Ci eravamo illusi (o perlomeno, parlo per me: mi ero illuso) che dopo le sentenze della Terza Sezione n.12408 del 07-06-2011 e n. 14402 del 30-06-2011, vale a dire quelle in cui gli Ermellini definivano le tabelle di Milano “le più idonee ad essere assunte quale criterio generale di valutazione” e pertanto ne caldeggiavano l’adozione su tutto il territorio nazionale, il discorso fosse oramai chiuso e per l’appunto, i giudici di merito dalle Alpi alla Sicilia utilizzassero, nei casi in cui evidentemente occorre, le tabelle predisposte a Milano.

Come è noto, o dovrebbe, vi è infatti una differenza di metodo, che poi si riflette anche sui freddi numeri risarcitori, tra le tabelle appunto cd. di Milano e quelle cd. di Roma (per sintesi espositiva rimando a questo mio precedente intervento dell’epoca).

Ebbene no.

Nel giro di pochi mesi infatti è giunta prima la sentenza del Trib. Roma 9/01/12, in cui per l’appunto è stata difesa con vigore, nonostante il già citato uno-due della Cassazione, la validità delle “proprie” tabelle, e poi, in questi giorni, è arrivato l’aggiornamento delle stesse, contenente qualche elemento di novità.

Non costituiscono novità (evidentemente) gli aggiornamenti secondo l’indice ISTAT dei valori relativi alla inabilità temporanea (il valore base, pari al 100%, è adesso pari a € 103,30) nonchè all’invalidità permanente.

La vera novità invece è l’introduzione di “Criteri per la liquidazione del danno biologico in caso di decesso intervenuto nel corso del giudizio o prima di esso per causa diversa dalle lesioni oggetto del risarcimento”: per questo caso il Tribunale di Roma, sul presupposto che il danno non si acquisisca giorno per giorno a frazioni, ma “in parti” (ovvero immediatamente una parte, nella misura dei postumi stabilizzati, e successivamente l’altra, ovvero quella parte correlata con i progressivi pregiudizi fisici e psichici che il soggetto incontra nel tempo) ha conseguentemente previsto una risarcibilità secondo il tempo di sopravvivenza (si vedano le pag. 33-35).

A questo punto non resta che vedere se la Cassazione rimarrà schierata dalla parte delle tabelle di Milano, ovvero cambierà idea (che, poi, non sarebbe la prima volta).

Qui le tabelle romane del danno biologico 2012 e le note esplicative del Tribunale di Roma


CONDIVIDI
Articolo precedenteIMU, nuovi aumenti in vista? Per il Governo nessun ammanco
Articolo successivoCassazione, il “colpo di sonno” legittima la sosta sulla corsia d’emergenza
Renato Savoia
Nato e cresciuto a Verona, vi esercito la professione di avvocato, scappando appena posso ma tornando sempre alla base. Da sempre mi occupo solo di diritto civile (penale vade retro!). Collaboro con la rivista “Il Civilista” (ed. Giuffrè), per la quale scrivo soprattutto in tema di responsabilità civile. Inoltre da qualche anno, sul mio sito (www.renatosavoia.com), pubblico oltre che interventi scritti, video e podcast. Quando mi chiamano, vado a parlare a convegni di formazione per avvocati. Sono convinto, da sempre, che ci sia una profonda distinzione tra essere serio e essere serioso, e che ci siano in giro troppe persone seriose e troppo poche serie: perciò cerco di comportarmi al contrario. Fino a qualche anno fa correvo tutti i giorni e ho corso qualche maratona, adesso d'inverno appena posso scappo sulle piste da sci, e d'estate nuoto o vado a correre. Certo, a meno che non prenda un aereo e mi rifugi a Londra, a guardare un musical o a rimpinguare la mia collezione di dischi in vinile. Lavoro quasi sempre ad alto volume, in tal modo facendo guadagnare punti-paradiso ai colleghi di studio che pazientemente sopportano.

1 COOMENTO

  1. vorrei sapere se per una frattura della clavicola, l’offerta dell’assicurazione di euro 4.700,00 e’ congrua, grazie.

SCRIVI UN COMMENTO