Speciale riforma PA

Stranieri 5 ottobre 2011, 13:46

Il Consiglio d’Europa contro i C.P.T. di Lampedusa: carceri, non centri di accoglienza!

“Migranti trattati come detenuti” (rapporto del 3 ottobre 2011)


“Sono carceri, inadatti a trattenere i migranti”.

Questa può essere una sintesi efficace del rapporto pubblicato lunedì dalla Sottocommissione dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa sui centri di accoglienza di Lampedusa, redatto in seguito alla visita nell’isola siciliana di cinque membri dell’organo comunitario lo scorso 23 e 24 maggio.

Il rapporto giunge all’indomani della notizia della candidatura agli Oscar del film di Crialese “Terraferma“, dedicato proprio agli sbarchi dei clandestini.

Secondo il Consiglio d’Europa i c.p.t. non sono per nulla adatti a trattenere i migranti irregolari, che, una volta dentro, vengono considerati alla stregua di detenuti, senza nemmeno la possibilità di accesso ad un giudice.

I centri di accoglienza dovrebbero rimanere tali, e non essere trasformati in centri di trattenimento“, ha dichiarato Christopher Chope, Presidente della sottocommissione e della Commissione Migrazioni, Rifugiati e Demografia dell’APCE.

La sottocommissione mostra inoltre serie preoccupazione per le recenti tensioni accresciutesi in maniera esponenziale sull’isola: lo scorso 20 settembre infatti, nel corso di una rivolta dei migranti nel principale centro di accoglienza, un incendio doloso di vaste proporzioni ha causato danni notevoli e ha provocato un’impennata di violenza, sfociata in sanguinosi scontri tra le forze dell’ordine e gli immigrati trattenuti sull’isola.

Bisogna condannare fermamente questi atti di violenza, che non rendono giustizia agli sforzi compiuti dalla popolazione locale e dalla Guardia costiera italiana che, giorno dopo giorno, fanno tutto il possibile per prestare soccorso alle persone in pericolo in mare e offrire loro un rifugio temporaneo sull’isola”, hanno dichiarato i membri della sottocommissione.

Il Consiglio d’Europa pone l’accento sulla posizione strategia di Lampedusa, che potrebbe rappresentare l’ancora di salvezza per migliaia di persone che, dall’Africa attraversano il Mediterraneo nel tentativo di raggiungere “un sogno” rappresentato dalle coste europee, ma perdono tragicamente la vita in mare.

“Finché il porto di Lampedusa sarà considerato come un porto ‘non sicuro’, le traversate saranno più lunghe, più pericolose e le operazioni di salvataggio dei guardacoste saranno rallentate dalle maggiori distanze da percorrere partendo dalla Sicilia. Per salvare delle vite, è urgente che Lampedusa possa essere di nuovo in grado di accogliere gli arrivi”, afferma il Presidente Chope.

Nel rapporto la sottocommissione esorta le autorità italiane a potenziare e migliorare le capacità ricettive dell’isola e le condizioni igienico-sanitarie delle strutture, garantendo la sicurezza di tutti i presidi e rapidi trasferimenti degli immigrati presso gli altri c.p.t. dislocati in altre zone d’Italia.

Inoltre, alle autorità italiane è stato chiesto di rendere conto a Strasburgo del quadro legale che soggiace alla detenzione degli immigrati e dello status giuridico di questi ultimi all’interno dei confini nazionali.

Infine il rapporto contiene una nota di riguardo per i migranti minori non accompagnati: dovrebbero essere separati dagli adulti e accolti in strutture di accoglienza adeguate appositamente predisposte.


Pubblicato da il 5 ottobre 2011 alle 13:10 in Stranieri
Tags: , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Giustizia 24 luglio 2014, 16:43

Carceri, la Camera approva il decreto sui detenuti. Sì ai risarcimenti

Stop alla custodia cautelare per reati fino a 3 anni. Il testo

Amministrativo 24 luglio 2014, 15:14

Riforma PA 2014, il testo aggiornato con gli ultimi emendamenti

Salta l’abolizione dei Tar distaccati, confermate mobilità e anticorruzione

Lavoro 24 luglio 2014, 13:02

Danno biologico 2014: le nuove tabelle aggiornate ai valori Istat

Le nuove quote di risarcimento: le fasce e gli aumenti per lesioni

Commerciale 24 luglio 2014, 11:38

Negozi Compro Oro, regole e fiscalità di una terra di confine

Come si regolamenta il settore? Intervista a Nunzio Ragno, presidente Antico

Fisco 24 luglio 2014, 09:47

Sanatoria Equitalia 2014: le istruzioni per accedere entro il 31 luglio

A fine mese il termine per la rateizzazione: requisiti e modalità


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su