Home Concorsi pubblici Concorso ASMEL, guida completa per fare domanda di partecipazione

Concorso ASMEL, guida completa per fare domanda di partecipazione

Elena Bucci

*aggiornamento del 06/05/2022: sul sito ufficiale di Asmel, è stato pubblicato l’avviso recante la proroga del termine di scadenza per la presentazione delle candidature per tutti i profili posti a bando del Concorso ASMEL che ora conta 150 enti locali sottoscrittori.

Il termine ultimo per inviare le domande di partecipazione è stato quindi rimandato alle ore 18 del 12 maggio 2022.

Leggi l’avviso

Lo scorso 12 aprile 2022, nella Gazzetta Ufficiale n. 29, è stato pubblicato l’estratto del bando del Concorso ASMEL, in esecuzione dell’Accordo tra 116 Comuni sottoscrittori per la formazione di un elenco di idonei per l’assunzione a tempo indeterminato e determinato di unità di personale di diversi profili professionali.

La procedura di selezione consisterà in un’unica prova scritta, e i candidati idonei potranno scegliere se rendersi disponibili agli interpelli dei vari comuni, avendo quindi la possibilità di scegliere tra più enti locali e secondo le proprie esigenze e valutazioni, oltre al vantaggio di mantenere l’idoneità per l’intero triennio, fintanto che non otterranno un’assunzione a tempo indeterminato.

Concorso ASMEL, 116 enti locali: pubblicato il bando per diplomati e laureati


Dunque, gli aspiranti candidati possono inviare la propria domanda di partecipazione fino al 12 maggio 2022, seguendo le indicazioni riportate nei prossimi paragrafi.

Di seguito il Manuale di preparazione alla prova.

Concorso ASMEL: guida per fare domanda

Gli aspiranti candidati potranno inviare la propria domanda di partecipazione fino al 12 maggio 2022, tramite la piattaforma telematica www.asmelab.it con accesso tramite SPID.

La procedura di compilazione della domanda si compone di tre fasi:

  1. dati anagrafici,
  2. requisiti di accesso al concorso,
  3. documenti da allegare.

Di seguito forniamo una guida dettagliata per inviare correttamente la domanda di partecipazione al concorso ASMEL:

  • innanzitutto, per sottoporre la candidatura ad un bando di concorso è necessario che lo stato dello stesso risulti “Aperto”:

  • per iniziare la procedura di compilazione della domanda cliccare sulla voce “Inserisci domanda”; successivamente, i candidati dovranno cliccare su entra con SPID ed inserire le proprie credenziali:

  • in questa prima sezione è obbligatorio inserire l’indirizzo PEC (a cui saranno inviate tutte le comunicazioni relative al concorso) e l’indicazione del comune di residenza;
  • una volta compilati tutti i form, cliccare su “Avanti”:

  • la seconda sezione della procedura di iscrizione richiede al candidato di spuntare e completare tutte le domande presenti e di dichiarare il possesso dei requisiti richiesti per partecipare al concorso e di eventuali titoli di preferenza;
  • una volta compilate tutte le caselle, cliccare su “Avanti”;
  • di seguito la prima parte della sezione:

  • l’ultima fase di compilazione della domanda di partecipazione al concorso ASMEL prevede che il candidato alleghi tutta la documentazione richiesta dal relativo bando di selezione, necessariamente in formato pdf;
  • per caricare un allegato è necessario inserire il titolo/ descrizione dello stesso e cliccare su “sfoglia” per effettuare il caricamento dello stesso:

  • per terminare la procedura ed inoltrare la propria candidatura, cliccare su “Salva e invia”.

Inoltre, per modificare una domanda in bozza o già trasmessa è necessario:

  • accedere tramite SPID e dal menù a sinistra, selezionare le “Tue domande” e cliccare
    sul cestino, quindi conferma;
  • la domanda sarà cancellata definitivamente, pertanto sarà necessario inviarne una
    nuova.

