Tesla colloca due modelli nella top 10 dei veicoli più venduti al mondo nel 2022

Redazione 14/07/23
Scarica PDF Stampa

Tesla ha piazzato 2 dei suoi 4 modelli disponibili nel 2022 nella top 10 della classifica.

Secondo le stime di mercato, la Tesla Model Y è stata la terza autovettura più venduta al mondo nel 2022, solo dietro le tradizionali top-seller, la Toyota RAV4 e la Toyota Corolla.

  • Toyota RAV4
  • Toyota Corolla
  • Tesla Model Y

Anche le vendite di pezzi di ricambio sui distributori online come Ovoko sono schizzate alle stelle, sottolineando la continua richiesta di parti per i modelli Tesla, ormai estremamente diffusi in tutto il mondo.
 
Vedere un veicolo puramente elettrico non solo così vicino alla prima posizione, ma anche un marchio relativamente nuovo arrivare così in alto nella classifica globale, può essere considerato a tutti gli effetti un traguardo storico.

 
Più in basso, la Tesla Model 3 occupa la decima posizione, perdendo però una posizione rispetto al 2021. Toyota è sempre leader mondiale nel settore automotice, con 5 modelli nella top 10, mentre Ford, Nissan e Honda devono accontentarsi di un solo modello ciascuno.

Indice

I dati del mercato globale

Nel 2022 sono stati immatricolati a livello globale 79,4 milioni di nuovi veicoli, con un calo del 2% rispetto agli 80,7 milioni di auto immatricolate nell’anno precedente. Risultati positivi in diversi mercati emergenti (India, Medio Oriente, Sud Est Asiatico, Africa), che hanno rappresentato 24% dei volumi globali, sono stati abbastanza significativi da compensare i cali osservati in Nord America, Europa e Cina.
 
I mercati emergenti vedono un’impennata di immatricolazioni:

  • India
  • Medio Oriente
  • Sud Est Asiatico
  • Africa

Questo calo può essere attribuito a due fattori chiave. Per prima cosa, la continua interruzione delle forniture e la mancanza di semiconduttori tra America del Nord ed Europa hanno portato a una riduzione della disponibilità di nuovi veicoli, mentre le vendite in Cina, il più grande mercato del mondo, si sono indebolite. Nel 2022, le tre regioni insieme rappresentavano il 69% delle vendite globali totali.
 
Oltre a queste problematiche da “post-covid”, anche la guerra in corso in Ucraina ha contribuito al declino.

RUSSIA E INDIA: DUE SUPERPOTENZE AGLI ANTIPODI

A seguito delle sanzioni, il mercato russo ha sofferto pesantemente con un calo delle vendite del 59%, pari a circa 1 milione di unità. Il mercato si sta allontanando da NSC e OEM, diventando invece sempre più dipendente dagli importatori. Il ritiro dei marchi occidentali ha creato un’opportunità per la Cina di espandere la propria presenza nel mercato automobilistico russo, il 21° più grande a livello globale nel 2022.
 
Al contrario, la domanda in India è aumentata del 24%, raggiungendo un nuovo record di 4,37 milioni di unità registrate. Questi risultati hanno visto l’India superare il Giappone per diventare il terzo mercato automobilistico più grande del mondo. Nonostante l’aumento dei volumi, sono stati venduti solo 3,1 veicoli ogni 1.000 abitanti, il valore più basso tra i primi 25 maggiori mercati di veicoli.
 
La fiducia dei consumatori indiani è stata rafforzata dall’economia in ripresa e dalle politiche governative di sostegno, compresi gli incentivi legati alla produzione per un totale di 7,5 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per incoraggiare le esportazioni e l’introduzione di un nuovo politica di rottamazione dei veicoli per aumentare la domanda di nuovi veicoli. Anche le banche e le finanziarie sono diventate più accomodanti nell’offrire prestiti a tassi competitivi.

MEDIO ORIENTE E AFRICA: IL PESO DEGLI INCENTIVI FINANZIARI

Le nuove immatricolazioni di veicoli nei sei paesi del Golfo hanno raggiunto 2,75 milioni di unità, il 46% del totale regionale. Il Medio Oriente sembra destinato ad assumere un ruolo più significativo nell’industria automobilistica globale; L’Arabia Saudita, il 19° mercato automobilistico più grande del mondo, mira a diventare un hub per la produzione di veicoli elettrici con investimenti che dovrebbero raggiungere i 50 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni.
 
Quali sono i punti chiave dell’aumento di immatricolazioni in Medio Oriente

  • Incentivi finanziari
  • misure post-pandemia
  • Benefici rottamazione
  • Eco Incentivi

Nel mercato africano i volumi sono aumentati del 5,5% a 1,15 milioni di unità. Ciò è stato determinato da un aumento del 14% delle immatricolazioni in Sud Africa, il più grande mercato del continente, che rappresenta il 44% del totale.
 

TESLA 2

L’impennata dei veicoli elettrici continua

Nel 2022, il volume totale di veicoli elettrici a batteria (BEV) è aumentato del 66% per un totale di 7,37 milioni di unità, un aumento anno su anno di 2,9 milioni di unità. Ciò ha superato l’aumento di 2,4 milioni di unità registrato tra il 2020 e il 2021.
 
L’anno scorso, la quota di mercato globale dei BEV è passata dal 5,5% nel 2021 al 9,3%. A livello regionale, solo la Cina e l’Europa si sono assicurate una quota di mercato a due cifre rispettivamente con il 15,6% e il 12,2%.
 
Il boom dei veicoli elettrici sembra destinato a durare. I governi del mondo sviluppato hanno continuato a offrire incentivi generosi, incoraggiando i consumatori ad abbandonare i veicoli ICE, mentre i prezzi medi sono diminuiti grazie all’introduzione di modelli più convenienti da parte degli OEM.
 
La Norvegia ha continuato a stabilire lo standard per l’adozione di veicoli elettrici a livello globale. L’anno scorso, il 71% dei veicoli leggeri immatricolati nel Paese erano BEV, tuttavia è stata Hong Kong a registrare il più alto aumento della quota di mercato dal 24,4% nel 2021 al 53,1% dello scorso anno.

tesla 3

Il programma di rottamazione per i veicoli tradizionali con almeno sei anni di vita e l’esenzione fiscale per i nuovi veicoli elettrici fino a un certo prezzo sta spingendo molti consumatori a passare dalla benzina all’elettrico.
 
La Cina ha aperto la strada come il più grande mercato mondiale in termini di volume, rappresentando il 53% delle vendite globali, un margine significativo in più rispetto alla quota del paese delle vendite globali complessive di veicoli leggeri al 32%.
 
Il successo della Cina è il risultato di tempi di attesa più brevi per i BEV rispetto ai modelli ICE e di una fiorente offerta per i consumatori: nel 2022 sono stati lanciati 15 nuovi marchi in Cina. Mentre Tesla ha guidato la carica dei veicoli elettrici nel 2022 con una crescita delle vendite del 43%, il produttore statunitense ha perso quote di mercato a favore degli OEM cinesi, perdendo 3 punti di quota al 17,6%.