Con un’Ordinanza dello scorso 26 gennaio, la Corte di Cassazione ha messo, finalmente, nero su bianco quello che in tanti sospettavano da tempo: il contrassegno SIAE – l’arcaica etichetta argentata che ancora campeggia sui supporti contenenti musica, film, videogame e tante altre opere distribuiti nel nostro Paese – o, meglio, i costi da sostenersi per l’ottenimento della pecetta adesiva costituiscono una tassa.

Secondo i Giudici di legittimità, in particolare, l’obolo che ogni anno ammonta ad una cifra che oscilla tra gli otto ed i dieci milioni di euro e che quanti intendono distribuire, in Italia, opere protette da diritto d’autore devono riconoscere alla SIAE, sarebbe una tassa di scopo, incassata dall’ente, non nell’interesse di chi la paga ma della collettività.

La disciplina vigente, infatti, secondo la Cassazione individuerebbe in tali importi uno strumento di finanziamento dell’attività di antipirateria, attività nell’ambito della quale al contrassegno sarebbe, appunto, affidato il ruolo di garantire al consumatore la riconoscibilità del prodotto originale.

Uno strumento, giova ricordarlo, ritenuto utile allo scopo, oltre che nel nostro Paese solo in Portogallo e Romania.

A prescindere da ogni considerazione sull’utilità ed opportunità di appesantire l’economia di un mercato – quello dell’editoria cartacea e multimediale – in crisi con una tassa da dieci milioni di euro l’anno, la recente pronuncia della Cassazione, restituisce vigore ed attualità ai dubbi ed alle perplessità già sollevati, in passato, circa la legittimità dell’attuale disciplina sull’obbligo di apposizione del contrassegno.

L’attuale disciplina e, in particolare, il nuovo Regolamento relativo all’obbligo ed alle modalità di apposizione del contrassegno SIAE, infatti, forma, attualmente, oggetto di un giudizio pendente dinanzi al TAR Lazio, nell’ambito del quale, peraltro, si contesta proprio la circostanza che attraverso tale provvedimento di natura regolamentare, si sarebbe, in realtà, surrettiziamente introdotto nel nostro Ordinamento un “balzello” in aperta violazione del principio della riserva di legge di cui all’art. 23 della Costituzione.

Difficile, alla luce della recente pronuncia della Corte di Cassazione, dubitare di tale circostanza: il contrassegno costituisce una tassa di scopo ed essa è inequivocabilmente introdotta nell’ordinamento attraverso una norma di rango secondario, mentre la norma primaria – l’art. 181 bis – si limita a prevedere che “Le spese e gli oneri, anche per il controllo, sono a carico dei richiedenti e la loro misura, in assenza di accordo tra la SIAE e le categorie interessate, è determinata con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, sentito il comitato consultivo permanente per il diritto di autore”.

Davvero troppo poco per rintracciare nell’art. 181 bis il presupposto impositivo della tassa di scopo di cui stiamo parlando.

Forse, nei prossimi mesi, i Giudici amministrativi potrebbero, finalmente, liberare il nostro Paese di uno dei tanti inutili italici balzelli che non fa che arricchire i soliti noti, senza produrre alcuna concreta utilità per il mercato né per i consumatori che, in ultima analisi, si vedono spesso costretti a sopportarne i costi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’amministratore di sostegno dell’incapace può chiedere la nullità del matrimonio?
Articolo successivoMisure fiscali mascherate e tutela del cittadino
Guido Scorza
Un avvocato civilista che ama in pari misura il confronto in Tribunale e la negoziazione, in punta di penna, tra le pieghe di un contratto. Un blogger e giornalista, a detta di molti, polemico animatore del dibattito sulla politica dell’innovazione nel nostro Paese. Un docente universitario di diritto delle nuove tecnologie, perdutamente innamorato della ricerca e della didattica. Un appassionato difensore dei diritti civili in Rete per la ferma convinzione che Internet può e deve divenire la nuova agorà democratica del Paese che verrà e che, probabilmente, in molti sogniamo. Nel tempo libero, presiedo l’Istituto per le politiche dell’innovazione e giro il mondo a caccia di frammenti di storie, emozioni e colori da catturare attraverso la macchina fotografica. Per saperne di più potete visitare il mio blog [www.guidoscorza.it], il sito del mio Studio [SR&Partners, www.sr-partners.it] lanciare una googlata, cercarmi su 123 People o, piuttosto, mandarmi una mail ed invitarmi a prendere un caffè.

4 COMMENTI

  1. Oltretutto è pure difficile che ti difendano. Di solito devi fare da solo. Certo che dire che il brano è depositato in SIAE è molto diverso dal dire che è protetto da licenza “Creative Commons”… ancora per un po’.

SCRIVI UN COMMENTO