Speciale riforma PA

Software e PA 11 luglio 2012, 20:17

Libero (software) e open (data): la Regione Puglia ha detto si!

Approvata la legge regionale, la prima in Italia che integra software libero e opendata


L’atmosfera è, come si dice, quella delle grandi occasioni. Non ho la certezza che la cosa sia stata percepita da tutti allo stesso modo, ma tant’è: oggi, in Regione Puglia, si è vissuta una giornata importante.

Ha visto la luce – e l’espressione è particolarmente felice, perché di una vera e propria ‘nascita’ si è trattato – la prima legge regionale che vede, insieme, software libero e open data.

Tra una battuta e l’altra del Presidente Introna (“Open government? Ma non possiamo scriverlo in italiano, almeno finché l’Europa non ci condannerà a parlare in inglese?” – si, nel testo si parla anche di open government, n.d.a.), tutti e 48 i consiglieri presenti hanno votato per la sua approvazione; immediatamente prima, un pugno di emendamenti trasversali, tutti approvati all’unanimità, avevano già spiegato il favore bipartisan nei confronti del testo.

Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti ed hardware documentato“, il testo approvato, che, in 21 articoli, pone una serie di disposizioni fondamentali tali da cambiare, in prospettiva futura, il rapporto tra i cittadini e l’amministrazione regionale.

L’assessore Nicola Fratoianni – delega all’Innovazione all’interno della Giunta Vendola – visibilmente orgoglioso, ha ringraziato tutti per il lavoro svolto e per l’appoggio al testo, senza dimenticare la “comunità del Software Libero”, grazie al cui operato “è stato possibile l’incontro con una rete larga e partecipata”.

Sottolineando come la legge approvata rappresenti, nel settore, l’esempio più avanzato reperibile tra le amministrazioni regionali, ha chiarito – cito – “una cosa fondamentale: da oggi tutti i cittadini hanno il diritto di vedere cosa c’è dietro un software, come funziona, di conoscere i dati, l’attività dell’Amministrazione”, ed ha evidenziato come la legge appena approvata non possa essere considerata una ‘legge bandiera‘, ma come, al contrario, essa preveda strumenti concreti di attuazione.

Il contenuto della legge riassume quelli del disegno di legge 15 giugno 2011, n. 20, e la proposta, parzialmente analoga, presentata dal Consigliere Decaro per il Partito Democratico.

All’interno, la realizzazione concreta del diritto dei cittadini ad accedere, in condizioni di eguaglianza, a tutte le informazioni e ai servizi forniti dalla Pubblica Amministrazione mediante sistemi informatici: in tale prospettiva si colloca la scelta della Regione, nel rispetto della normativa statale in materia di informatizzazione della Pubblica Amministrazione, di favorire il pluralismo informatico attraverso la diffusione e l’utilizzazione del software libero, garantire l’accesso e la libertà di scelta nella realizzazione di piattaforme informatiche e favorire l’eliminazione di ogni barriera dovuta all’uso di standard non aperti.

Molti gli aspetti specifici affrontati, che vanno dall’introduzione del software libero nella Pubblica Amministrazione regionale, al rapporto con l’istruzione scolastica, passando per l’incentivazione all’uso del software libero nelle imprese.

Fondamentale – ed encomiabile – la scelta dell’opendata, prevista nell’articolo 6, “riutilizzo dei documenti e dei dati pubblici”, ossia di aprire all’esterno il patrimonio informativo regionale, in formato aperto, e con licenze che “devono consentire la più ampia e libera utilizzazione gratuita, anche per fini commerciali e con finalità di lucro”.

Expressis verbis.

Tre gli elementi evidenziati:

1. i costi: la scelta del software libero, in prospettiva, costituisce una soluzione per attuare anche un risparmio di spesa, preliminarmente quantificato in un 15-20% della spesa relativa, fondamentale anche nell’ottica della spending review;

2. la scelta: la Puglia sceglie il software libero come “orizzonte a cui tendere”, anche dal punto di vista dell’efficacia delle dotazioni software, dal momento che il software libero consente migliori e maggiori adattamenti del prodotto anche in corso d’opera;

3. la partecipazione: il software libero consente “di implementare ed attivare meccanismi di partecipazione allargata degli spazi democratici”, da cui anche un maggior controllo nelle scelte operate.

Tra le disposizioni a mio avviso più interessanti:

l’articolo 7, comma 1, che prevede, in linea con le premesse di cui alla legge ‘Stanca’ 4/2004, che “tutti i servizi ed i siti telematici messi a disposizione dalla Pubblica Amministrazione regionale devono rispettare rigorosi criteri atti a favorire i massimi livelli di accessibilità per i diversamente abili”;

l’articolo 14, comma 2, che all’interno delle disposizioni sulla “cittadinanza attiva” introduce il diritto per cittadini ed imprese “a richiedere ed ottenere da parte degli enti di cui all’articolo 2 il pieno rispetto delle disposizioni della presente legge”;

l’articolo 17, che istituisce la ‘comunità di pratica‘, “aperta alle Università e al partenariato economico e sociale, che favorisca lo sviluppo della digitalizzazione attraverso l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione in tutte le attività al fine di superare le barriere interne all’introduzione dell’e-business, nelle imprese e nelle amministrazioni pubbliche”.

Di quest’ultima, in particolare, l’Assessore Fratoianni sottolinea la qualità di “spazio pubblico, dove università, associazioni, singoli cittadini possono in qualche modo confrontarsi, e dove costruire reti di aggiornamento, studio, implementazione, ricerca, tutoraggio, sostegno. Credo che questo rappresenti un punto importante, sul quale misurare anche la qualità di una partecipazione democratica”.

Per il dettaglio dell’articolato, rimando al testo, che è già visionabile – al momento nella versione entrata in Assemblea, quindi senza gli emendamenti proposti ed approvati prima della discussione ed approvazione del testo definitivo – sul sito del Consiglio Regionale.

Un amico stamattina mi ha chiesto: “e ora cosa succede col software libero, in pratica?”.

Partecipazione, opendata, governo aperto….cose come la democrazia”, gli ho risposto.

Sarò un’inguaribile idealista, è vero: ma oggi la mia Regione mi da un motivo in più per continuare ad esserlo.


Pubblicato da il 11 luglio 2012 alle 20:07 in Software e PA
Tags: , , , , , ,


6 Commenti per Libero (software) e open (data): la Regione Puglia ha detto si!

  1. Pingback: On Off » Blog Archive » La Puglia sceglie il software libero e l’open data

  2. Pingback: Si aprono i locali, entra l’aria open | Apogeonline

  3. Pingback: El Parlamento de la región italiana de Puglia obliga a su gobierno a usar open data y software libre » Gananzia

  4. Pingback: Puglia e Calabria aprono le porte all’Open Source | oneOpenSource

  5. Pingback: Free software and open data: Italy’s Puglia region says yes to both | Bristol Wireless – community IT services, help & training in your aerial. Registered with the FSA. Reg. no.: 29638R

  6. Pingback: ... e anche la Puglia... - Codice Aperto - Wired.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Morena Ragone

avvocato, musicista, scrittrice

Rss Feed LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Social Network 25 luglio 2012, 13:29

Voglio querelare il Sig. Twitter!!

Qualche spunto di riflessione sulla vicenda che ha visto coinvolta la giornalista Paola Ferrari contro il popolare social network

Software e PA 11 luglio 2012, 20:17

Libero (software) e open (data): la Regione Puglia ha detto si!

Approvata la legge regionale, la prima in Italia che integra software libero e opendata

Informazione 10 aprile 2012, 09:45

Il diritto alla memoria, tra privacy e oblio

A proposito della recente sentenza della Cassazione, 5 aprile 2012 n. 5525

Diritto d'autore Social Network 5 gennaio 2012, 18:35

Prove di #networking tra avvocati: tutta questione di copyright

Per voi un “hashtag” può essere soggetto a copyright?


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su