Speciale riforma PA

Professioni 31 marzo 2011, 11:00

Cassazione, niente iscrizione all’albo avvocati per i giudici onorari

“Giudici di professione…ordine giudiziario cui l’art. 104 Cost. garantisce autonomia e indipendenza; giudici onorari…solo appartenenza funzionale allo stesso ordine”


La Cassazione a sezioni unite civile si è pronunciata, lo scorso 29 marzo, in merito al diniego di iscrizione all’albo avvocati, opposto dal Consiglio Nazionale Forense, a chi che aveva svolto, per più di cinque anni, le funzioni di vice procuratore onorario presso la Procura delle Repubblica di Napoli.

Il CNF aveva rigettato la domanda di iscrizione, ritenendo “non equiparabile” la posizione di magistrato onorario a quella di magistrato dell’ordine giudiziario.

L’interessato aveva proposto ricorso in Cassazione, osservando che l’iscrizione non è negabile “dopo che ai giudici onorari sono state attribuite le medesime funzioni svolte da quelli ordinari, dovendosi altrimenti dubitare della legittimità costituzionale della non equiparazione di tali categorie, per contrasto con il principio di eguaglianza di cui all’art. 3 della Cost.”.

Le sezioni unite hanno rigettato il ricorso, con la seguente motivazione, che vale la pena riportare per esteso:

“Il ricorso è manifestamente infondato, avendo questa Corte già enunciato (Cass. n. 8737 del 2008 e 4905 del 1997), con riferimento ai giudici conciliatori e ai giudici di pace, il principio di diritto per il quale “<i magistrati onorari> nominati in base alla legge sull’ordinamento giudiziario come previsto dal secondo comma dell’art. 106 della Cost., non sono equiparabili a quelli dell’ordine giudiziario ai fini dell’iscrizione all’albo degli avvocati sulla base del mero decorso dell’arco temporale stabilito dalla legge per i magistrati professionali, ai sensi degli artt. 26, comma 1, lett. B, e 30, lett. A, del r.d.l. n. 1578 del 1933.”, norma quest’ultima relativa all’albo degli avvocati all’epoca distinto da quello dei procuratori.

I magistrati onorari restano infatti <estranei che partecipano all’amministrazione della giustizia> (art. 108 Cost.), ai quali è assicurata la medesima indipendenza nell’esercizio delle funzioni giurisdizionali dei giudici togati; come tali essi non sono equiparabili a “coloro che per cinque anni siano stati magistrati dell’ordine giudiziario, militare o amministrativo” di cui all’art. 26 del r.d. n. 1578 del 1933, in quanto solo per questi ultimi il concorso di accesso alla nomina assicura un accertamento della capacità professionale del soggetto che chiede l’iscrizione, analoga a quella di chi partecipa al c.d. Esame di concorso per la professione di avvocato (così espressamente C. Cost. 22 dicembre 1980 n. 174).

L’esigenza di un particolare accertamento dell’idoneità professionale per i giudici onorari è del resto confermato anche dalla previsione speciale relativa ai vice pretori onorari per i quali l’iscrizione era consentita non solo dopo un periodo di tempo di esercizio della funzione giurisdizionale maggiore di quello sancito per i giudici togati (dodici e quindici anni ai sensi della lettera e dell’art. 26 ed f dell’art 30 della legge n. 1578 del 1933) ma anche alla condizione del rilascio dai Capi della corte d’appello di appartenenza di un attestato della loro “particolare capacità e cultura nell’esercizio delle funzioni”, costituente una valutazione tecnica della loro idoneità alla professione forense.

D’altronde, mentre i giudici di professione costituiscono l’ordine giudiziario di cui all’art. 4, 1°comma, del r.d. 30 gennaio 1941 n. 12, ordine cui l’art. 104 Cost. garantisce l’autonomia e indipendenza da ogni altro potere, i giudici onorari hanno riconosciuta dallo stesso ordinamento giudiziario solo una appartenenza <funzionale> allo stesso ordine giudiziario (secondo comma del citato art. 4), per la quale deve negarsi che abbiano i medesimo titolo dei giudici togati alla iscrizione all’albo degli avvocati”. (sentenza 7099/2011, presidente Paolo Vittoria, relatore Fabrizio Forte)

Qui il testo integrale della sentenza.


Pubblicato da il 31 marzo 2011 alle 11:03 in Professioni
Tags: , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Avvocati 22 agosto 2014, 09:53

Avvocati, non c’è scampo: obbligo di iscrizione alla cassa forense in GU

Il testo del regolamento che istituisce l’obbligo: quanto si pagherà

Economia 22 agosto 2014, 08:08

Pensioni, prelievi e blocco stipendi: i segnali di un autunno caldo

Il prelievo è solo la prima ipotesi di un disegno da 16 miliardi

Welfare 21 agosto 2014, 16:43

Quota 96, il governo torna a promettere: presto in pensione

Il ministro Madia risponde a un Quota 96: la situazione “mi sta a cuore”

Giustizia 21 agosto 2014, 15:26

Riforma della giustizia 2014: pronto il testo in arrivo in Cdm

Il ministro Orlando su intercettazioni, civile e avvocati

Amministrativo 21 agosto 2014, 13:02

Stipendi statali, torna l’incubo: verso proroga del blocco al 2016

Si studia la possibilità di allungare il congelamento. Sindacati imbufaliti


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su