Fisco, avvisi bonari: il 5 settembre ripartono i termini di pagamento

Redazione 04/09/18
Scarica PDF Stampa
Finite le ferie, sia per milioni di italiani che per la sospensione estiva dei termini degli avvisi bonari inviati ai cittadini dall’Agenzia delle entrate. Per effetto delle semplificazioni introdotte da un decreto /il D.L. n.193/2016), i termini per il pagamento delle somme richieste con avviso bonario era stato sospeso dal 1° agosto al 4 settembre 2018.

La sospensione riguardava anche i termini per la trasmissione dei documenti e informazioni richieste ai contribuenti (eccetto le attività di ispezione e verifica). Da domani 5 settembre riparte tutto.

Leggi anche “Fisco, stop cartelle esattoriali ad agosto: congelati 1 milione di atti”

Se fosse pervenuto, infatti, un avviso bonario nel corso del periodo tra il 1° agosto e il 4 settembre, il termine scadrebbe il prossimo 4 ottobre, dovendosi considerare lo stesso decorrente dal 5 settembre, mentre se fosse pervenuto il 30 luglio, il termine scadrebbe il 3 ottobre.

Essendo una sospensione, se il termine di pagamento, per esempio dell’avviso bonario con la possibile riduzione delle sanzioni, dovesse iniziare a decorrere dal 1° agosto al 4 settembre l’inizio della decorrenza deve essere differita a partire dalla fine di detto periodo.

Consulta la sezione Fisco 

Quindi, per esempio, se fosse pervenuto un avviso bonario lo scorso 10 agosto, il pagamento con applicazione delle sanzioni ridotte, stante il termine prescritto di trenta giorni, sarebbe automaticamente postergato al 4 ottobre prossimo.

Potrebbe interessarti anche:

Rottamazione cartelle di pagamento bis

Un utilissimo file Excel per determinare il risparmio derivante dalla definizione agevolata delle cartelle esattoriali (cosiddetta “rottamazione bis”), reintrodotta dal decreto fiscale (Decreto Legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito in Legge 4 dicembre 2017, n. 172).L’applicativo aiuta nel conteggio necessario e determina il risparmio atteso. In automatico il conteggio del versamento unico o rateizzato dovuto.Flusso di calcolo del file:1. Inserimento dati cartella2. Inserimento piani di rateazione Equitalia (se previsto)3. Calcolo del beneficio4. Prospetto dei pagamenti dovutiREQUISITI MINIMI HARDWARE E SOFTWARE› Microsoft Excel 2007o superiore (oppure “calc” Open Office). 

Autori Vari | 2018 Maggioli Editore

59.78 €  56.79 €

Redazione

Tag