Reddito di cittadinanza simulatore online Inps: come accedere e utilizzarlo. Calcola benefici e importi

Elena Bucci 12/02/21
Scarica PDF Stampa
Il servizio del Reddito di cittadinanza non è per tutti. Per diventare fruitori di questo sostegno offerto dallo Stato è infatti necessario essere in possesso di diversi e specifici requisiti economici, di cittadinanza, di residenza e di soggiorno.

Guida completa al Reddito di cittadinanza

Per questo motivo, al fine di agevolare cittadini, CAF, uffici territoriali e altri soggetti nella determinazione di tali requisiti, è stato predisposto, sul sito dell’Inps, un simulatore RdC/PdC (introdotto dal decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26.) che consente di valutare:

  • il possesso dei requisiti reddituali e patrimoniali;
  • la misura della prestazione spettante.

Vediamo ora nel dettaglio come accedere e utilizzare il simulatore online disponibile sul sito dell’Inps e come calcolare tutti i benefici e gli importi.

Reddito di cittadinanza simulatore: cos’è

Il simulatore del Reddito di cittadinanza è una prestazione resa disponibile sul portale Inps che consente ai cittadini, aspiranti fruitori del Rdc, di calcolare e verificare due fattori fondamentali:

  • il possesso dei requisiti reddituali e patrimoniali previsti dalla legge e richiesti per ottenere l’accesso al Rdc e alla PdC;
  • l’importo reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza che spetta in base ai requisiti ISEE in possesso del candidato.

Grazie a questo simulatore è dunque possibile sapere in anticipo se si ha o meno diritto al beneficio e in quale misura.

Carta reddito di cittadinanza: spese ammesse ed escluse 2021

Reddito di cittadinanza simulatore: come accedere

Per poter utilizzare questa funzione introdotta dall’Inps, per prima cosa si dovrà:

  • accedere al portale Inps;
  • cliccare sul menu a tendina “Prestazioni e servizi”, poi selezionare la voce “Servizi”;
  • cercare “ISEE post-riforma 2015” nell’apposito riquadro “Testo libero”;
  • effettuare l’accesso all’area dedicata all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, con la relativa modulistica, i simulatori, le guide e la sezione riservata alle domande frequenti (F.A.Q.):

reddito-di-cittadinanza-simulatore

A questo punto il cittadino potrà scegliere una delle due modalità di compilazione dei dati, selezionando uno dei due riquadri di:

  • simulazione tramite dati relativi ad una DSU attestata valida è disponibile esclusivamente al cittadino che si autentichi tramite PIN, Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Sistema Pubblico Identità Digitale (SPID);
  • simulazione tramite dati ISEE autodichiarati è utilizzabile senza che sia necessario autenticarsi con PIN, Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Sistema Pubblico Identità Digitale (SPID).

Reddito di cittadinanza 2021: scarica e compila il modulo di domanda

Reddito di cittadinanza simulatore: tramite ISEE

Per effettuare questo tipo di calcolo tramite i dati ISEE autodichiarati, è necessario:

  • cliccare la voce “Simula il calcolo” nella parte in basso a destra del riquadro “Simulazione (ISEE e RDC/PDC);
  • nella pagina successiva, cliccare su “Continua” nel box dedicato al Reddito di cittadinanza o alla Pensione di cittadinanza per visualizzare il relativo simulatore:

reddito-di-cittadinanza-simulatore-

  • clicca sul bottone ‘Simula’ nel riquadro relativo al tipo di simulazione che si desidera effettuare, scegliendo tra: ISEE ordinario o ISEE minorenne:

reddito-di-cittadinanza-simulatore-

  • nella pagina successiva il cittadino dovrà inserire tutti i dati richiesti, tra cui: informazioni sulla composizione del nucleo familiare (numero componenti, dei figli conviventi, di componenti disabili); sulla casa di abitazione (tipologia, importo del mutuo, canone annuale); sul patrimonio mobiliare e immobiliare; sulla somma dei redditi del nucleo familiare; 
  • come ultima cosa, cliccare su “Simula i requisiti economici basati sull’Isee e il beneficio del Reddito di cittadinanza”.

Reddito di cittadinanza febbraio 2021: calendario pagamenti

Reddito di cittadinanza simulatore: tramite DSU

La simulazione RdC e PdC tramite DSU consente di verificare i requisiti e l’importo spettante sulla base dei dati reali contenuti nella DSU valida presentata in precedenza dall’utente e convalidata dall’INPS. Questa modalità di simulazione è disponibile esclusivamente con l’autenticazione tramite PIN, Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Sistema Pubblico Identità Digitale (SPID). Per accedere:

  • cliccare sulla voce “Inizia acquisizione” contenuta nel box di “Compilazione della dichiarazione sostitutiva unica”;
  • l’utente deve indicare il proprio codice fiscale, affinché il sistema recuperi tutte le informazioni contenute nella dichiarazione sostitutiva e alcune informazioni non presenti in ISEE, come ad esempio i trattamenti in godimento o l’eventuale rata del mutuo;

reddito-di-cittadinanza-simulazione

  • cliccare su “Simula i requisiti economici basati sull’Isee e il beneficio del Reddito di cittadinanza“;
  • qualora i dati calcolati non soddisfino i requisiti economici per avere diritto al reddito di cittadinanza verrà esposto il prospetto dei requisiti con indicati i valori sopra soglia:

reddito-di-cittadinanza-simulazione-

  • qualora i dati calcolati soddisfino i requisiti economici per avere diritto al reddito di
    cittadinanza verrà esposto il prospetto dei requisiti con indicati i valori sotto soglia e a seguire il prospetto con l’importo del beneficio e i dettagli relativi al calcolo:

reddito-di-cittadinanza-simulazione-

Qui le istruzioni dettagliate sull’utilizzo del simulatore

Libro utile:

Reddito di cittadinanza

L’introduzione del Reddito di Cittadinanza ha dato corpo e struttura alla svolta intrapresa dal nostro Paese nelle politiche di contrasto alla povertà avvenuta con l’avvio del Reddito di Inclusione. Più che di una svolta, si è trattato di una vera e propria rivoluzione epocale, paragonabile alla creazione del Servizio Sanitario Nazionale e alla chiusura dei manicomi. Una rivoluzione frutto di un lungo percorso di sperimentazioni e battute di arresto che ha visto protagonisti governi di diverso colore negli ultimi venti anni, e che si inserisce in un contesto culturale, quello italiano, ancora molto legato all’idea di aiuto come di una mera erogazione monetaria dallo Stato e ancora poco preparato, forse, alle logiche del “contrasto alla povertà”, della “condizionalità”e della “inclusione attiva”.Sulla nuova misura è stato detto tutto e il contrario di tutto, da politici, giornalisti, opinionisti, esperti, generando confusione non solo tra i cittadini, ma anche tra gli stessi tecnici e tra gli operatori.La finalità di questo manuale è illustrare e spiegare la nuova misura nella sua globalità, sistematizzando in chiave tecnico/professionale tutte le informazioni e le conoscenze necessarie per una corretta interpretazione dell’impianto stabile e della struttura normativa di riferimento, con particolare riferimento alle innovazioni introdotte e alle ricadute operative e organizzative sui territori e gli Enti locali, pubblici e privati: questo è infatti il taglio che ha guidato l’esposizione dei vari argomenti, anche quelli all’apparenza solo di stretto interesse degli utenti finali. Più nello specifico, l’obiettivo degli autori è fornire agli operatori della formazione professionale, dei servizi di orientamento, delle agenzie per il lavoro, dei servizi sociali e dell’assistenza alle persone in condizione di svantaggio sociale, tutti gli strumenti di base per una piena comprensione dei dispositivi normativi connessi ad ampio raggio al Reddito di Cittadinanza. Nicoletta Baracchini Giurista esperta di legislazione sociale e sanitaria. Consulente ANCI in materia di ISEE e componente del gruppo ministeriale sull’attuazione dell’ISEE. Collabora con Regioni ed Enti locali per le normative in materia di organizzazione, regolamentazione e valutazione di servizi pubblici. Emilio Gregori Partner e senior consultant di Synergia e docente di Statistica presso l’Università L. Bocconi di Milano. Si occupa di analisi di sistema per i servizi sociali; svolge consulenza e attività di formazione relativamente alla programmazione e pianificazione territoriale delle politiche sociali e delle misure di contrasto alla povertà. Giovanni Viganò Partner e senior consultant di Synergia e docente di Metodi Quantitativi per le Scienze Sociali presso l’Università L. Bocconi di Milano. Esperto nella progettazione e implementazione di Sistemi Informativi Sociali, è stato consulente esperto per conto del Formez del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nelle aree di Lavoro Comune con INPS e Regioni per l’implementazione del SIUSS.    

Nicoletta Baracchini – Emilio Gregori – Giovanni V | 2019 Maggioli Editore

29.00 €  27.55 €

(Fonte Inps)

Elena Bucci
Tag