Tre primavere.

Angela Bruno 10/10/11
Scarica PDF Stampa
Il premio Nobel per la pace a Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakkul Karman.

Tre donne alla ribalta con un’unica motivazione: “Non possiamo raggiungere la democrazia e la pace duratura nel mondo – se le donne non otterranno le stesse opportunità degli uomini di influenzare gli sviluppi a tutti i livelli della società“.

Chi sono queste tre meraviglie?

Ellen Johnson Sirleaf è stata  la prima donna africana  presidente eletta dal popolo; ha  lavorato per  la pace,  per la  la crescita  dellla sua gente e  per l’affermazione delle donne.

Leymah Gbowee  ha unito le donne per fermare la guerra in Liberia ; ha lottato per garantire  al suo genere la partecipazione alle elezioni e continua a battersi per  affermare il protagonismo  femminile in Africa occidentale.

Tawakkul Karman, ha lottato  per i diritti delle donne e per la democrazia e la pace nello Yiemen.

Tre primavere, Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakkul Karman, che possono aiutare a realizzare  la pace e la democrazia, con una forza nuova e una sensibilità buona.

Come donna mi lusinga il fatto che oggi, finalmente, da qualche parte  si approvi il bene.

Come italiana mi dolgo del fatto che, in tema, si segua il peggio. Se chi ci governa pensasse a far bene piuttosto che a  star bene,  finiremmo con lo star meglio tutti. La soluzione è semplice e a portata di mano: basta guardare le cose dal verso giusto. Ma prima bisogna fare ordine. l’Italia, per fare entrare la luce, deve procedere con  le pulizie di primavera, guardando in tutti gli angoli, là dove meglio si annida la sporcizia.

Per le tre meraviglie è troppo poco quello che ho detto. Per riparare  alla mia deficienza, mi servirò del pensiero intelligente di Platone: “La democrazia… è una costituzione piacevole, anarchica e varia, dispensatrice di uguaglianza indifferentemente a uguali e ineguali“.

Un abbraccio a chi sa che senza le donne non può esserci democrazia.