Home Welfare Famiglie Assegno unico universale 2022: tutti gli importi erogati per fasce ISEE

Assegno unico universale 2022: tutti gli importi erogati per fasce ISEE

Le somme erogate e le maggiorazioni previste per mamme under 21, figli disabili, genitori lavoratori, famiglie numerose. Le tabelle ISEE da scaricare

Chiara Arroi
assegno unico universale importi e isee

Dopo sei mesi di sussidio temporaneo possiamo finalmente dare il bvenvenuto all’Assegno unico universale per famiglie con figli, in vigore dal 1° gennaio 2022. Il Decreto di attuazione del sussidio unico per famiglie è stato approvato dal Consiglio dei ministri giovedì 18 novembre, e ha visto definitivamente la luce all’alba del nuovo anno, con la pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale e l’entrata in vigore.

Le domande per richiederlo si sono aperte ufficialmente il 1° gennaio 2022, mentre i primi pagamenti arriveranno da marzo 2022. Il sussidio ha preso il posto dell’assegno temporaneo per figli, che ci ha accompagnato fino a fine anno.

>> Assegno unico figli 2022 al via: come funziona, domanda, importi <<

Il sussidio ingloba tutti gli aiuti esistenti ora e verrà erogato a tutte le famiglie con figli: in particolare partirà dal settimo mese di gravidanza e andrà avanti fino al compimento dei 21 anni di età del figlio/a.

Secondo lo schema presente nel testo del decreto l’erogazione mensile avrà un importo minimo di 50 euro, che aumenterà via via in base alla fascia ISEE a cui si appartiene, ma anche in base ad altre condizioni familiari: disabilità, madri giovani, ecc, fino alla somma massima di 175 euro mensili.

I 175 euro pieni andranno ai nuclei con figli con ISEE basso fino a 15 mila euro. Al di sopra di questa fascia l’importo scenderà progressivamente fino all’importo minimo di 50 euro per ISEE sopra i 40 mila euro.


Ma vediamo di seguito quali sono queste fasce ISEE, gli importi corrispondenti e i dettagli della misura.

Cos’è l’Assegno unico universale

Il Decreto attuativo approdato in Gazzetta introduce un beneficio economico mensile ai nuclei familiari secondo la condizione economica del nucleo, sulla base dell’indicatore della situazione economica equivalente: l’ISEE.

L’assegno è riconosciuto ai nuclei familiari per ogni figlio minorenne a carico e decorre dal settimo mese di gravidanza.

Viene inoltre riconosciuto a ciascun figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21 anni di età, in presenza di una delle seguenti condizioni:

  • il figlio maggiorenne a carico frequenta un corso di formazione scolastica o professionale,
  • il figlio maggiorenne a carico frequenta un corso di laurea,
  • il figlio maggiorenne a caric svolge un tirocinio ovvero un’attività lavorativa con un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro o sia registrato come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego o svolga il servizio civile universale.

L’assegno è riconosciuto senza limiti di età per ciascun figlio con disabilità.

Assegno unico universale: le fasce ISEE

L’importo erogato a ogni famiglia tiene conto dell’indicatore ISEE presentato. Più basso sarà il suo valore e più alto sarà l’ammontare del sussidio. Al contrario, all’aumentare dell’ISEE si abbasserà l’importo dell’assegno. Vengono prese in considerazione tre soglie limite: una soglia minima, una soglia massima e un ‘estra soglia’, ovvero un importo erogato per chi non presenta alcun indicatore ISEE.

  • Fascia minima: ISEE fino a 15 mila euro 
  • Fascia massima: ISEE oltre i 40 mila euro
  • Fascia extra: nessun ISEE presentato.

Essendo universale infatti, l’assegno andrà anche alle famiglie che non dichiarano la propria situazione economica equivalente. In questo caso però si percepirà l’importo minimo: 50 euro.

> Assegno unico figli 2022: come ottenerlo senza ISEE e importi <

Assegno unico universale: tutti gli importi per fasce ISEE

Come indica il governo, per circa la metà delle famiglie italiane (con ISEE fino a 15.000 euro) l’importo dell’assegno è pari a 175 euro mensili per il primo e secondo figlio e 260 dal terzo in poi. I pagamenti partono a marzo 2022. Vediamo ora i primi importi certi suddivisi per fascia Isee e tutte le maggiorazioni previste.

  • ISEE fino a 15 mila euro: l’importo è 175 euro per figlio/a
  • ISEE oltre 40 mila euro: l’importo è di 50 euro per figlio/a

Qualche esempio dei sussidi che saranno erogati alle famiglie:

per ciascun figlio fino al secondo
figli da 18 a 21 anni a carico
famiglie con 4 figli o piu 
oltre il 2 figlio
Oltre i 40 mila euro (senza limiti di reddito) 50 euro 25 euro 100 15 euro
ISEE fino a 15 mila euro – importo massimo 175 euro 85 euro 250 euro 85 euro

 

Per scendere più in dettaglio, nella tabella sottostante vediamo alcuni esempi di importo secondo i criteri stabiliti nel decreto di attuazione dell’Assegno unico universale 2022:

ISEE Per ogni figlio minore fino a 2 Figlio da 18 a 21 anni a carico (studente o servizio civile) Figlio disabile a carico oltre 21 anni Figlio minore dopo il secondo Maggiorazione per nucleo con 2 genitori lavoratori Maggiorazione nucleo con 4 o più figli Maggiorazione madre sotto i 21 anni
fasce Importi mensili in euro  
Da 0 a 15 mila euro

 

175,0 85,0 85,0 85,0 30 100 20
Da 18 mila a 18.100 euro 159,5 77,6 77,6 76,3 26,3 100 20
Da 20 mila a 20.100 euro

 

149,5 72,8 72,8 70,6 23,9 100 20
Da 22 mila a 22.100 euro 139,5 68,0 68,0 65,1 21,5 100 20
Da 24 mila a 24.100 euro 129,5 63,2 63,2 59,5 19,1 100 20
Da 35 mila a 35.100 euro 74,5 36,8 36,8 25,9 5,9 100 20
Da 37 mila a 37.100 euro 64,5 32,0 32,0 23,1 3,5 100 20
Oltre 40 mila euro 50,0 25 25 15 0 100 20

(Fonte: sito www.fiscoetasse.com e Decreto Assegno unico)

Assegno unico universale: le maggiorazioni sugli importi

Riguardo gli importi vengono introdotte delle maggiorazioni in base ad alcune condizioni dei nuclei familiari beneficiari:

  • numero di figli,
  • presenza di disabili in famiglia,
  • reddito e lavoro di entrambi i genitori
  • madri giovani under 21

Ecco quali sono gli importi maggiorati

FAMIGLIE NUMEROSE

L’assegno universale tiene conto delle famiglie numerose:

  • a partire dal terzo figlio è prevista una maggiorazione tra i 15 e gli 85 euro a figlio in base all’Isee;
  • viene introdotta “maggiorazione forfettaria” di 100 euro al mese per i nuclei “con 4 o più figli”

GENITORI LAVORATORI 

Se entrambi i genitori lavorano verrà previste una ulteriore maggiorazione: l’importo aggiuntivo al normale assegno sarà di 30 euro massimi per ciascun figlio, che decresceranno all’aumentare dell’ISEE. Al raggiungimento della Fascia ISEE 40 mila euro si azzerano.

GIOVANI MADRI UNDER 21

A prescindere invece dalla fascia ISEE dimostrata, l’assegno aumenterà di altri 20 euro al mese per ciascun figlio per le mamme under 21. Queste giovani madri non dovranno quindi dimostrare di appartenere a nessuno scaglione.

PRESENZA DI FIGLI DISABILI

L’assegno è riconosciuto senza limiti di età per ciascun figlio con disabilità.

Maggiorazioni d’importo previste anche per disabilità. In sostanza le famiglie con figli disabili riceveranno una somma più alta.

Per i minorenni però verranno erogati:

  • 105 euro al mese in più “in caso di non autosufficienza”,
  • 95 euro al mese in più “in caso di disabilità grave”
  • 85 euro in più “in caso di disabilità media”.

In caso di figli disabili maggiorenni verranno erogati:

  • 50 euro al mese in più per figli disabili maggiorenni fino a 21 anni;
  • il normale assegno in base alla fascia ISEE per figli disabili maggiorenni oltre i 21 anni di età: con Isee fino a 15mila euro si avrà un assegno di 85 euro al mese, che si ridurrà fino a 25 euro per Isee pari o superiore a 40mila euro

Inoltre in presenza di figli disabili il sussidio non avrà limiti di età. QUuindi una volta diventati maggiorenni i figli disabili, riceveranno comunque l’assegno unico.

Assegno unico universale: le tabelle con tutti gli importi per fasce ISEE

Il Decreto attuativo in vigore contiene anche tutte le tabelle specifiche con tutte le fasce iSEE e gli importi previsti. Consultando queste tabelle si capirà in dettaglio la propria situazione e quanto spetterà di sussidio mensile per famiglia.

Scarica qui sotto le Tabelle ISEE dell’Assegno unico universale 2022:

  • Tabella A – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno 1 figlio minore
  • Tabella B – Nuclei familiari con un solo genitore e almeno 1 figlio minore
  • Tabella C – Valore medio delle detrazioni fruite per figli a carico

>> Puoi calcolare il tuo Assegno unico 2022 con questo simulatore online 

Assegno unico universale: da quando richiederlo

Il fatto di averne diritto non significa che lo si riceverà in automatico. Il sussidio universale per famiglie viene erogato a domanda. In pratica è necessario inviare istanza e verrà pagato dall’Inps.

Il nuovo sussidio sarà operativo dal 1° marzo 2022, ma le domande si potranno presentare già dal 1° gennaio 2022, per un periodo che andrà da marzo al febbraio dell’anno successivo.

Insieme alla domanda andrà inviata anche la dichiarazione ISEE (per un corretto accertamento delle somme spettanti per famiglia). Chi non la invia finirà nella fascia con importo minimo di 50 euro (lo stesso scaglione dei 40 mila euro di ISEE).

Verrà anche prorogato fino a fine febbraio l’assegno temporaneo per famiglie, per allineare l’assegno ponte per gli autonomi a queste nuove scadenze.

(Foto copertina: iStock/Ivan-balvan)




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome