Emergenza Coronavirus: scadenze fiscali sospese. Ecco il decreto

Chiara Arroi 25/02/20
Scarica PDF Stampa
Era stato annunciato ed è arrivato il Decreto che sospende le scadenze fiscali per l’emergenza Coronavirus. Il titolare dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha firmato il decreto ministeriale che interviene sugli adempimenti a carico dei contribuenti, residenti nelle zone interessate dall’epidemia.

Sono le stesse zone citate nel Decreto della Presidenza del consiglio, recante Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza dal virus Covid-19.

Proprio in questi giorni, tra tutte le misure che sono state prese a livello nazionale, regionale e comunale, c’è stata anche la sospensione di molte attività ad alto impatto pubblico, compresa la sospensione dei concorsi pubblici.

Arriva ora il Decreto del ministero dell’Economia che sospende anche gli adempimenti fiscali a cui normalmente sono chiamati i contribuenti italiani. Non dovunque però. Vediamo in cosa consiste questa sospensione, quali scadenze include e le zone interessate.

Emergenza Coronavirus: quali scadenze fiscali sono sospese

Come espressamente citato nel Decreto firmato da Gualtieri, “vengono sospesi i versamenti delle imposte, delle ritenute e gli adempimenti tributari per i contribuenti e le imprese residenti o che operano negli undici comuni interessati dalle misure di contenimento del contagio da Coronavirus. La sospensione riguarda anche le cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione e quelli conseguenti ad accertamenti esecutivi”.

Stop per ora quindi a tutti i versamenti tributari, comprese le cartelle di pagamento, la cui scadenza è compresa tra il 21 febbraio e il 31 marzo 2020.

Emergenza Coronavirus: chi ha diritto alla sospensione delle scadenze fiscali

Beneficeranno di questa sospensione fiscale sia i cittadini sia le imprese che risiedono in uno degli 11 comuni considerati zona rossa per il Coronavirus.

Emergenza Coronavirus: i Comuni in cui state sospese le scadenze fiscali

Di seguito l’elenco dei comuni coinvolti, detti anche Zone rosse:

LOMBARDIA
Bertonico (LO)
Casalpusterlengo (LO)
Castelgerundo (LO)
Castiglione D’Adda (LO)
Codogno (LO)
Fombio (LO)
Maleo (LO)
San Fiorano (LO)
Somaglia (LO)
Terranova dei Passerini (LO)

VENETO
Vo’ (PD)

Coronavirus: cosa succede se ho già pagato?

Chi ha già provveduto a versare le imposte o a pagare le cartelle comprese nell’intervallo 21 febbraio – 31 marzo 2020 non riceverà alcun rimborso, come espressamente specificato all’articolo 1 del Decreto Mef.

Emergenza Coronavirus: quando dura la sospensione delle scadenze fiscali

Come detto a inizio articolo, la sospensione riguarda cartelle e imposte tributarie comprese tra il 21 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020. Si dà quindi per appurato che si questa la durata dello stop ai pagamenti.

Sul tema potrebbe interessarti l’e-book: 

CORONAVIRUS COVID-19

La storia ci insegna che da sempre le società umane combattono, ciclicamente, la loro guerra contro le epidemie, questo nemico astuto, insidioso, implacabile, e soprattutto, privo di emozioni e scrupoli. Eppure, le società umane hanno sempre vinto. Oggi il progresso scientifico e tecnologico sembra librarsi ad altezze vertiginose. Ma, nella guerra contro le epidemie, le armi dell’umanità sono e saranno probabilmente le stesse di quelle che avevamo a disposizione quando questo inarrestabile progresso aveva appena cominciato a svilupparsi, come nel XV secolo della Repubblica di Venezia, nell’800, nei primi anni del ’900. Oggi, è vero, la comunità internazionale può contare su un’incrementata capacità di sorveglianza epidemiologica, su una solida esperienza nella collaborazione tra Stati, su laboratori in grado di identificare i virus e fare diagnosi, su conoscenze scientifiche in continuo progresso, su servizi sanitari sempre migliori, su agenzie internazionali come l’OMS, l’ISS italiano e il CDC americano. Ma oltre alle conoscenze, ai vaccini e ai farmaci, all’organizzazione dei servizi sanitari, per affrontare con successo le epidemie è molto importante il senso di appartenenza alla comunità, la solidarietà sociale e l’aiuto reciproco fra persone. Di fronte ad una minaccia sanitaria, la fiducia nello Stato e nelle scelte delle autorità sanitarie, la consapevolezza del rischio e la solidarietà umana possono aver la meglio sull’ignoranza, l’irrazionalità, il panico, la fuga e il prevalere dell’egoismo che in tutti gli eventi epidemici della storia hanno avuto grande rilevanza.     Walter Pasiniè un esperto di sanità internazionale e di Travel Medicine. Ha diretto dal 1988 al 2008 il primo Centro Collaboratore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la Travel Medicine.

Walter Pasini | 2020 Maggioli Editore

9.90 €  8.42 €

Chiara Arroi

Tag