Home Welfare Pagamenti Inps dicembre 2021: bonus, RdC, assegno unico

Pagamenti Inps dicembre 2021: bonus, RdC, assegno unico

Daniele Bonaddio
pagamenti-inps-dicembre-2021

Quando arrivano i pagamenti Inps di dicembre 2021? L’ultimo mese dell’anno rappresenta un mese ricco di pagamenti da parte dell’INPS: dall’erogazione del Reddito di Cittadinanza alla liquidazione della NASpI, passando per l’assegno unico temporaneo e il bonus bebè. Insomma, un calendario molto ricco di pagamenti da parte dell’INPS.

Per non perdere neanche una delle prestazioni spettanti è opportuno fare un attento riepilogo. Vediamo in dettaglio tutte le prestazioni erogate dall’INPS nel mese di dicembre 2021.

Scadenze fiscali dicembre 2021: Iva, Imu, Pace fiscale. Il calendario

Pagamenti Inps dicembre 2021: NASpI

Tra i primi pagamenti del mese di dicembre 2021, è particolarmente atteso l’erogazione della NASPI. L’accredito della NASpI sul proprio conto corrente avviene generalmente nei primi quindici giorni del mese. Indicativamente, si può affermare che gli accrediti, in questo caso, avverranno tra il 6 e il 10 dicembre 2021.

A chi spetta? A tutti coloro che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro dipendente, ossia indipendentemente dalla volontà del lavoratore stesso (contratto a termine ad esempio).

Anche qui, per conoscere la data esattamente di pagamento, si consiglia di visualizzare il proprio fascicolo previdenziale online.

Pagamenti Inps dicembre 2021: Reddito e Pensione di Cittadinanza

L’INPS, inoltre, a decorrere dal 15 dicembre 2021, erogherà la cd. Pensione di Cittadinanza e il Reddito di Cittadinanza. Questa data riguarda i neobeneficiari che ricevono l’invito di INPS a ritirare presso Poste italiane la carta RdC con accreditata la somma spettante

Dal 27 dicembre 2021, invece, l’Istituto erogherà il Reddito di Cittadinanza e la Pensione di Cittadinanza a coloro che ne hanno già usufruito in passato.


Le date, tuttavia, sono orientative. Infatti, il pagamento del Reddito di Cittadinanza, infatti, può avvenire un giorno prima o dopo quanto segnalato.

Reddito di Cittadinanza 2022, cosa cambia: le novità della Legge di bilancio

Pagamenti Inps dicembre 2021: bonus bebè

Per quanto riguarda gli aiuti alle famiglie, anche per il mese di febbraio sarà erogato il cd. bonus bebè. L’importo, che varia da un minimo di 80 euro a un massimo di 160 euro, verrà erogato dall’INPS a partire dal 10-18 dicembre 2021.

L’importo è riconosciuto per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo e ha durata di un anno dall’avvenimento in questione.

Per poter accedere al bonus è necessario rispettare alcune condizioni reddituali, ossia determinati limiti ISEE. Anche in questo caso, si consiglia ai genitori interessati di consultare il proprio fascicolo previdenziale INPS per conoscere la data esatta dell’accredito.

Pagamenti Inps dicembre 2021: bonus IRPEF di 100 euro

Sempre nel mese di dicembre 2021, l’INPS erogherà anche il cd. bonus IRPEF di 100 euro in favore di chi ha un reddito inferiore a 28.000 euro. Si tratta del nuovo bonus che sostituisce il bonus Renzi dal 1° luglio 2020.

Esso spetta per:

  • i lavoratori dipendenti e assimilati;
  • i disoccupati titolari di NASpI;
  • coloro che già ricevono altre prestazioni economiche a sostegno del reddito, come l’indennità di maternità, l’indennità di tirocini e la cassa integrazione.

L’importo sarà versato direttamente dai datori di lavoro nella busta paga dei propri dipendenti, mentre i titolari di NASpI lo riceveranno dall’INPS sul proprio conto corrente.

Pagamenti Inps dicembre 2021: assegno unico temporaneo

A dicembre, dall’INPS, arriverà anche l’ultima quota dell’assegno unico temporaneo. A partire dal 2022, questa prestazione, appunto “temporanea”, istituita a partire dal luglio 2021, verrà sostituita da quella ordinaria l’assegno unico universale.

L’Assegno Unico Temporaneo è una indennità che viene corrisposta ai nuclei familiari che comprendono al loro interno dei figli minorenni. Il suo importo non è fisso, ma varia in proporzione all’indice ISEE che stabilisce il reddito del nucleo familiare. La cifra che risulta dalle tabelle ministeriali viene poi moltiplicata per il numero di figli inclusi all’interno del nucleo familiare.

Ricordiamo qui che è ancora possibile inoltrare la propria domanda per ricevere l’assegno unico temporaneo, fino al 31 dicembre 2021. Tuttavia, per chi ha inoltrato la propria domanda successivamente al 31 ottobre, non è più possibile ricevere gli arretrati per i mesi di luglio, agosto e settembre 2021.

I percettori di Assegno Unico Temporaneo riceveranno la loro quota a partire dal 27 dicembre 2021, data che viene anticipata per chi già riceve il Reddito di Cittadinanza, venendo erogata insieme a quest’ultimo.

Assegno unico figli 2022: come funziona, domanda, esempi di importo




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome