Invalidità civile: pagamento e benefici anche con verbale scaduto? Istruzioni Inps

Paolo Ballanti 23/07/20
Scarica PDF Stampa
Nessun problema per le agevolazioni Legge 104 in caso di verbale sanitario scaduto causa sospensione dei centri medico legali a seguito dell’emergenza COVID-19, invalidità civile compresa.

Questo è quanto stabilito dell’Inps, che con il comunicato dello scorso 11 luglio ha informato i cittadini e le cittadine della ripresa delle visite di primo accertamento e di revisione, riguardanti gli stati di invalidità civile, sordità, cecità civile, handicap e disabilità.

Coloro che avevano appuntamenti fissati durante il “lockdown” saranno convocati nei prossimi mesi, in base ad un calendario che tenga conto delle misure di sicurezza in materia di contenimento e prevenzione dal rischio di diffusione del virus COVID-19.

Analizziamo la questione nel dettaglio.

Invalidità civile: quali accertamenti Inps riprendono

Il comunicato stampa INPS comunica che dal 22 giugno scorso è ripresa l’attività dei Centri medico legali dell’Istituto, sospesa a seguito delle misure anti COVID-19.

Gli appuntamenti già fissati durante i mesi di chiusura dei centri, saranno recuperati nei prossimi mesi secondo un calendario che tenga delle nuove misure di contenimento della pandemia.

Ripresa accertamenti e revisione Inps: per quali visite

Dallo scorso 22 giugno l’INPS ha ripreso le visite di primo accertamento di:

  • Invalidità civile;
  • Cecità civile;
  • Sordità;
  • Handicap e disabilità.

Sono interessate anche le visite di revisione a seguito di scadenza del precedente verbale di accertamento.

>> Revisione Legge 104: come fare, visita, esiti

Ultra-attività degli accertamenti

L’INPS ricorda che, nelle more dell’effettuazione delle visite di revisione, gli interessati mantengono il diritto a tutti i benefici ed agevolazioni di cui hanno goduto fino a quel momento.

Questo significa, ad esempio, che Tizio potrà continuare ad usufruire dei permessi retribuiti previsti dalla Legge n. 104/1992, nonostante il verbale di accertamento dello stato di handicap grave del padre sia scaduto il 15 maggio, senza alcuna revisione per via della chiusura dei Centri medico legali INPS.

>> Invalidità civile: come fare se il verbale Inps è negativo 

Invalidità civile Inps: cosa fare in caso di verbale scaduto 

Fino al completamento del processo di revisione, coloro che ne avessero necessità potranno farsi rilasciare dalla sede INPS territorialmente competente una dichiarazione in cui si riconosce la validità del verbale sanitario scaduto, sino alla convocazione a visita dell’interessato.

Quali visite Inps erano state sospese

La riapertura dei Centri medico legali arriva a distanza di quasi tre mesi dal precedente comunicato (8 aprile 2020) con cui l’INPS rendeva nota la sospensione, su tutto il territorio nazionale, delle visite per l’accertamento dell’invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità.

Unica eccezione le domande inoltrate ai sensi della Legge n. 80/2006 riguardanti i malati oncologici. In questo caso si è data l’opportunità ai cittadini di inviare la documentazione alla casella istituzionale medico-legale della sede INPS interessata.

>> Verbale Legge 104: cos’è, cosa accerta e come fare ricorso

Invalidità civile: viene pagata anche con verbale scaduto 

La domanda che molti beneficiari si assegni di invalidità o altre agevolazioni si stanno chiedendo che fine facciano i loro benefici una volta che il loro verbale sia scaduto e l’Inps non li abbia ancora convocati per il responso.

Niente paura. Sempre nel famoso comunicato in cui l’Istituto comunica al pubblico la ripresa delle visite, viene anche reso noto che, come previsto dalla legge 114/2014 “nelle more dell’effettuazione delle eventuali visite di revisione e del relativo iter di verifica,
i minorati civili e le persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista
rivedibilità conservano tutti i diritti acquisiti in materia di benefìci, prestazioni e
agevolazioni di qualsiasi natura” (articolo 25, comma 6bis).

Cosa significa? Significa di fatto che fino all’avvenuta conclusione dell’accertamento sanitario anche i soggetti in possesso di un verbale con visita di revisione scaduta mantengono tutti i benefici e le agevolazioni di cui hanno usufruito fino a quel momento. Tra questi benefici è compreso anche il pagamento degli assegni per l’invalidità civile.

Chi ne avrà necessità potrà richiedere agli uffici Inps una dichiarazione in cui si dichiara che si è in attesa di revisione del verbale.

>> Legge 104: come richiedere l’aggravamento e nuovo grado di invalidità 

Ripresa visite revisione: misure di sicurezza Covid 

Il periodo di sospensione, oltre ai noti pericoli per la salute pubblica, ha consentito ai Centri medico legali di adeguare gli spazi alle norme in materia di distanza interpersonale, imponendo altresì:

  • Un numero limitato di visitatori;
  • L’accesso nei locali ai soli orari di convocazione;
  • La presenza di un solo accompagnatore;
  • Di indossare guanti e mascherina.

Ripresa visite di revisione: Slittamento appuntamenti

Il rispetto delle norme di sicurezza, le quali richiedono un numero limitato di cittadini, oltre alla ripresa delle visite dopo circa tre mesi di sospensione, avranno l’effetto di dilatare i tempi di attesa per la visita di revisione. Ad ogni modo, viste le precisazioni dell’INPS, in attesa della convocazione non si avrà alcun effetto sulle prestazioni o agevolazioni fiscali e previdenziali, garantite in ragione dello stato di invalidità. Ci si riferisce in particolar modo alle misure previste dalla Legge n. 104/1992, tra le quali:

  • Permessi retribuiti;
  • Congedo straordinario dal lavoro;
  • Scelta della sede di lavoro;
  • Rifiuto di svolgere lavoro notturno o di essere trasferiti ad altra sede;
  • Agevolazioni fiscali riguardanti l’acquisto dell’auto;
  • Detrazioni fiscali per l’acquisto di mezzi tecnici e informatici;
  • Detrazioni fiscali per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Possono interessarti anche:

Legge 104 e rapporto di lavoro

Il volume si pone come una guida pratica sull’applicazione della Legge n. 104/1992, ovvero la Legge-quadro dedicata interamente alle persone affette da disabilità, che ne disciplina i diritti per l’integrazione sociale, per assicurarne l’assistenza e la tutela e per l’inserimento nel campo della formazione professionale e nell’ambiente di lavoro.L’autrice esamina gli aspetti relativi al rapporto di lavoro e a quelli previdenziali e analizza le agevolazioni fiscali in favore delle suddette categorie di soggetti, alla luce degli ultimi importanti aggiornamenti introdotti dalla normativa e dalla prassi di settore (Circolari INPS e Agenzia delle entrate), supportando la disamina con i riferimenti giurisprudenziali più recenti e collegando i vari adempimenti alla modulistica ministeriale e ai facsimile che li riguardano.L’edizione tiene conto del Decreto in tema di Reddito di cittadinanza e pensioni (D.L. 28 gennaio 2019, n. 4 convertito in Legge 28 marzo 2019, n. 26) che ha prorogato l’istituto della cosiddetta Ape social fino al 31 dicembre 2019.Marta BregolatoConsulente del Lavoro iscritta all’Albo di Padova, Consulente Tecnico d’Ufficio per il Tribunale di Padova – Ramo Civile. Docente, formatore in aula e in fad per diversi enti di Formazione Specializzata in consulenza aziendale, amministrativa, fiscale e gestionale, Mediatrice Civile e Commerciale. Autrice di saggi, guide operative e articoli per riviste specializzate in materia fiscale, amministrativa e di lavoro.

Marta Bregolato | 2019 Maggioli Editore

22.00 €  20.90 €

Manuale pratico per invalidità civile, autismo, disabilità e handicap

Con formulario e schemi, aggiornato a tutte le prestazioni assistenziali e previdenziali del 2018 e alla più recente giurisprudenza, il volume è uno strumento di sicuro supporto per tutti i professionisti che operano in ambito invalidità, disabilità e handicap. L’opera prende in esame sia gli aspetti di merito, per meglio comprendere i diritti e le fonti normative di riferimento, sia gli aspetti procedurali, definendo le opzioni disponibili per ottenere le provvidenze economiche e per difendersi in un processo previdenziale.Si descrivono soggetti, procedimenti e prestazioni, con puntuali riferimenti di sostegno introdotti negli ultimi anni nella normativa civilistica.Numerose sono le novità della presente edizione, tra le quali si segnalano:le prestazioni assistenziali e previdenziali degli invalidi civili, disabilità e handicap aggiornate al 2018;i limiti di reddito per le prestazioni previdenziali agli invalidi civili, disabilità ed handicap aggiornate al 2018;gli ultimi orientamenti giurisprudenziali in materia di assegno sociale e soggetti beneficiari;le nuove formule sull’accertamento tecnico preventivo (atp);le prestazioni previdenziali degli invalidi di guerra aggiornate;le novità relative a infortunio, denuncia e premi assicurativi;l’assegno di incollocabilità in caso di infortunio e malattia aggiornato al 2018.Collegandosi alla pagina www.approfondimenti.maggioli.it è possibile accedere al formulario, alla giurisprudenza raccolta per argomento, alle tabelle, alla normativa, alla prassi e a eventuali ulteriori aggiornamenti.Rocchina StaianoDocente in Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e in Diritto della Previdenza e delle Assicurazioni Sociali, all’Università di Teramo; Avvocato; è membro del collegio dei probiviri della Cisl Regione Campania; Docente in vari Corsi di formazione; Formatore mediatore autorizzato dal Ministero della Giustizia, Componente esterno della Commissione Lavoro e della Commissione Rapporti Internazionale UE del CNF. È stata componente della Commissione Informale per l’implementamento del Fondo per l’Occupazione Giovanile e Titolare di incarico a supporto tecnico per conto del Dipartimento della Gioventù. Autrice di numerose pubblicazioni e articoli in riviste anche telematiche, per le principali case editrici in materia di lavoro e di previdenza sociale.

Rocchina Staiano | 2018 Maggioli Editore

40.00 €  38.00 €

Tag