Fattura elettronica 2019: pagamento del bollo, ecco come fare

Chiara Arroi 21/01/19
Scarica PDF Stampa
La rivoluzione della fattura elettronica 2019 è cominciata. È una delle più grandi novità sul piano fiscale da inizio anno e riguarda tutti i soggetti chiamati all’emissione, invio e conservazione delle fatture. L’obbligo di gestire questo adempimento fiscale in modo del tutto digitale è entrato in vigore dallo scorso 1° gennaio 2019. È un obbligo ancora giovane, che può creare confusione tra gli addetti e difficoltà.

Tra vari chiarimenti dell’Agenzia entrate e proteste si è entrati nel pieno della digitalizzazione delle fatturazioni e tutti sono chiamati ad adeguarsi, anche se è previsto un periodo di tolleranza per l’adeguamento.

Tra i vari adempimenti c’è quello del pagamento dell’imposta di bollo, che dall’entrata in vigore delle e-fatture, si basa su nuove modalità. Vediamo quali.

Consulta lo speciale Fattura elettronica 

Fattura elettronica 2019: come si paga l’imposta di bollo

Assieme all’entrata in vigore della fatturazione elettronica, dal 1° gennaio 2019, sono anche previste nuove modalità di pagamento dell’imposta di bollo. Lo ha specificato con esattezza lo stesso Ministero dell’economia (Mef) con un comunicato stampa in cui vene evidenziato in breve come ogni 3 mesi sarà la stessa Agenzia delle Entrate a rendere noto l’ammontare dovuto sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di Interscambio.

In pratica, visto che sulle fatture elettroniche non si può apporre fisicamente la marca da bollo, per assolvere l’adempimento è necessario effettuare il versamento telematicamente.

Leggi anche “Fattura elettronica 2019: nuovo portale e guida Agenzia delle entrate”

Per rendere più semplice questo adempimento, il decreto firmato dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria lo scorso 28 dicembre 2018 prevede appunto che al termine di ogni trimestre sia l’Agenzia delle Entrate a rendere noto l’ammontare dovuto sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di Interscambio.
L’Agenzia, sul proprio sito, metterà a disposizione un servizio che consenta agli interessati di pagare l’imposta di bollo:

  • con un addebito su conto corrente bancario o postale;
  • utilizzando il modello F24 predisposto dall’Agenzia stessa.

In sostanza il tutto sarà un po’ più velocizzato:  il tributo non dovrà più essere calcolato dagli stessi contribuenti e versato una volta all’anno, ma ci penserà l’agenzia delle entrate a presentare il conto ogni tre mesi.

Bollo trimestrale su fattura elettronica: quando si applica

Le disposizioni del decreto si applicheranno alle fatture elettroniche emesse a partire dal 1° gennaio 2019, non si riferiscono quindi a quelle emesse fino al 31 dicembre 2018.

Leggi anche “Fattura elettronica 2019, rivoluzione partita: ecco cosa cambia”

Bollo sulla fattura elettronica 2019: quanto si paga

L’importo dovuto come imposta di bollo sulle fatture è di 2 euro sulle fatture non soggette ad Iva (ad esempio, operazioni esenti) di importo superiore a 77,47 euro.

In base alla precedente normativa, questo importo sui documenti informatici fiscalmente rilevanti, tra cui le fatture, si paga con il modello F24, in un’unica soluzione, entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio. Questo termine si riferisce all’anno solare, per cui scade il 30 aprile di ogni anno.

Da ora, in base a quanto specificato dal decreto e dalla comunicazione ufficiale del Mef, per facilitare l’adempimento da parte del contribuente, sarà invece l’agenzia delle entrate, al termine di ogni trimestre, a rendere noto l’ammontare dovuto sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il sistema di interscambio.

Sulla Fatturazione elettronica potrebbe interessarti questo volume:

Guida alla fatturazione elettronica tra privati

Il testo è aggiornato con i più recenti documenti di prassi pubblicati dall’Agenzia delle entrate e con le ultime disposizioni del Decreto fiscale (D.L. 23 ottobre 2018, n. 119,convertito nella Legge 17 dicembre 2018, n. 136), con il quale si è provveduto a semplificare il processo di avvio e di emissione della fatturazione elettronica (ammorbidendo il sistema sanzionatorio), di annotazione delle fatture, di registrazione degli acquisti e di detrazione dell’IVA, nonché a prevedere l’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi. La trattazione chiarisce le modalità di emissione della fattura elettronica, le tempistiche e il contenuto obbligatorio, dedica ampio spazio di approfondimento al Sistema di Interscambio e individua i soggetti obbligati e quelli esonerati. Sotto l’aspetto operativo, questa nuovissima Guida presenta i principali servizi di fatturazione elettronica offerti alle imprese e ai professionisti, tenuto conto del ruolo e dei compiti del responsabile alla conservazione. La parte finale del Manuale è dedicata alle FAQ, con risposte immediate alle principali problematiche da affrontare in materia di fatturazione elettronica e ai documenti di rilevante importanza nel processo.Nicola Santangelo, Ragioniere, scrittore e blogger con esperienza in ambito contabile e fiscale nella comunicazione d’impresa e nella redazione di business plan. Lavora presso Agenzia Fiscale del Ministero dell’Economia e delle Finanze. È autore di pubblicazioni su fisco, economia, finanza e imprenditoria per primarie testate e riviste di settore. Sui medesimi temi, è relatore in convegni per professionisti.

Nicola Santangelo | 2019 Maggioli Editore

34.00 €  32.30 €

LeggiOggi consiglia inoltre l’E-book sulla Fatturazione elettronica 2019

Chiara Arroi

Tag