Concorso ASMEL: documenti da allegare

Nel corso della compilazione della domanda il candidato dovrà allegare la seguente documentazione:

  • ricevuta del versamento della tassa concorso di €10,33, la quale va versata per ogni profilo al quale si intende candidarsi. 
    Gli estremi per il versamento che va effettuato tramite bonifico sono i seguenti:
    c/c bancario intestato ad ASMEL ASSOCIAZIONE.
    Codice IBAN: IT24G0306909606100000178724
    Banca: INTESA SAN PAOLO
    Causale: Elenco di idonei. Profilo: XXXXXXXX. Cognome e Nome candidato;
  • fotocopia di documento di identità personale in corso di validità;
  • documenti e/o autodichiarazioni relativi ai titoli di studio posseduti al momento di invio dell’iscrizione alla procedura e necessari per la partecipazione alla stessa, in quanto titolo di accesso (titoli di studio, data di conseguimento, punteggi);
  • per i soli profili di Istruttore Direttivo Tecnico, Istruttore Direttivo Assistente Sociale, Istruttore Direttivo Agronomo, Istruttore Tecnico Geometra:  certificazione di conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione;
  • per i soli profili di Istruttore Direttivo di Vigilanza, Istruttore di Vigilanza: fotocopia della patente di guida cat. B o superiore in corso di validità.
  • solo per i candidati portatori di handicap che necessitano di ausili e/o tempi aggiuntivi per sostenere le prove in condizione di parità con gli altri candidati: copia della certificazione medica attestante la condizione di disabilità e la necessità di usufruire di
    ausilio e/o tempo aggiuntivo richiesti nella domanda; la documentazione dovrà certificare che la richiesta di ausilio e/o tempo aggiuntivo è correlata alla disabilità. I candidati con diagnosi di disturbi specifici di apprendimento (DSA) devono allegare idonea certificazione rilasciata da strutture del SSN o da specialisti e strutture accreditate dal SSN.
  • solo per coloro che sono in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero: la copia della richiesta di equivalenza del titolo di studio conseguito all’estero inviata al Dipartimento della Funzione Pubblica e la relativa copia della ricevuta di spedizione.

Di seguito il commento di Giuseppe Cotruvo al bando del Concorso ASMEL e un ulteriore approfondimento sulle modalità di invio della candidatura:

Concorso ASMEL: procedura di selezione

La prova selettiva consiste nella somministrazione di un quiz a risposta multipla (60 domande) in un tempo effettivo di 60 minuti, così distribuiti:

  • quesiti situazionali
  • materie comuni a tutti i profili
  • materie specifiche per i singoli profili.

Per quanto riguarda gli argomenti della prova scritta, nel bando si legge che tutti i profili professionali avranno in comune sia i quiz situazionali, sia le seguenti materie:

  • Diritto pubblico,
  • Diritto Amministrativo/Diritto degli Enti locali,
  • Diritto Amministrativo/Disciplina dei contratti pubblici,
  • Diritto Amministrativo e del lavoro/Disciplina del Pubblico Impiego,
  • Diritto Amministrativo/Disciplina in materia di trasparenza e anticorruzione,
  • Diritto amministrativo/Diritto di accesso,
  • Nozioni di diritto dell’Unione europea,
  • Nozioni di diritto penale / Reati contro la Pubblica Amministrazione,
  • Lingua Inglese,
  • Nozioni di Informatica,
  • Nozioni di contabilità pubblica,
  • Nozioni di tutela della privacy.

Le materie specifiche, invece, sono indicate all’interno del bando per ciascun profilo professionale.

COME PREPARARSI

Per la preparazione della prova selettiva del Concorso ASMEL, consigliamo il seguente volume, il quale presenta una trattazione chiara e completa su tutte le materie comuni a tutti i profili:

Concorso ASMEL Selezione per gli Enti locali – Materie comuni

Luigi Tramontano, Stefano Bertuzzi, Gianluca Cottarelli, Maggioli Editore

 

Il volume si presenta come utile strumento di preparazione alla selezione indetta dall’Asmel (Associazione per la sussidiarietà e la modernizzazione degli enti locali).

 

Concorso ASMEL: interpello

Vengono dichiarati “idonei all’assunzione”, ed inseriti nell’apposito elenco a disposizione dei Comuni, i candidati che superano la prova selettiva con un punteggio minimo di 7/10. L’eventuale rinuncia alla chiamata da parte degli enti locali comporta la cancellazione permanente dalla graduatoria dell’ente specifico, ma non dall’elenco degli idonei, il quale rimane valido per tre anni.

A seguito dell’espletamento della procedura di selezione e la formazione degli elenchi degli idonei, gli enti locali sottoscrittori potranno contattare i candidati.

Nel caso in cui ci fosse un unico candidato idoneo, egli dovrà rispondere ad una manifestazione di interesse presso l’ente locale di riferimento. Se, invece, gli idonei fossero più di uno, l’ente sceglierà se procedere alla selezione con un colloquio o con una prova scritta.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome