Reato di Diffamazione: in Italia pena troppo bassa.OCSE, ecco la nuova proposta

Redazione 29/05/16
Scarica PDF Stampa
Alla luce del suo effetto sulla libertà di espressione, il Senato italiano dovrebbe prendere in seria considerazione la proposta di legge che porterebbe a 9 anni la pena massima per diffamazione nei confronti di funzionari eletti e giudici, ha detto venerdì scorso il rappresentante OSCE per la libertà dei Media, Dunja Mijatović.
 
Al momento, la pena massima è di 6 anni.
 
“Questa proposta è dannosa perché il carcere è una punizione sproporzionata per la diffamazione“, ha detto Mijatović, “aumentare la pena crea un effetto agghiacciante che è dannoso per il giornalismo investigativo”.
 
Le leggi di diffamazione non dovrebbero essere strumento di politici e di quanti rivestano un ruolo pubblica per mettere a tacere le voci discordanti, ha aggiunto, sottolineando che le figure pubbliche, proprio a causa del loro ruolo,dovrebbe sopportare un più alto grado di controllo e di critica.
 
Mijatović ha lottato a lungo per la depenalizzazione completa nei paesi membri dell’OSCE, l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.
 
Infatti, in quanto rappresentante dell’OSCE sulla libertà dei Media, osserva gli sviluppi dei media in tutti i 57 Stati membri dell’OSCE, allerta precocemente l’opinione pubblica sulle violazioni della libertà di espressione e libertà dei media e promuove il pieno rispetto degli impegni dell’OSCE media libertà.
Potrebbe interessarti il seguente volume a prezzo speciale
Redazione