Speciale riforma PA

Lavoro 11 settembre 2012, 09:43

Consiglio di Stato: la tardiva assunzione arreca un danno da risarcire

Vincitrice di concorso, ha dovuto attendere quasi otto anni per la nomina


Il vincitore di un concorso che non ottiene immediatamente il posto dall’amministrazione ha la facoltà di essere risarcito del danno per aver aspettato inutilmente. Questo è quanto deciso dalla sentenza n. 3934 emessa da Palazzo Spada, invocato a dirimere un contenzioso nato tra un fresca vincitrice di un concorso pubblico per l’assunzione di cinquanta vigili urbani e il Comune di Pozzuoli. Piena di difficoltà, infatti, si presente la strada per essere ammessa all’interno del corpo dei vigili urbani per la vincitrice del concorso.

All’inizio l’amministrazione aveva propeso per l’estromissione della candidata dalla procedura, ma il Tribunale amministrativo per la Campania ha vanificato la decisione di escluderla ed ha ordinato alla pubblica amministrazione di assumere, come previsto, la nuova dipendente; non bastasse questa sentenza si è aggiunto anche il Consiglio di Stato a ratificare la posizione del tribunale e a ribadire la necessità del reintegro, anzi dell’integrazione non ancora avvenuta.

Il comune di Pozzuoli, dal canto suo, continua a prendere tempo e a temporeggiare, ostinandosi in una sorta di incomprensibile ostruzionismo a riguardo della vicenda. Vista la situazione, pare non esserci alternativa, dunque tramite un giudizio di ottemperanza sarà nominato appositamente un commissario con la funzione di esaminare la situazione nello specifico. Adesso che l’assunzione è avvenuta, tuttavia, continuano i guai in quanto, la candidata, giustamente, ha la facoltà di richiedere i danni per il tempo impiegato per introdurla in un ruolo che le spettava di diritto.

Entra nuovamente in gioco il Tribunale amministrativo della Campania al quale la ragazza si rivolge per ottenere il risarcimento; questa volta però il tribunale si pronuncia in modo negativo sul ricorso, bollandolo come inammissibile per, non meglio chiare, ragioni procedurali. Il passo inevitabile e successivo è stato fare ricorso in appello al Consiglio di Stato, in questa sede il ricorso viene approvato e dichiarato ammissibile e fondato. I giudici, infatti, rilevano totalmente la lesione economica sofferta dalla richiedente a causa dell’operato dell’amministrazione; non è possibile, dichiara Palazzo Spada, che per avere e godere della meritata assunzione sia necessario intraprendere tre processi e arrivare perfino alla nomina di un commissario ad acta.

L’assunzione, secondo i calcoli effettuati, si è verificata addirittura dopo circa 6 anni dalla prima sentenza del Tar della Campania, un tempo surreale se si pensa che poi ne sono occorsi altri due perché la sentenza del Consiglio di Stato, che aveva confermato la decisione del giudice di primo grado, consentisse l’assunzione alla candidata. Assunzione che non è stata di certo immediata nonostante la legge fosse dalla sua parte, infatti, il Comune ha impiegato otto mesi circa a dare luogo al verdetto emesso praticamente unanimemente.

Il danno è stato stimato in una cifra corrispondente all’80% dello stipendio che sarebbe dovuto essere corrisposto alla vincitrice del concorso, inoltre è stato stabilito che venga regolarizzata anche la posizione contributiva in merito a quel periodo di “stasi”. Per quanto riguarda, invece, il danno esistenziale non è stato approvato nessun tipo di risarcimento, il malessere dipeso dall’impossibilità di cercare un lavoro diverso nel frattempo che quello conquistato sul campo cominciasse non può, secondo il Consiglio di Stato, essere ricondotto alla negligenza della pubblica amministrazione quanto piuttosto alle complicazioni che affliggono il mercato del lavoro. 


Pubblicato da il 11 settembre 2012 alle 09:09 in Lavoro
Tags: , , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Amministrativo 19 dicembre 2014, 10:17

Posta elettronica certificata, addio senza rimpianti alla CEC

Dismissione immediata del canale cittadini-PA: “Flop senza precedenti”

Welfare 19 dicembre 2014, 07:41

Riforma pensioni e Quota 96: in legge di stabilità tutto rinviato

Il governo presenta il maxiemendamento, ma salta il welfare

Economia 18 dicembre 2014, 16:15

Legge di stabilità 2015: in Senato voto di fiducia e maxiemendamento

Il ministro Boschi: pronto il maxiemendamento. Le ultime novità

Giustizia 18 dicembre 2014, 15:31

Processo false cremazioni: forte rischio prescrizione. Le tappe

Intervista all’avvocato Pianini, legale di 125 famiglie vittime dello scandalo

Amministrativo 18 dicembre 2014, 10:46

Esame avvocato 2014: il testo delle tracce per l’atto giudiziario

Diritto privato, penale e amministrativo: ecco le tracce uscite in sessione


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su