Equitalia assume avvocati, come inviare le domande

Redazione 30/05/17
Scarica PDF Stampa
Equitalia cerca avvocati per la costituzione di un Elenco di professionisti a cui affidare gli incarichi di rappresentanza e difesa in giudizio. Gli avvocati saranno iscritti in realtà all’elenco del nuovo ente Agenzia delle Entrate-Riscossione, che sostituirà Equitalia a partire dal 1° luglio 2017.

Vediamo cosa bisogna fare per inviare domanda di iscrizione e quali sono i requisiti richiesti.

Per approfondire, visita la nostra sezione dedicata ai Concorsi pubblici.

 

Elenco avvocati Equitalia, scadenza il 27 giugno

Le modalità di iscrizione all’Elenco avvocati di Equitalia sono descritte nell’avviso pubblicato a fine aprile sul sito internet dell’agente di riscossione. La data di scadenza per l’invio delle domande è fissata alle ore 12:00 del 27 giugno 2017.

Le richieste di iscrizione all’Elenco dovranno essere presentate esclusivamente per via telematica. Il richiedente dovrà creare un proprio profilo personale per accedere all’area dedicata e fornire tutte le informazioni richieste; bisognerà inoltre allegare alla domanda una copia del documento d’identità e il curriculum vitae in formato europeo. Alla fine di tutte queste operazioni, si dovrà scaricare il documento riassuntivo in PDF e sottoscriverlo con firma digitale.

Tutti i richiedenti dovranno indicare per quale sezione, Distretto di Corte d’Appello o circondario di Tribunale intendono richiedere l’iscrizione.

L’iscrizione all’elenco è valida per un anno

È bene sottolineare come l’iscrizione degli avvocati all’Elenco di Equitalia sarà valida solo per un anno a partire dalla data di pubblicazione. Nel 2018, in prossimità della scadenza dei termini, sarà pubblicato un nuovo avviso sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, e gli avvocati già selezionati che vorranno continuare il loro rapporto di collaborazione con l’Agenzia dovranno iscriversi alla nuova procedura.

Stesso discorso vale ovviamente, quest’anno, per i professionisti che erano già stati scelti nel 2012: il loro contratto di lavoro è scaduto, e se vorranno continuare a rappresentare l’Agenzia dovranno essere nuovamente selezionati. C’è tempo per fare domanda, come detto, fino al 27 giugno.

Necessario un volume d’affari di 100mila euro

Fa molto discutere gli ordini forensi, tuttavia, il requisito economico richiesto per l’iscrizione all’Elenco avvocati di Equitalia.

Come si legge nel regolamento, infatti, per inviare domanda è necessario aver conseguito, negli ultimi tre anni solari antecedenti la pubblicazione dell’avviso, un volume d’affari di 100mila euro, Iva e Cpa escluse. Non solo: almeno 50mila euro dei 100mila euro fatturati dovranno essere stati conseguiti in attività analoghe a quelle oggetto della specifica sezione per la quale si chiede l’iscrizione.

Non mancano, comunque, requisiti di altra natura: per richiedere l’iscrizione all’Elenco di Equitalia, gli avvocati dovranno essere iscritti all’albo da almeno cinque anni, essere in regola con i crediti formativi del triennio, essere in possesso di un’adeguata polizza assicurativa e non aver mai subito la sanzione disciplinare della sospensione.

 

Volume consigliato:

Condono fiscale liti pendenti

Il seguente testo illustra come applicare la disciplina normativa di cui all’art. 11 del Decreto Legge del 24 aprile 2017 n. 50 (Definizione agevolata delle controversie tributarie) contenente la manovra correttiva pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24 aprile 2017 che introduce la rottamazione delle liti fiscali pendenti con il Fisco. Con un taglio operativo si analizzano le caratteristiche principali del nuovo istituto raffrontandolo anche con i condoni fiscali precedenti unitamente a utili riferimenti giurisprudenziali. Ed infatti, da ultimo nel 2011, ma già in precedenza, il legislatore aveva previsto la possibilità di definire le controversie tributarie pendenti in ogni stato e grado del giudizio mediante un meccanismo analogo, per molti profili differente ma dal fine comune: ridurre il numero delle controversie tributarie pendenti e “fare cassa”.L’attuale condono anche se un’ottima opportunità per i contribuenti presenta delle criticità che nella proposta modificativa inclusa in questo pratico manuale si cercano di superare.MAURIZIO VILLANI, Avvocato tributarista cassazionista specializzato in Diritto Tributario e Penale – Tributario. Relatore in vari convegni nazionali, seminari e incontri, collabora con diverse testate di settore scrivendo articoli e pareri in ambito fiscale e tributario.È autore di diversi testi sul contenzioso tributario. Il comitato scientifico del “Premio Barocco” gli ha assegnato l’alta onorificenza per l’anno 2015, come riconoscimento del suo costante impegno nel voler riformare le Commissioni tributarie e per il suo contributo nel 2015 alla riforma del processo tributario (D.Lgs. n.156/2016). IOLANDA PANSARDI, Avvocato tributarista, Master in diritto e pratica tributaria – LL.M In Tax Law “Universus”. Collabora con lo studio legale tributario Villani. Autrice e coautrice di articoli per riviste specializzate, di volumi ed ebook in materia di diritto tributario.

Maurizio Villani, IOLANDA PANSARDI | 2017 Maggioli Editore

12.00 €  10.20 €

Redazione