Speciale riforma PA

Fisco 16 settembre 2011, 15:46

Iva, dal 17 settembre aliquota al 21%

Scatta l’aumento dell’Iva previsto dalla Manovra bis


Il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende noto con il Comunicato Stampa n. 138 del 15 settembre che il D.L. n. 138/2011 (Manovra bis), con le modifiche apportate dalla legge di conversione n. 148, verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di oggi, 16 settembre 2011.

A partire da domani, sabato 17 settembre 2011, scatta quindi l’aumento dell’Iva al 21%.

Il ritocco interessa tutte le fatture per beni e prestazione di servizi. Esclusi dall’aumento i beni alimentari di prima necessità, per i quali resta l’aliquota al 4 per cento.

L’aliquota del 21 per cento si applica esclusivamente alle fatture emesse dalla data di pubblicazione della legge di conversione del decreto, come precisato anche nello stesso testo di legge.

Questo comporta che l’Iva al 21 per cento va applicata solo alle fatture con data a partire da quella coincidente con l’entrata in vigore del provvedimento, a prescindere da quando viene effettuato materialmente il pagamento. Conta, in sostanza, solo la data di esigibilità dell’imposta. I criteri previsti per questo dalla legge variano in ragione dell’operazione in questo modo:

- cessione di beni immobili: data della stipula;

- cessioni di beni mobili: data della consegna o della spedizione attestata dal documento di trasporto;

- prestazioni di servizi: data del pagamento o fatturazione.

Su questa base, ad esempio, sono perfettamente valide e non dovranno essere modificate le fatture accompagnatorie di merci emesse con Iva al 20 per cento prima della conversione in legge del decreto, anche se la merce, e il relativo pagamento, avvengono successivamente a questa data, dato che l’esigibilità coincide con la spedizione. Con lo stesso criterio un importo pagato in acconto a fronte di regolare fattura conserva l’aliquota della data di emissione originaria, e solo sul saldo va applicata la nuova imposta.

Un caso a sé, invece, è l’emissione del preavviso di parcella da parte di un professionista. Occorre infatti in questo caso distinguere tra due tipologie di documento. Quando si tratta di un avviso di tipo “informale” ossia una documento che contiene la descrizione del servizio e il corrispettivo dovuto, Iva compresa, ma riporta anche un’indicazione del tipo “il presente avviso di parcella non costituisce fattura o altro documento fiscale” e/o “all’atto del pagamento verrà emessa regolare fattura”, ai fini dell’applicazione dell’aliquota Iva fa testo la data della successiva fattura. Un documento di questo tipo, infatti, non ha, come indicato, alcuna valenza fiscale.
Se invece l’avviso di parcella contiene tutti gli elementi previsti per la fattura, compresi, quindi, la data ed il numero, è di fatto è assimilato alla fattura e pertanto soggetto agli obblighi di registrazione e contestuale obbligo di versamento dell’imposta. In caso di emissione di un avviso di fattura di questo tipo, quindi, l’aliquota di riferimento è quella in vigore alla data riportata nell’avviso stesso, anche se poi la consegna materiale della fattura al cliente avviene solo successivamente, e con nuova aliquota già in vigore.


Pubblicato da il 16 settembre 2011 alle 15:09 in Fisco
Tags: ,


8 Commenti per Iva, dal 17 settembre aliquota al 21%

  1. Pingback: Ditta in difficoltà: evade l'Iva per pagare i dipendenti

  2. rosi

    se devo accreditare una fattura emessa prima del 17/11/2011
    la nota credito sarà con iva al 20% giusto?
    grazie mille

  3. Francesca Gilardenghi

    segnalo che alcune aziende di servizi come Autostrade e corriere GLS ha optato per unica la fattura al 30/09/2011 quindi applicando l’Iva al 21% per tutti i servizi (passaggi e trasporti) compresi quelli avuti fino al 16/09. Di fatto è un aumento improprio dei prezzi consentito dalla legge.
    Cordialmente

  4. BARBARA

    Ho un impresa di servizi smaltimento rifiuti con formulario , ho fatturato tutto al 30 settembre con FORMULARI ( quindi prestazioni ) prima del 16 settembre con IVA AL 20% e FORMULARI dopo il 16 con IVA al 21% è corretto quello che ho fatto o devo modificare le mie fatture .

    Grazie

  5. MARTELLO MAURIZIO

    DEVO FATTURARE DELLE BOLLE EMESSE PRIMA DELL’IVA AL 21 OGGI, E LA FATT E’ AUTOMATICA COMPRENDE BOLLE ANTECEDENTI AL 21 E SI FATTURANO OGGI CON QUELLE DELL’IVA AL 20 .LA DOMANDA E’ PASSANO TUTTE AL 21 O SI DISTINGUONO NELLA FATTURA . SAPETE RISPONDERE . GRAZIE

  6. D'apolito pasquale

    sono interessato alla rispota, in quanto
    lavoro dal lato opposto cioè nella P.A.

  7. Pingback: IVA al 21%, idee confuse? « Dario Bonacina

  8. Marcello Di Paolo

    Ho una impresa che lavora per la pubblica amministrazione Italiana
    Per ordinativi ricevuti prima dell’entrata in vigore della legge ove l’iva e’ calcolata al 20 per cento la conseguente fattura emessa dopo l’entrata in vigore deve mantenere la stessa aliquota?
    Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Salute 22 ottobre 2014, 16:30

Sigarette elettroniche, dal primo gennaio 2015 cambia l’accisa

Approvato il decreto che stabilisce le nuove regole fiscali. Il testo

Fisco 22 ottobre 2014, 15:36

Tfr in busta paga: a chi conviene e il rischio dei contributi Inps

Via libera all’anticipo del Tfr. Ma conviene davvero? In quali limiti?

Flash 22 ottobre 2014, 14:54

Papa Francesco, testo completo dell’udienza: 22 ottobre 2014

La catechesi del Santo Padre papa Francesco in piazza San Pietro. Testo completo del discorso di Bergoglio all’udienza papale di mercoledì 22 ottobre

Fisco 22 ottobre 2014, 12:43

Legge di stabilità 2015: coperture da polizze vita e fondi pensione

Aumento delle tasse su fondi, polizze vita e Casse professionisti

Fisco 22 ottobre 2014, 11:13

Legge di stabilità 2015: effetti e calcoli dello sconto Irap alle imprese

Tempi di entrata in vigore e convenienza dello sgravio


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su