Home Concorsi pubblici Concorso segretari comunali 2021, 174 posti: bando in arrivo

Concorso segretari comunali 2021, 174 posti: bando in arrivo

Elena Bucci
concorso segretari comunali 2021

**aggiornamento del 6/09/2021: pubblicata in Gazzetta Ufficiale, serie generale, n. 210 del 2 settembre 2021 l’Autorizzazione al Ministero dell’interno, ex Agenzia autonoma per la gestione dell’albo dei segretari comunali e provinciali (AGES), ad avviare le procedure concorsuali per il corso-concorso destinato all’assunzione di 174 segretari comunali.

Leggi l’avviso.

Il Dipartimento della funzione pubblica ha rilasciato il decreto di autorizzazione del Ministero dell’Interno finalizzato all’avviamento della procedura del nuovo Concorso segretari comunali 2021, finalizzato alla copertura di un totale di 174 posti. Il bando sarà predisposto e reso pubblico nei prossimi mesi, insieme agli altri concorsi del Ministero dell’Interno in arrivo prossimamente.

Nel decreto si legge che: “Il Ministero dell’Interno è autorizzato, ai sensi dell’articolo 35, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ad avviare le procedure concorsuali relative ad un corso-concorso per l’accesso in carriera e a procedere alle relative assunzioni, per n. 174 unità di segretari comunali.”

Concorsi pubblici 2021: le ultime novità

Vediamo nei prossimi paragrafi le prime informazioni riguardo il bando in arrivo nei prossimi mesi per il nuovo Concorso segretari comunali 2021.

Concorso segretari comunali 2021: requisiti

Per poter presentare la propria candidatura al concorso, gli aspiranti devono necessariamente essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio, richiesti per ricoprire il profilo professionale di segretario comunale:

  • diploma di laurea di durata non inferiore a quattro anni,
  • laurea specialistica di durata quinquennale,
  • laurea magistrale in giurisprudenza, economia e commercio oppure scienze politiche.

Concorso segretari comunali 2021: cosa cambia

I futuri concorsi per segretari comunali dovranno seguire le nuove regole e semplificazioni stabilite dal testo coordinato della legge di conversione dello scorso D.L. 104/2020 pubblicato in Gazzetta ufficiale. Le semplificazioni sono finalizzate a sopperire alla carenza di segretari comunali e provinciali e garantire il ripristino della piena operatività degli enti locali.

Di seguito le semplificazioni:

  • lo svolgimento della prova preselettiva in sedi decentrate e con modalità telematiche, o comunque computer based;
  • solo 15 giorni, al posto di 30, per inoltrare le domande di partecipazione;
  • due prove scritte (e non più tre) da svolgere in telematica: l’una su argomenti di carattere giuridico, con specifico riferimento al diritto costituzionale e/o diritto amministrativo e/o ordinamento degli enti locali e/o diritto privato; l’altra su argomenti di carattere economico e finanziario-contabile, con specifico riferimento ad economia politica, scienza delle finanze e diritto finanziario e/o ordinamento finanziario e contabile degli enti locali, nonché management pubblico). Le prove, da svolgersi anche nella stessa data (stesso giorno), potrebbero consistere in quesiti a risposta aperta invece degli elaborati previsti fino ad ora.

Concorso segretari comunali 2021: prove d’esame

Le due prove scritte previste dalle semplificazioni sopra elencate verteranno:

  • la prima su argomenti di carattere giuridico: diritto costituzionale e/o diritto amministrativo e/o ordinamento degli enti locali e/o diritto privato;
  • la seconda su argomenti di carattere economico e finanziario-contabile: economia politica, scienza delle finanze e diritto finanziario e/o ordinamento finanziario e contabile degli enti locali, nonché management pubblico.

Si ricorda che le prove, da svolgersi anche nella stessa data potrebbero consistere in quesiti a risposta aperta invece degli elaborati previsti fino ad ora.

La prova orale consisterà in un colloquio avente per oggetto le seguenti materie, indicate al comma 5 dell’articolo 13 del D.P.R. 465/1997:

  • diritto costituzionale e/o diritto amministrativo;
  • legislazione amministrativa statale e/o regionale;
  • ordinamento finanziario e contabile degli enti locali e/o diritto tributario e/o scienza delle finanze e diritto finanziario, ragioneria applicata agli enti locali;
  • politica di bilancio e gestione delle risorse;
  • tecnica normativa e tecniche di direzione.

Portale Reclutamento Pa da settembre: cos’è, come funziona, come registrarsi



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome