Home Concorsi pubblici Concorso Polizia e Forze Armate Concorso VFP1 Marina Militare: online il bando di reclutamento per 2000 posti

Concorso VFP1 Marina Militare: online il bando di reclutamento per 2000 posti

concorso-vfp1-marina-militare

Indetto per il 2022 un nuovo bando di reclutamento nella Marina Militare per 2.000 volontari in ferma prefissata (VFP1). I posti sono così distribuiti:

  • 1.400 per il Corpo equipaggi militari marittimi (CEMM) e di questi:
    – 1.090 per il settore d’impiego «navale»;
    – 120 per il settore d’impiego «anfibi»;
    – 60 per il settore d’impiego «incursori»;
    – 30 per il settore d’impiego «palombari»;
    – 40 per il settore d’impiego «sommergibilisti»;
    – 60 per il settore d’impiego «Componente aeromobili»;
  • 600 per il Corpo delle capitanerie di porto (CP) così suddivisi:
    – 594 per le varie specialità e abilitazioni;
    – 6 per il settore d’impiego «Componente aeromobili».

Il reclutamento è su due blocchi di domande con distinti incorporamenti. Gli interessati possono candidarsi per un solo settore, lo conferma lo stesso bando:

“Non è possibile partecipare al concorso per più di un settore d’impiego, neanche presentando distinte domande. E’ ammessa la presentazione di domande di reclutamento per i due blocchi, nel rispetto delle date di scadenza stabilite per ognuno di essi”.

Nei prossimi paragrafi vediamo chi può partecipare, come candidarsi e come è strutturata la selezione.

Concorsi Polizia e Forze Armate: le ultime news

Concorso VFP1 Marina Militare: requisiti di accesso

Possono partecipare al concorso Marina Militare tutti gli interessati in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • età compresa tra i 18 e i 25 anni;
  • non essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;
  • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di pubbliche amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate o di polizia, a esclusione dei proscioglimenti a domanda e per inidoneità psico-fisica e mancato superamento dei corsi di formazione di base di cui all’art. 957, comma 1, lettera e-bis del Codice dell’ordinamento militare;
  • aver conseguito il diploma di istruzione secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore). Sono ammessi i candidati con titolo estero se dichiarato equipollente da un ufficio scolastico regionale o provinciale;
  • non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • condotta incensurabile;
  • non aver tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
  • idoneità psico-fisica e attitudinale per l’impiego nelle Forze armate in qualità di volontario in servizio permanente, conformemente alla normativa vigente alla data di pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana;
  • esito negativo agli accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool e per l’uso, anche saltuario od occasionale, di sostanze stupefacenti nonché per l’utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico;
  • non essere in servizio come volontari nelle Forze Armate.

I candidati che hanno fatto domanda per uno dei settori d’impiego delle Forze speciali e Componenti specialistiche devono essere in possesso di ulteriori requisiti (il dettaglio nel bando).

Concorso VFP1 Marina Militare: come fare domanda

L’invio delle domande di partecipazione viene gestito tramite il portale dei concorsi online del Ministero della Difesa concorsi.difesa.it.

Concorso VFP1 Marina Militare: la selezione

La selezione si svolge secondo le seguenti fasi:

  • valutazione dei titoli di merito;
  • accertamenti psico-fisici;
  • accertamenti attitudinali;
  • accertamenti attitudinali specifici;
  • prove di efficienza fisica;
  • accertamento dell’idoneità psico-fisica specifica.

Per ulteriori indicazioni rimandiamo alla pagina dedicata sul sito del Ministero della Difesa.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome