Bonus 200 euro esteso: nuovi beneficiari, domanda, pagamento

Scarica PDF Stampa
Con la pubblicazione in gazzetta ufficiale del Decreto Aiuti bis, il bonus 200 euro è stato esteso ad alcune categorie di lavoratori finora rimasti esclusi.

L’articolo 22 del provvedimento ha infatti rinnovato l’indennità una tantum di 200 euro (introdotta nel primo decreto aiuti per dipendenti e pensionati e altri beneficiari) anche a chi, con rapporto di lavoro in essere nel mese di luglio 2022 e che fino alla data di entrata in vigore del predetto decreto-legge n. 50 del 2022 non ha beneficiato dell’esonero, perché interessati da eventi con copertura di contribuzione figurativa integrale dall’INPS (in pratica coloro che non beneficiavano dell’esonero contributivo dello 0,8%).

Con riguardo ai lavoratori dipendenti, ai sensi dell’articolo 31, il bonus è riconosciuto in via automatica dal datore di lavoro con la retribuzione di competenza del mese di luglio 2022, anche se erogata in agosto. Fanno eccezione una serie di casistiche residuali in cui la somma è stata riconosciuta con il compenso di giugno pagato a luglio.

> Decreto Aiuti Bis in Gazzetta: tutte le misure confermate <

Nella prima versione del bonus 200 euro inserita nel primo decreto aiuti, per poter beneficiare dell’indennità, ai dipendenti  è stato richiesto di:

  • essere in forza nel mese di luglio 2022;
  • aver beneficiato dal 1° gennaio 2022 al 23 giugno 2022, per almeno una mensilità, della riduzione dei contributi INPS a carico del lavoratore pari allo 0,80%, introdotta in via sperimentale dalla stessa Manovra 2022 per l’intero anno corrente.

All’interno del successivo articolo 32 sono invece contemplati gli altri destinatari del bonus, tra cui si citano pensionati, beneficiari del Reddito di Cittadinanza e destinatari dell’indennità di disoccupazione NASpI e DIS-COLL.

A distanza di quasi tre mesi dall’entrata in vigore del Decreto Aiuti, dopo che l’INPS è intervenuta con numerosi messaggi e circolari esplicative, l’esecutivo Draghi è tornato ad occuparsi del bonus 200 euro, estendendone l’applicazione ad una serie di soggetti sinora esclusi.

Analizziamo in dettaglio chi potrà beneficiare del bonus 200 euro recentemente esteso e come funzionerà.

Decreto Aiuti Bis, ok in Cdm: aumento pensioni, taglio cuneo, sconto carburanti

Bonus 200 euro esteso nel Decreto Aiuti bis

Approdato in gazzetta ufficiale mercoledì 10 agosto, il Decreto Aiuti bis prevede all’articolo 22 l’estensione “ad altre categorie di lavoratori dell’indennità una tantum di cui agli articoli 31 e 32 del decreto – legge 17 maggio 2022 numero 50”.

Due sono, in sostanza, le categorie oggetto dell’estensione del bonus 200 euro. La prima riguarda i lavoratori dipendenti (il cui diritto all’indennità è contenuto all’articolo 31 del Decreto “Aiuti”), la seconda interessa i collaboratori sportivi.

Bonus 200 euro: a chi viene esteso

Viene previsto prevede che il bonus 200 euro sia esteso in favore dei lavoratori dipendenti “di cui all’articolo 1, comma 121, della legge 30 dicembre 2021, n. 234” che nei primi sei mesi del 2022 non hanno beneficiato dell’esonero pari allo 0,8%, poiché interessati da eventi coperti figurativamente dall’INPS.

A condizione che i soggetti in questione non siano già stati destinatari dell’indennità in quanto dipendenti o perché appartenenti alle altre categorie beneficiarie (indicate all’articolo 32 del Decreto numero 50/2022), l’erogazione del bonus è prevista con la retribuzione erogata nel mese di ottobre 2022.

Al pari dei lavoratori dipendenti già destinatari del bonus 200 euro, la somma sarà corrisposta in busta paga, nella forma di un importo netto (esente da trattenute per contributi INPS e tassazione IRPEF) che si aggiungerà alle altre competenze mensili.

Di conseguenza, il soggetto incaricato di corrispondere il bonus sarà il datore di lavoro per conto dell’INPS, anticipando nel cedolino la somma interessata, salvo poi recuperarla in sede di versamento dei contributi all’Istituto con modello F24.

Bonus 200 euro esteso: come viene pagato

La seconda tranche del bonus 200 euro sarà riconosciuta nella retribuzione erogata nel mese di ottobre 2022.

Alla stregua della procedura applicata per i lavoratori dipendenti, destinatari dell’indennità ai sensi dell’articolo 31 comma 1, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere il bonus in via automatica, previa dichiarazione dell’interessato di:

  • Non aver già beneficiato dell’indennità come lavoratore dipendente (articolo 31, comma 1);
  • Non aver già beneficiato dell’indennità come appartenente alle altre categorie beneficiarie (articolo 32);
  • Di esser stato destinatario di eventi coperti figurativamente dall’INPS nel primo semestre dell’anno 2022.

Bonus 200 euro dipendenti: scarica il Fac-simile del modulo di autocertificazione

L’ultimo periodo del nuovo comma 1-bis dell’articolo 31 prevede, in favore dei lavoratori che avrebbero dovuto ricevere il bonus 200 euro con la retribuzione erogata nel mese di ottobre 2022, il pagamento dell’indennità stessa da parte dell’INPS “a domanda”.

L’intervento dell’Istituto riguarda quanti, pur avendo avuto diritto al bonus, non lo hanno ricevuto dal datore di lavoro in busta paga.

Successivi messaggi o circolari INPS chiariranno se questo “salvagente” si estenderà anche a coloro che, appartenenti alla prima campagna di pagamento del bonus a giugno – luglio, non lo hanno percepito dall’azienda.

Gli oneri a carico dell’INPS, derivanti dall’estensione del bonus, vengono valutati in 8 milioni di euro per l’anno 2022.

Bonus 200 euro esteso: collaboratori sportivi

L’articolo 22 del Decreto Aiuti bis riconosce il bonus 200 euro in favore “dei collaboratori sportivi che siano stati beneficiari di almeno una delle indennità” previste nei periodi dell’emergenza COVID-19, al fine di mitigare gli effetti economici della pandemia.

Ci si riferisce in particolare alle indennità contemplate da:

  • Articolo 96 del Decreto “Cura Italia” (D.L. numero 18/2020);
  • Articolo 98 del Decreto “Rilancio” (D.L. numero 34/2020);
  • Articolo 12 del Decreto “Agosto” (D.L. numero 104/2020);
  • Articolo 17, comma 1 ed articolo 17-bis, comma 3 del Decreto “Ristori” (D.L. numero 137/2020);
  • Articolo 10, commi da 10 a 15 del Decreto “Sostegni” (D.L. numero 41/2021).

Come viene pagata l’indennità?

A norma dell’articolo 32 comma 12 del Decreto – legge numero 50/2022, come modificato dal D.L. “Aiuti­-bis”, il bonus in favore dei collaboratori sportivi sarà riconosciuto “automaticamente da Sport e Salute S.p.a.”.

Grazie ad uno scambio tempestivo di informazioni tra la stessa Sport e Salute ed INPS, si legge nel testo di legge, si evitano “sovrapposizioni di pagamento” e si garantisce altresì la “più corretta e tempestiva applicazione della misura”.

In base a quanto disposto dal decreto si prospetta quindi in favore dei collaboratori sportivi, l’erogazione d’ufficio del bonus, senza necessità di presentare alcuna domanda in merito.

Leggi anche “Bonus 200 euro: come funziona per lavoratori neo assunti”