Speciale riforma PA

Varia 16 marzo 2011, 10:59

Dal 2012 i cittadini potranno presentare proposte di regolamenti e direttive europee

Le firme potranno essere raccolte anche a mezzo Internet (regolamento UE n. 211/2011)


Con la pubblicazione, l’11 marzo scorso, nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del regolamento UE n. 211/2011 diventa pienamente operativa la possibilità per i cittadini europei di presentare proposte per l’adozione di atti giuridici europei. A voler essere pignoli non si tratta di un vero e proprio diritto di iniziativa legislativa, ma piuttosto della facoltà di “sollecitare” la Commissione europea a presentare proposte normative su una determinata materia; nel burocratese europeo si definisce «iniziativa dell’iniziativa».

L’istituto rappresenta una delle novità introdotte con il Trattato di Lisbona, in vigore dal 1° dicembre 2009. L’articolo 11 della nuova versione del Trattato sull’Unione europea (TUE) afferma, infatti, che «cittadini dell’Unione, in numero di almeno 1 milione, che abbiano la cittadinanza di un numero significativo di Stati membri, possono prendere l’iniziativa d’invitare la Commissione europea … a presentare una proposta appropriata su materie in merito alle quali ritengono necessario un atto giuridico dell’Unione».

L’articolo 24, co. 1, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) demanda ad un regolamento adottato dal Parlamento e dal Consiglio il compito di definire le procedure e le condizioni necessarie per la presentazione di un’iniziativa da parte dei cittadini europei; tale atto deve, in particolare, individuare il numero minimo di Stati membri da cui i cittadini che presentano la richiesta devono provenire. Da queste premesse nasce il regolamento UE n. 211/2011 del 16 febbraio, pubblicato l’11 marzo (GUUE L 65/1) e applicabile dal 1° aprile 2012.

Quali procedura deve seguire chi vuole proporre alla Commissione europea un regolamento o una direttiva? Vediamo tutti i passaggi.

In primo luogo la richiesta deve provenire da 1 milione di cittadini appartenenti ad almeno un quarto degli Stati membri dell’Unione europea (art. 7 reg. 211/2011). In ogni Stato il numero minimo di firme necessarie sarà determinato moltiplicando per 750 il numero di deputati di quello Stato al Parlamento europeo (per l’Italia 54750). L’iniziativa, inoltre, deve essere sostenuta da un comitato composto da almeno 7 cittadini provenienti da 7 Stati membri diversi (art. 3 reg. 211/2011).

Prima di procedere alla raccolta delle firme, i promotori devono iscrivere la proposta in un apposito registro elettronico tenuto dalla Commissione; entro 2 mesi dall’inserimento della proposta l’esecutivo europeo conferma la registrazione, dopo aver verificato che:

a)      il comitato dei cittadini sia stato costituito e le persone di contatto siano state designate secondo quanto previsto dalle disposizioni del regolamento;

b)      la richiesta non esuli manifestamente dalla competenza della Commissione di presentare una proposta di atto legislativo dell’Unione ai fini dell’applicazione dei trattati;

c)       la richiesta non sia manifestamente ingiuriosa, futile o vessatoria oppure contraria ai valori fondamentali dell’Unione europea.

La registrazione può essere rifiutata solo in presenza di una delle condizioni prima indicate (art. 4 reg. 211/2011).

Dalla conferma della registrazione, i comitati promotori hanno a disposizione 1 anno per raccogliere le firme necessarie, su carta o anche a mezzo Internet (art. 5 reg. 211/2011); ultimata la raccolta delle firme, la proposta passa all’esame della Commissione, che procede alla pubblicazione sul suo sito web e riceve gli organizzatori per consentire loro di esporre in dettaglio le tematiche sollevate dall’iniziativa. Il passaggio più importante, tuttavia, è quello che prevede, entro 3 mesi, l’obbligo per la Commissione di esporre in una comunicazione (trasmessa anche al Parlamento europeo e al Consiglio) le sue conclusioni giuridiche e politiche riguardo all’iniziativa, l’eventuale azione che intende intraprendere e i suoi motivi per agire o meno in tal senso (art. 10 reg. 211/2011).

Qui il testo integrale del regolamento.


Pubblicato da il 16 marzo 2011 alle 10:03 in Varia
Tags: , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Antonio Verrilli

Responsabile editoriale e autore di manuali giuridici

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Civile 21 settembre 2011, 18:12

Strage di Ustica: colpa dei Ministeri, adesso paghino!

La sentenza del Tribunale di Palermo: “Depistarono l’accertamento dei fatti”. Risarcimenti per 100 milioni di euro

Varia 16 marzo 2011, 10:59

Dal 2012 i cittadini potranno presentare proposte di regolamenti e direttive europee

Le firme potranno essere raccolte anche a mezzo Internet (regolamento UE n. 211/2011)

Processo Penale 11 marzo 2011, 10:30

Riforma costituzionale della giustizia, è tempo per nuovi costituenti?

Il disegno di legge di modifica della Carta costituzionale approvato ieri dal Governo


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su