Il Consiglio di Stato e l’impugnazione di provvedimento di rifiuto di sostituzione del contraente

Appalti: il Consiglio di Stato si pronuncia sulla sostituzione del contraente e sul dimezzamento del termine per ricorrere.

Scarica PDF Stampa
Il Consiglio di Stato, Sez. V, con la sentenza n. 2119 del 9 maggio 2017, si è pronunciato sull’applicabilità del rito appalti anche nel caso di impugnazione di un provvedimento di rifiuto di sostituzione del contraente.

 

Il Collegio ha come trovi applicazione l’art. 120, comma 5, del D. Lgs. 104/2010, il quale statuisce che “Salvo quanto previsto al comma 6-bis, per l’impugnazione degli atti di cui al presente articolo il ricorso, principale o incidentale e i motivi aggiunti, anche avverso atti diversi da quelli già impugnati, devono essere proposti nel termine di trenta giorni, decorrente, per il ricorso principale e per i motivi aggiunti, dalla ricezione della comunicazione di cui all’articolo 79 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, o, per i bandi e gli avvisi con cui si indice una gara, autonomamente lesivi, dalla pubblicazione di cui all’articolo 66, comma 8, dello stesso decreto; ovvero, in ogni altro caso, dalla conoscenza dell’atto. Per il ricorso incidentale la decorrenza del termine e’ disciplinata dall’articolo 42″.

 

Tale statuizione altro non fa che sottolineare l’applicazione di un termine proprio del rito degli appalti in virtù della natura fisiologica della sostituzione del contraente come procedimento insisto nell’espletamento della gara.

 

I giudici, pertanto, statuiscono come non sia corretto affermare, in virtù della normativa sopra esposta, come il dimezzare il termine per ricorrere riguardi solo i procedimenti aventi ad oggetto l’impugnazione del provvedimento di aggiudicazione: la normativa è, invero, applicabile anche a quella gamma di atti che riguardano le procedure di affidamenti dei contratti pubblici, compresi quelli che si inseriscono nella fase, eventuale, di sostituzione del contraente ex art. 116 d.lgs n.163/2006.

 

Volume consigliato:

Il Correttivo al Codice degli Appalti: cosa cambia per i professionisti

L’ebook contiene tutte le novità per i professionisti tecnici e sulla progettazione contenute nel Correttivo al Codice degli Appalti, (dlg.s. n. 50/2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 19 aprile 2016).La Guida illustra le novità di interesse per i professionisti tecnici contenute nei singoli articoli del Codice, rivisto dal decreto Correttivo (in pubblicazione in Gazzetta Ufficiale): – Programmazione e progettazione: come cambiano i livelli della progettazione, principali figure coinvolte, suddivisione dei compiti,- Contratti pubblici sopra e sotto soglia: le differenti modalità di selezione degli affidatari degli incarichi, modalità di gara,- Bandi e avvisi nei settori ordinari,- Aggiudicazione degli appalti nei settori ordinari,- Concorsi di progettazione: cosa succede attualmente, cosa cambia, cosa potrebbe essere.Laura Porporato, Architetto, tesoriere e consigliere delegato per i lavori pubblici dell’Ordine degli Architetti di Torino

Laura Porporato | 2017 Maggioli Editore

12.90 €  10.97 €

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento