Home Welfare Pagamenti Inps gennaio 2022: bonus, Rdc, Naspi, pensioni

Pagamenti Inps gennaio 2022: bonus, Rdc, Naspi, pensioni

Paolo Ballanti
pagamenti-inps-gennaio-2022

In tema di pagamenti INPS, il mese di gennaio 2022 inizia con l’entrata in vigore dell’Assegno Unico e Universale, riconosciuto dal 1° marzo prossimo e destinato a sostituire una serie di prestazioni economiche, tra cui detrazioni per figli a carico ed ANF.

Non mancano tuttavia le conferme, rappresentate dalle prestazioni di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale (Reddito e Pensione di Cittadinanza) oltre a quelle di sostegno ai lavoratori disoccupati (NASpI e DIS-COLL), passando naturalmente per pensioni, assegni e indennità di accompagnamento.

Alla luce delle novità rappresentate dalla recente Legge di Bilancio e dall’introduzione dell’Assegno Unico analizziamo in dettaglio le date e le tempistiche di pagamento delle prestazioni INPS di gennaio 2022.

Speciale Welfare: tutte le novità

Pagamenti Inps gennaio 2022: Reddito e Pensione di Cittadinanza

Introdotti con Decreto Legge 28 gennaio 2019 numero 4 (convertito in Legge 28 marzo 2019 numero 26) il Reddito e la Pensione di Cittadinanza (RdC e PdC) rappresentano una forma di sostegno per le fasce della popolazione in condizioni di difficoltà economica o esposte al rischio di esclusione sociale.

Il Reddito (trasformato in Pensione di Cittadinanza se tutti i componenti il nucleo familiare hanno un’età pari o superiore a 67 anni, eccezion fatta per coloro che sono colpiti da disabilità grave o non autosufficienti) è riconosciuto dall’INPS a mezzo ricarica della cosiddetta “Carta RdC”.


Quest’ultima si presenta come una normale carta di pagamento elettronica, soggetta a determinate limitazioni in termini di utilizzo (vietato ad esempio l’acquisto di articoli di gioielleria o pellicceria) ed ammontare delle operazioni (prelievo di contante non superiore a 100 euro per i nuclei composti da un singolo individuo, soglia soggetta a riproporzionamento in virtù del numero dei familiari.

Nel corso del 2022 l’erogazione di Reddito e Pensione di Cittadinanza avverrà a partire dal giorno 27 di ciascun mese.

Al contrario, riceveranno il primo accredito RdC / PdC a partire dal giorno 15 – 16 del mese coloro che hanno inoltrato domanda di sussidio entro l’ultimo giorno del mese precedente. Ad esempio, pagamento della prima tranche a partire dal 15 – 16 febbraio 2022 per chi presenterà richiesta di Reddito entro il prossimo 31 gennaio.

Reddito di Cittadinanza gennaio 2022: date di pagamento, Isee, novità

Pagamenti Inps gennaio 2022: NASpI

Il sussidio NASpI è una prestazione economica riconosciuta dall’INPS a beneficio di:

  • Lavoratori subordinati;
  • Apprendisti;
  • Soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato con le stesse;
  • Personale artistico con contratto di lavoro subordinato;
  • Dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni;
  • Operai agricoli a tempo indeterminato impiegati in cooperative e loro consorzi che trasformano, manipolano e commercializzano prodotti agricoli e zootecnici prevalentemente propri o conferiti dai loro soci;

per gli eventi di disoccupazione involontaria.

La quota mensile di NASpI, calcolata in funzione dell’ammontare dei contributi versati, è corrisposta direttamente dall’INPS al beneficiario (previa apposita istanza) a mezzo:

  • Accredito su conto corrente bancario o postale;
  • Accredito su libretto postale;
  • Bonifico domiciliato presso gli uffici di Poste Italiane.

Per gli aventi diritto all’indennità nel corso del 2022 il pagamento da parte dell’Istituto avverrà di norma entro il giorno 15 di ciascun mese. Posto che le tempistiche di riconoscimento del sussidio possono variare in base al singolo beneficiario, per consultare la data esatta di erogazione della NASpI è disponibile il servizio “Fascicolo previdenziale del cittadino” disponibile sul portale “inps.it”, per gli utenti in possesso delle credenziali SPID, CIE o CNS.

Pagamenti Inps gennaio 2022: DIS-COLL

I tempi di pagamento della NASpI nel 2022 saranno identici a quelli dell’indennità DIS-COLL riconosciuta a collaboratori coordinati e continuativi (anche a progetto), assegnisti di ricerca e dottorandi con borsa di studio:

  • Iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata INPS;
  • I quali abbiano perduto involontariamente l’occupazione.

Previa domanda, la DIS-COLL (anch’essa determinata in funzione dei contributi versati) è riconosciuta dall’INPS direttamente al beneficiario, utilizzando la modalità di pagamento scelta in sede di presentazione dell’istanza.

