Home Welfare ISEE Precompilato, come richiederlo: la guida passo per passo

ISEE Precompilato, come richiederlo: la guida passo per passo

Paolo Ballanti
isee-precompilato-come-richiederlo

Come si richiede l’ISEE Precompilato? L’accesso a prestazioni e servizi socio – economici a condizioni agevolate è legato al cosiddetto “Indicatore della Situazione Economica Equivalente” o ISEE.

Dal Reddito di Cittadinanza sino all’Assegno Unico Universale, passando per asili nido e mense scolastiche, l’ISEE è fondamentale per stabilire il diritto e l’ammontare di una serie di aiuti garantiti alle famiglie, valutando non solo i redditi fiscalmente imponibili dichiarati ai fini IRPEF ma, tra le altre cose, il patrimonio mobiliare (conti correnti) ed immobiliare detenuto in Italia e all’estero.

L’adempimento necessario per ottenere l’ISEE (la cui validità interessa il periodo 1° gennaio – 31 dicembre di ciascun anno) è presentare la “Dichiarazione Sostitutiva Unica” o DSU.

Considerata la mole di dati che l’istante è tenuto ad indicare nella DSU, dal 2020 è disponibile il modello precompilato, con lo scopo di velocizzare l’ottenimento dell’ISEE attraverso una serie di dati già forniti dagli archivi INPS ed Agenzia delle Entrate, consentendo in questo modo al cittadino di confermare (ed eventuale modificare) in pochi passaggi le informazioni.

Il processo di elaborazione dell’ISEE precompilato prevede essenzialmente tre fasi:

  • L’acquisizione della DSU provvisoria;
  • La verifica dei dati precompilati e la conferma definitiva della DSU;
  • L’elaborazione della dichiarazione da parte della piattaforma INPS ed il rilascio dell’attestazione ISEE.

Analizziamo la fattispecie in dettaglio.

ISEE 2022: quali sussidi spettano e come richiederlo

ISEE Precompilato: Acquisizione

Il primo passaggio è rappresentato dall’acquisizione della DSU precompilata. A tal proposito è sufficiente collegarsi al portale inps.it e seguire il percorso “Prestazioni e Servizi – ISEE Precompilato” in possesso delle credenziali SPID, CIE o CNS. All’utente si presenteranno le seguenti opzioni:

  • “Come fare?” contenente i tutorial per ottenere l’ISEE Precompilato;
  • “Acquisizione” necessaria per ottenere la DSU Precompilata;
  • “Verifica”, funzionalità necessaria per controllare lo stato della propria precompilata;
  • “Simulazione”, applicativo che permette di elaborare un’anticipazione dell’ISEE;
  • “Gestione”, con la raccolta di tutte le dichiarazioni (DSU) presentate;
  • “Consultazione”, con l’insieme delle DSU in cui l’interessato compare come membro del nucleo familiare e / o come componente aggiuntiva.

Cliccando su “Acquisizione” il soggetto potrà avviare la compilazione di una nuova dichiarazione o completarne una già in corso di presentazione ma non ancora completa.

DSU “Mini” o “Integrale”

Il sistema proporrà innanzitutto di compilare la DSU “Mini” o “Integrale”.

La prima è utilizzabile quando ricorrono le seguenti condizioni:

  • Non si intendono richiedere prestazioni per il diritto allo studio universitario o connesse a corsi di dottorato di ricerca utilizzando un nucleo familiare ristretto;
  • Nel nucleo familiare non sono presenti disabili o non autosufficienti, figli i cui genitori non sono coniugati tra loro né conviventi, persone esonerate dalla presentazione della dichiarazione dei redditi o per le quali gli adempimenti tributari sono sospesi a causa di eventi eccezionali.

Nella pagina successiva si dovranno selezionare le prestazioni per cui si chiede l’ISEE:

  • Opzione uno “Servizi alla persona, Sostegno al reddito familiare e prestazioni per la casa, Prestazioni agevolate rivolte a minorenni o a famiglie con minorenni”;
  • Opzione due, “Prestazioni socio sanitarie rivolte a maggiorenni disabili o con limitazione dell’autonomia”;
  • Opzione tre, “Prestazioni erogate in ambiente residenziale a ciclo continuativo”.

Nella stessa finestra il sistema chiederà se si intendono precaricare i dati dell’ultima DSU acquisita (se esistente) quali:

  • Componenti il nucleo familiare;
  • Assegni corrisposti al coniuge;
  • Altri assegni erogati per il mantenimento dei figli;
  • Disabilità e non autosufficienza;
  • Autoveicoli ed altri beni durevoli.

Questionario

L’utente che ha scelto di presentare la DSU “Integrale” dovrà poi rispondere a due domande, il cui obiettivo è permettere al sistema di valutare quali sono i moduli da compilare in base alla composizione del nucleo ed alle sue particolarità:

  • Domanda uno “Nel nucleo sono presenti minorenni i cui genitori non sono coniugati fra loro e non sono conviventi?”;
  • Domanda due “Nel nucleo familiare sono presenti persone con disabilità e / o non autosufficienti (sia maggiorenni che minorenni?”.

Composizione nucleo familiare

In questa fase, definito il tipo di DSU da presentare e l’esigenza per cui si chiede l’ISEE, l’applicativo permetterà all’utente di inserire, modificare o eliminare i dati dei componenti il nucleo familiare.

Per ogni soggetto maggiorenne sarà necessario:

  • Confermare di aver ottenuto apposita delega;
  • Indicare il numero della tessera sanitaria e la relativa data di scadenza;
  • Selezionare i dati di riscontro reddituale (se è presente o meno una dichiarazione dei redditi) e patrimoniale (assenza o presenza di rapporti bancari il cui valore complessivo è inferiore / pari o superiore ad euro 10 mila.

Abitazione ed altri dati

Ultimo passaggio prima dell’invio della richiesta di DSU Precompilata è l’inserimento delle informazioni relative all’abitazione del nucleo oltre ad eventuali dati riferiti a moduli specifici (università, servizi di assistenza residenziale ecc…).

Invio

All’istante non resta che sottoscrivere le informazioni inserite relative al nucleo familiare e concludere la fase di acquisizione. La piattaforma a questo punto rilascia il protocollo della dichiarazione e la ricevuta di presentazione. Ciò non significa che il processo per ottenere l’ISEE è terminato. Si dovrà infatti attendere che i dati di riscontro diano esito positivo ed il dichiarante confermi / modifichi le informazioni precompilate.

ISEE Precompilato: Verifica

Una volta conclusa la procedura di acquisizione ed inviata all’INPS la richiesta di DSU Precompilata, all’interessato non resta che cliccare sul tasto “Verifica” e controllare se la dichiarazione è in stato:

  • Da elaborare, tale per cui è necessario attendere l’esito dei riscontri (è altresì possibile annullare la DSU);
  • Sospesa, a causa di uno o più elementi di riscontro che hanno dato esito negativo (in tal caso è necessario correggere e ri-trasmettere il riscontro errato o addirittura annullare la DSU);
  • Bloccata, qualora siano stati superati i tre tentativi ammessi per inserire i dati di riscontro (le opzioni a disposizione dell’utente sono presentare una nuova precompilata o acquisire una DSU non precompilata).

DSU elaborata

Nel caso in cui i dati di riscontro abbiano dato esito positivo, la DSU è in stato “Elaborata” e l’interessato ha la possibilità di completare la dichiarazione confermando i dati precompilati, modificarli o annullare la DSU.

In particolare, gli elementi da verificare (opportunamente indicati dal sistema) riguardano:

  • Patrimonio mobiliare, nello specifico i rapporti finanziari relativi al secondo anno precedente la presentazione della DSU (nel 2022 si dovrà riportare il valore al 31 dicembre 2020), ad esempio depositi e conti correnti bancari e postali nonché altre forme di patrimonio mobiliare (conto deposito titoli e / o obbligazioni, buoni fruttiferi ecc…);
  • Patrimonio immobiliare detenuto in Italia e all’estero alla data del 31 dicembre del secondo anno precedente (per il 2022 si considera il patrimonio al 31 dicembre 2020);
  • Redditi e trattamenti da dichiarare ai fini ISEE (ad esempio redditi assoggettati ad imposta sostitutiva o esenti da imposta, riferiti al secondo anno solare precedente l’invio della DSU);
  • Assegni periodici per coniuge e figli (riferiti al secondo anno solare precedente l’invio della DSU);
  • Autoveicoli e beni durevoli;
  • Redditi ordinariamente dichiarati all’Agenzia delle Entrate (riferiti al secondo anno solare precedente l’invio della DSU);
  • Trattamenti erogati dall’INPS e spese dichiarate all’Agenzia Entrate (riferiti al secondo anno solare precedente l’invio della DSU).

Da ultimo, in caso di abitazione del nucleo familiare in locazione, sarà necessario confermare o modificare l’ammontare annuo del canone.

Conferma e richiesta attestazione

Una volta confermati o modificati tutti i dati precompilati, l’interessato dovrà sottoscrivere la DSU definitiva. La piattaforma a questo punto, verificati i dati necessari, attesterà in tempo reale la dichiarazione fornendo al cittadino il calcolo dell’ISEE Precompilato.

Leggi anche “Assegno unico 2022: istruzioni passo passo per fare domanda”




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome