Contributo unificato online con PagoPa in tutta Italia: come fare

Scarica PDF Stampa
Con provvedimento del 6 giugno 2019 è stata estesa a tutte le regioni la possibilità di effettuare il pagamento del contributo unificato tramite il “Nodo dei pagamenti-Spc (PagoPA)” per i ricorsi e gli appelli che sono depositati presso la segreteria di tutte le commissioni tributarie.

La possibilità può essere utilizzata per le costituzioni in giudizio telematiche a decorrere dal 24 giugno 2019. Fino al giorno precedente la modalità poteva essere esercitata per le commissioni presenti nella regione Toscana (a decorrere dal 15 marzo 2017) e Lazio (a decorrere dal 15 aprile 2017) per effetto del d.d. 10.3.2017.

Come pagare il contributo unificato con PagoPa

Il servizio “pagoPA” consente i cittadini e alle imprese di effettuare i pagamenti in modalità elettronica verso la pubblica amministrazione.

Il pagamento telematico del contributo unificato tributario (CUT) può essere effettuato utilizzando il sistema pagoPA attivando la procedura dal sistema informativo della giustizia tributaria (SIGIT) all’interno dell’applicazione processo tributario telematico (PTT) e può essere reso operante sia dalla mail di conferma dell’avvenuta presentazione del ricorso (o dell’appello), selezionando l’apposito link in essa presente, sia dalla linea pagamento tramite pagoPA della sezione “pagamento contributo unificato tributario”.

Se il pagamento è fatto mediante mail di conferma, l’utente:

  1. deposita il ricorso (o l’appello) tramite il processo tributario telematico (PTT);
  2. ad avvenuto deposito riceve una e-mail di conferma unitamente al codice RGR/RGA e il link per procedere al pagamento;
  3. clicca sul link e, dopo essersi autenticato, accede alla pagina dl SIGIT “Pagamento CUT” ove visualizza i dati del ricorso (o dell’appello) ai fini del pagamento del CUT;
  4. inserisce gli ulteriori dati richiesti per perfezionare il pagamento;
  5. clicca su “Paga”.

L’e-mail di conferma non è contestuale al deposito del ricorso.

Ricorrendo, invece, alla linea “pagamento tramite pagoPA, l’utente:

  • accede alla sezione “Pagamenti Contributo unificato Tributario” e seleziona “pagamento tramite pagoPA”;
  • indica Regione, Commissione, Registro generale, Tipologia atto e clicca su “Ricerca”;
  • seleziona l’icona dettaglio dell’atto individuato;
  • eventualmente modifica alcuni dati e poi clicca su “Paga”.

In alternativa, il pagamento può essere effettuato:

  1. mediante il modello F23 o sul conto corrente postale 1010376927 intestato a “Tesoreria di Viterbo-Contributo Processo Tributario art. 37 D.L. 98/2011”; la ricevuta deve essere scansionata, firmata digitalmente e trasmessa come allegato del ricorso/appello;
  2. contrassegno acquistato presso una rivendita autorizzata di generi di monopolio e di valori bollati, che va apposto sul modello “Comunicazione di versamento del contributo unificato, il quale deve essere scansionato, firmato digitalmente e allegato al ricorso appello.

Va ricordato che, se il pagamento è effettuato tramite pagoPA, non va prodotta alcuna ricevuta.

Per approfondire l’argomento consigliamo questo volume:

Processo tributario telematico

A decorrere dal 1° luglio 2019 il Processo Tributario Telematico diventa un obbligo per i giudizi instaurati in primo e secondo grado con ricorso notificato a decorrere da tale data. Pur costituendo il Processo Tributario Telematico una indubbia facilitazione per l’attività dei soggetti coinvolti, le sue regole di funzionamento non sono semplicissime. Obiettivo del presente volume è appunto quello di offrire una panoramica sul nuovo strumento e di fornire specifiche indicazioni applicative per chi debba servirsene, in modo da comprenderne rapidamente le metodologie e usufruire quanto prima delle agevolazioni di tempi e costi che la nuova soluzione può consentire.L’edizione tiene conto del decreto direttoriale 20 maggio 2019 del MEF, che ha istituito il Forum nazionale multilaterale sul processo tributario telematico, anch’esso obbligatorio a partire dal 1° luglio 2019.Eventuali aggiornamenti (qualora intervengano entro il 30 settembre 2019) potranno essere scaricati gratuitamente dal sito www.maggiolieditore.it, nella sezione “Cerca Aggiornamenti Volumi”.AVVERTENZAI contenuti di questo libro sono presenti anche in versione ebook sul portale www.fiscoetasse.comSERGIO MOGOROVICHDottore Commercialista in Gorizia, già vicepresidente della Commissione Nazionale di Studio dei Dottori Commercialisti per le imposte indirette, ha fatto parte del Gruppo Ristretto per lo Studio del “Contenzioso Tributario” del C.N.D.C.E.C. È autore di pubblicazioni specializzate in materia tributaria e collabora con importanti quotidiani e riviste del settore.

Sergio Mogorovich | 2019 Maggioli Editore

20.00 €  16.00 €