dell’amministrazione digitale, che, sebbene se ne discorra sempre di più, rimane spesso confinata in ambienti di nicchia

Internet Politica 24 ottobre 2012, 08:30

Democrazia liquida e legiferazione diffusa: come internet cambia le democrazie contemporanee

Gli strumenti informatici stanno mutando le strutture sociali: tra democrazia digitale e eGovernment la politica “liquida” si evolve

Civile Tecnologia 4 ottobre 2012, 11:33

Il diritto ai tempi dei social network: l’eredità digitale

Esiste un diritto indisponibile all’oblio virtuale in caso di morte? Come gestire la “morte virtuale” in assenza di testamento digitale?.


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su