Canone Rai, cosa succede se non pago?

Redazione 21/12/17
Scarica PDF Stampa
Ancora pochi giorni a disposizione per inviare la richiesta di esenzione dal Canone Rai. Ma quali sono le novità che si aspettano sul canone televisivo per il prossimo anno? E cosa succede se decido di non pagarlo? Facciamo il punto per chiarire qualche dubbio.

Canone Rai 2018, a quanto ammonta?

Nel 2018 il Canone resterà di 90 euro, il pagamento avverrà attraverso la bolletta dell’utenza elettrica in 10 rate da 9 euro, da gennaio a ottobre.

Ricordiamo che questa modalità di pagamento è stata predisposta dalla Legge di Stabilità 2016 con un addebito automatico sulla bolletta dell’utenza elettrica e si basa sulla presunzione di detenzione di un televisore da parte del titolare dell’utenza.

Leggi anche Esenzione Canone Rai, nuovo modello online per il 2018

Chi deve pagare o no il Canone Rai

Ricordiamo che il canone Rai viene richiesto per il possesso dell’apparecchio e non il suo utilizzo quindi deve pagare:

  • chi guarda canali in streaming o pay tv tramite l’apparecchio televisivo
  • chi è ricoverato presso al casa di cura
  • chi è non vedente, se possiede la tv
  • chi è inquilino di un appartamento in affitto anche se la tv è del padrone di casa.

Non deve pagare il Canone Rai:

  • chi non possiede un apparecchio televisivo,ma vede la televisione in streaming o i programmi sulla televisione via internet (come ad esempio Netflix) attraverso il pc o il tablet; (ma se guardano canali a pagamento attraverso la televisione il canone va pagato)
  • se in famiglia c’è già qualcuno dello stesso nucleo familiare che lo paga,
  • per incapacità economiche, i requisiti sono avere 75 anni di età e un reddito (di entrambi i coniugi) inferiore a 6.713 euro annui.

 

Cosa succede se non pago il Canone Rai?

In caso di mancato pagamento sono previste sanzioni che vanno da 200 ai 600 euro. Non viene sospesa l’erogazione della luce, ma il fornitore segnalerà il mancato pagamento all’Agenzia delle Entrate che si attiverà per le operazioni di recupero dell’importo fino a giungere alla cartella esattoriale.

Redazione

Tag