Dis-coll 2022, le nuove regole: requisiti, riduzioni, contributi

Pagamenti Inps gennaio 2022: Bonus 100 euro

Discorso diverso per l’erogazione del trattamento integrativo pari a 1.200 euro netti annui (100 euro medi mensili), introdotto in sostituzione dell’ex “Bonus Renzi 80 euro”.

La somma in questione, modificata dalla Legge 30 dicembre 2021 numero 234 (Manovra 2022) sarà corrisposta nell’anno corrente a partire indicativamente dal giorno 23 di ciascun mese.

Come anticipato, la Legge di Bilancio dal 1° gennaio scorso ha:

  • Previsto la spettanza del trattamento integrativo “pieno” (equivalente a 1.200 euro annui) ai contribuenti con reddito complessivo fino a 15 mila euro (in luogo del precedente tetto di 28 mila euro);
  • Riconosciuto un trattamento integrativo “ridotto” (comunque entro un limite massimo di 1.200 euro annui) a patto che la somma delle detrazioni (elencate nel nuovo articolo 1 del Decreto Legge 5 febbraio 2020 numero 3) sia di ammontare superiore all’imposta lorda (l’importo del bonus è comunque determinato per differenza tra il totale delle detrazioni e l’IRPEF lorda).

Bonus 100 euro 2022: limite reddito, importi, come cambia dal 1° gennaio

Pagamenti Inps gennaio 2022: Pensioni

Tra i pagamenti Inps di gennaio 2022 non possono mancare le pensioni. La Circolare INPS 23 dicembre 2021 numero 197 ha reso noto il calendario per il pagamento delle pensioni nel corso del 2022, ivi compresi:

  • Assegni, pensioni, indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili;
  • Rendite vitalizie dell’INAIL.

Eccezion fatta per il mese di gennaio, l’erogazione delle somme avviene nel primo giorno bancabile di ciascun mese ovvero quello successivo se trattasi di giornata festiva o non bancabile.

Mese Giorno disponibilità valuta
  Poste Banche
Gennaio 4
Febbraio 1
Marzo 1
Aprile 1
Maggio 2
Giugno 1
Luglio 1
Agosto 1
Settembre 1
Ottobre 1 3
Novembre 2
Dicembre 1

 

In caso di ritiro della pensione presso gli uffici postali, in considerazione del perdurare dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, non è da escludersi che altre mensilità di pensione saranno corrisposte nel corso del 2022 seguendo un calendario differenziato in base alla lettera del beneficiario, come avvenuto per le somme di competenza del mese di gennaio:

Lettera Giorno ritiro
A – C 27 dicembre
D – G 28 dicembre
H – M 29 dicembre
N – R 30 dicembre
S – Z 31 dicembre (mattina)

 

La decisione di anticipare le date per il ritiro, prevedendo accessi contingentati al fine di scongiurare il rischio di assembramenti, è arrivata (per gennaio) con l’Ordinanza della Protezione Civile del 17 dicembre 2021 numero 816, comunicata dall’INPS sul proprio portale il successivo 21 dicembre.

Pagamenti Inps gennaio 2022: Assegno Unico

Introdotto a partire dal prossimo 1° marzo l’Assegno Unico ha lo scopo di sostenere economicamente le famiglie con figli minori a carico e, a determinate condizioni, i maggiorenni sino al compimento dei ventuno anni di età. Non arriverà quindi nessun pagamento a gennaio, ma è già possibile fare domanda per la misura. Per le domande presentate fino al 30 giugno i saranno riconosciuti i pagamenti a partire da marzo 2022. Per le domande presentate dal mese di luglio, invece, i pagamenti avverranno il mese successivo senza arretrati. La misura ponte, ovvero l’Assegno unico temporaneo, è terminata invece il 31 dicembre scorso.

L’Assegno sarà riconosciuto:

  • In quote mensili (parametrate in base all’ISEE del nucleo familiare oltre ad una serie di maggiorazioni) da marzo a febbraio dell’anno successivo;
  • Direttamente dall’INPS a mezzo bonifico bancario o domiciliato presso gli uffici postali;

previa domanda dell’interessato sul portale “inps.it – Prestazioni e Servizi – Prestazioni – Assegno unico e universale per i figli a carico”.

Nonostante non siano ancora note le tempistiche di pagamento, è opportuno ricordare che, in virtù dell’avvio dell’Assegno, dal 1° marzo 2022 saranno abrogati:

  • Premio alla nascita o all’adozione (cosiddetto “Bonus mamma domani”);
  • Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori;
  • Assegni familiari (ANF) ai nuclei con figli e orfanili;
  • Assegno di natalità o “Bonus bebè”;
  • Detrazioni fiscali per figli a carico fino a ventuno anni.

Confermati invece:

  • Bonus asili nido;
  • Detrazioni fiscali per figli a carico di età pari o superiore a ventuno anni;
  • Detrazioni fiscali per coniuge ed altri familiari a carico.

Assegno unico 2022: istruzioni passo passo per fare domanda




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome