Speciale riforma PA

Flash 23 marzo 2012, 08:48

Riforma del lavoro, oggi l’esame in Consiglio dei ministri

Aspi al via dal 2013. E su articolo 18 e statali si vedrà


Sarà il Consiglio dei ministri a scegliere il veicolo normativo con cui portare la riforma del lavoro in Parlamento. Lo ha detto ieri  il ministro del Welfare, Elsa Fornero, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, alla fine dell’ultimo incontro con le parti sociali prima del via libera previsto per oggi. “C’e’ molta impazienza e incertezza – ha spiegato – ma nemmeno questa sera vi consegneremo un documento, non l’abbiamo consegnato alle parti sociali” perche’ quello messo a punto nella riunione “e’ un documento di policy che domani (oggi, ndr) sarà portato in Consiglio dei ministri, discusso e fatto proprio dal Cdm. In seguito il Consiglio dei Ministri sceglierà il veicolo normativo per portare una proposta di legge nella formulazione che si riterrà opportuna per l’approvazione in Parlamento”. E i tempi per il varo definitivo saranno “brevi”, anche se “non brevissimi” ma se sarà messa la fiducia “è prematuro dirlo”.

Contratto a progetto

Il governo vuole “professionalizzare” il lavoro a progetto, e renderà il contratto meno conveniente dal punto di vista economico. “Vogliamo ridurre quella parte che in realtà e’ lavoro subordinato. Tale obiettivo e’ perseguito con disincentivi sia normativi sia contributivi”, ha detto Fornero.

Co.co.pro. e partite Iva

Su flessibilità contratti co.co.pro, partite Iva, lavoro committente e somministrato ci saranno restrizioni per evitare abusi. Il governo proporrà norme per impedire di nascondere rapporti di lavoro subordinato. Il ministro ha anche fatto degli esempi: quando il rapporto di lavoro duri più di sei mesi nell’arco di un anno, quando i ricavi ammontino a più del 75% dei corrispettivi (anche avendo più di un committente) e quando il lavoratore abbia una postazione di lavoro presso il committente.

Licenziamenti economici

Il governo non torna invece indietro sui licenziamenti economici: nella riforma non sarà prevista la possibilità del reintegro: resta escluso per i licenziamenti dettati da motivi economici. Una precisazione dovuta alla frase pronunciata dal premier Mario Monti al tavolo, ovvero che saranno evitati “abusi” sul fronte dei licenziamenti economici. Fonti di governo spiegano che da sempre, nella riforma del governo, il lavoratore che viene licenziato per motivi economici poteva fare causa all’azienda sostenendo che il licenziamento è in realtà discriminatorio. In questo caso, toccherà al lavoratore l’onere della prova, e solo se riuscirà a dimostrare che il licenziamento è appunto discriminatorio potrà essere reintegrato. Ma a quel punto la fattispecie è appunto quella del licenziamento discriminatorio, non più quello economico. Questo perchè, ribadiscono dal governo, non può essere il giudice a decidere se un’azienda ha delle buone ragioni economiche per il licenziamento, ma può solo stabilire se il licenziamento è discriminatorio. L’intenzione del governo è dunque semplicemente quella di spiegare meglio questa possibilità, senza modificare la sostanza del provvedimento.

Esodati

Secondo quanto emerso, l’esecutivo aprirà nei prossimi giorni un confronto con i sindacati sugli esodati, che per effetto delle nuove norme previdenziali rischiano di restare senza lavoro e senza pensione.

Aspi

“L’Aspi (Assicurazione sociale per l’impiego) partirà dal prossimo anno. C’e’ anche il mini Aspi per i lavoratori un po’ più giovani”, ha dichiarato il ministro aggiungendo che sugli ammortizzatori sociali l’intenzione del governo e’ che “si passi da qualcosa che e’ limitato a qualcosa che noi vogliamo che diventi universale”.

Statali e articolo 18

“Il ministro Fornero ha la responsabilità del mercato del lavoro, il ministro Patroni Griffi ha la responsabilità della Funzione pubblica: non era in mio potere, non era nel mio mandato. Questo non vuol dire che non interverremo, ma non tocca a me”, ha risposto il ministro ad una domanda sull’ipotesi che la modifica dell’articolo 18 riguardi anche i lavoratori statali. “Il governo valuterà cosa va fatto sul pubblico impiego ma sono ordinamenti diversi, non si possono applicare pari pari le norme. Ma questo non vuol dire che non si interverrà sul pubblico impiego, vuol dire che se ne occuperà Patroni Griffi”, ha chiarito Fornero.


Pubblicato da il 23 marzo 2012 alle 08:03 in Flash
Tags: , , , , ,


2 Commenti per Riforma del lavoro, oggi l’esame in Consiglio dei ministri

  1. Pingback: Spinoza » Miseria e mobilità

  2. Pingback: Lavoro, traguardo vicinissimo. Ma gli statali? – Comuni.it - Servizi al cittadino e alle pubbliche amministrazioni

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Scuola 28 agosto 2014, 12:41

Riforma scuola 2014: così avverranno le assunzioni dei precari

Si parte dai vincitori senza cattedra. Esami, cambiano maturità e terza media

Welfare 28 agosto 2014, 07:57

Pensione anticipata, donne in fuga: requisiti e scadenze per l’opzione

Statali, privati, autonomi: condizioni e tempi per fare domanda

Consumatori 27 agosto 2014, 16:49

Vacanza rovinata: ecco la guida completa per farsi risarcire

I diritti del viaggiatore e le responsabilità dei tour operator

Giustizia 27 agosto 2014, 15:03

Riforma giustizia 2014, torna la prescrizione: le novità nel ddl

Taglio prescrizione, falso in bilancio, cambiano Csm e responsabilità

27 agosto 2014, 12:10

Papa Francesco, il discorso completo all’udienza del 27 agosto

Il discorso completo di papa Francesco all’udienza generale del 27 agosto. Video e discorso della catechesi del pontefice in piazza San Pietro


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su