Speciale riforma PA

Tecnologia 25 maggio 2011, 19:10

Banda larga e accesso a Internet, ancora sui requisiti per installare router Wi-fi domestici

Il documento di sintesi della consultazione sulla bozza di D.M. prevista dal d.lgs. 198/2010


L’11 maggio scorso il Ministero per lo Sviluppo Economico, a distanza di oltre un mese dalla conclusione della consultazione pubblica (avviata il 23 marzo) sulla bozza di decreto ministeriale adottato in attuazione del D.Lgs. 198/2010 recante “Attuazione della Direttiva 2008/63/CE relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni”, ha pubblicato sul proprio sito il documento di sintesi.

Da tale documento è emerso che oltre 500 soggetti, tra cui piccole e medie imprese operanti nel settore delle telecomunicazioni, associazioni di categoria e privati cittadini hanno ritenuto opportuno far sentire la propria voce per evidenziare tanto le criticità quanto i punti di forza della bozza di decreto.

Il dato interessante è che il 41% di tali soggetti ha dichiarato di essere contrario all’entrata in vigore del provvedimento così come concepito nella nota bozza, talvolta suggerendo come alternativa la revisione globale della normativa di settore al fine di armonizzare le numerose norme attualmente in vigore, talaltra auspicando la deregolamentazione dell’intero settore.

Così come previsto, la maggior parte dei contributi inviati al Ministero ha evidenziato alcune difficoltà ravvisate nell’interpretare il significato da attribuire all’espressione “punti di utilizzo finale” di cui all’art. 1 comma 1 lettera e) della bozza di decreto per poter definire con precisione l’ambito di applicazione delle disposizioni in esso contenute.

Il Ministero ha, quindi, ritenuto opportuno sopire già in questa fase le nascenti polemiche, chiarendo che per “punti di utilizzo finale” si deve intendere “la terminazione fisica dell’impianto interno di comunicazione elettronica a cui sono connessi i terminali dell’utente o le aree di lavoro, senza escludere la possibilità di poter servire dallo stesso punto di utilizzo finale più di un’area di lavoro, come ad esempio avviene nel caso dei collegamenti wireless. In altri termini, il punto di utilizzo finale è la presa di telecomunicazione (Telecommunicatione Outlet) per i collegamenti, alle aree di lavoro, via cavo e l’antenna degli access point per i collegamenti, alle aree di lavoro, di tipo wireless”.

In tale contesto, occorre però specificare che non sono mancate – anche da parte di quei soggetti che avevano correttamente interpretato l’espressione in questione – proposte alternative per identificare i criteri di esclusione dall’ambito di applicazione delle disposizioni in questione.

Il numero di accessi concorrenti alla rete, il valore economico dell’impianto, l’eliminazione dalla definizione di punto di utilizzo finale della parte periferica dell’impianto, la dimensione e la destinazione d’uso degli spazi oggetto delle opere e la liberalizzazione per le utenze ad uso residenziale privato sono solo alcuni dei parametri di riferimento che i soggetti interessati hanno suggerito di prendere in considerazione.

Secondo gli esperti, inoltre, la bozza di decreto non conterrebbe alcuna distinzione tra l’attività di realizzazione fisica degli impianti (livello fisico) e quella di configurazione software degli apparati di rete (livello logico), a discapito di una corretta delimitazione delle competenze tecniche che le imprese abilitate dovranno possedere.

Anche i requisiti necessari per poter conseguire l’abilitazione da parte delle imprese sono stati oggetto di critica sotto molteplici aspetti.

L’unificazione delle classi e dei livelli autorizzatori per le imprese è stata invece accolta con favore dai soggetti aderenti alla consultazione, sebbene non siano mancati contributi che vedrebbero di buon grado l’individuazione di due distinti livelli autorizzatori, al fine di poter ricorrere a quello inferiore per l’installazione degli impianti più semplici, tra cui quelli di tipo residenziale.

Le amministrazioni pubbliche, infine, gradirebbero che fosse prevista un’area di esenzione per la costituzione dei loro impianti interni di rete, potendo questi essere realizzati attraverso il personale dipendente specializzato.

Ci si augura che il passaggio per la fase della consultazione pubblica segni l’inizio di un equilibrato ed attento recepimento dei contributi sin qui forniti dai soggetti coinvolti a più livelli nel settore delle telecomunicazioni.


Pubblicato da il 25 maggio 2011 alle 19:05 in Tecnologia
Tags: , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Federica Busetto

avvocato

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Tecnologia 29 settembre 2011, 12:45

Licenze Creative Commons: cosa sono? A cosa servono?

Sei diverse tipologie di licenze Creative Commons per condividere direttamente con gli utenti la circolazione dei contenuti

Commerciale 11 luglio 2011, 09:14

Informazione sui prodotti alimentari: nuove regole dal Parlamento Europeo

“Regolamento in materia di etichettatura e di diritto all’informazione dei consumatori”, Strasburgo 6 luglio 2011

Processo Civile 24 giugno 2011, 17:25

Un pachiderma chiamato giustizia civile

La durata media di un processo di primo grado è di 533 giorni, ma spendiamo per la giustizia lo 0,20% del PIL, più di Francia e Regno Unito

Civile 13 giugno 2011, 16:53

Privacy e banche: che fine fanno i dati dei clienti?

Prescrizioni per banche e Poste Italiane sulla circolazione delle informazioni relative alla clientela (Garante Privacy 192 del 2011)

Tecnologia 25 maggio 2011, 19:10

Banda larga e accesso a Internet, ancora sui requisiti per installare router Wi-fi domestici

Il documento di sintesi della consultazione sulla bozza di D.M. prevista dal d.lgs. 198/2010


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su