Home Lavoro Nuovo Ccnl metalmeccanici 2021: nuove retribuzioni, livelli, novità e testo

Nuovo Ccnl metalmeccanici 2021: nuove retribuzioni, livelli, novità e testo

Chiara Arroi
nuovo ccnl metalmeccanici

Il nuovo Ccnl metalmeccanici industria sarà in vigore dal 1° gennaio 2021. Il 5 febbraio è arrivata l’intesa per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro per il settore, tra Federmeccanica/Assistal, Fim, Fiom e Uilm. Resta ora da la stesura vera e propria.

Dopo 48 anni è stato riformato l’inquadramento professsionale. Tra le novità: aumenti di salario, il riconoscimento delle competenze di lavoratrici e lavoratori, rafforzamento del diritto alla formazione, nuove norme sul lavoro agile con diritto alla diritto alla disconnessione, la tutela delle donne contro violenze e molestie, la tutela della salute e dell’ambiente, il potenziamento dei diritti d’informazione e partecipazione dei
lavoratori sulle strategie di impresa e sull’organizzazione del lavoro.

Interessati dal rinnovo una platea di circa un milione e mezzo di lavoratori e lavoratrici, che potranno beneficiare di:

  • un aumento di stipendio in busta paga
  • un nuovo tipo di inquadramento professionale.

Vediamo di seguito tutte le novità più importanti per chi lavora nel settore metalmeccanico e che dal 1° gennaio 2021 sarà coperto dal nuovo ccnl.

Nuovo Ccnl metalmeccanici: aumento di salario

Prima importante notizia, come anticipato nell’articolo di Leggioggi sulla firma dell’accordo di rinnovo del contratto collettivo metalmeccanico 2021-24, è l’aumento delle retribuzioni minime. I lavoratori e le lavoratrici si vedranno riconoscere in busta paga un salario più alto.

In dettaglio: l’incremento salariale per un lavoratore metalmeccanico sarà di 124,65 euro mensili, costituiti:

  • dalle 12,65 euro mensili già ricevute a giugno 2020, durante l’ultrattività del contratto scaduto
  • e dalle 112,00 euro mensili che verranno erogati nel corso dei prossimi 3 anni che valgono un aumento del 6,15% del salario.

>> Nuovo Ccnl Colf e badanti: tutte le novità 

Nuovo Ccnl metalmeccanici: flexbile benefit di 200 euro

Sono inoltre confermati per i metalmeccanici 200 euro all’anno di flexible benefit. Questi permettono ai lavoratori di accedere a beni e servizi e prestazioni di valenza sociale.

Il Fondo di previdenza integrativa Cometa viene innalzato al 2,2% a partire dal 2022 per i lavoratori con meno di 35 anni di età.

Nuovo ccnl metalmeccanici: l’apprendistato 

Viene riaffermata l’importanza dell’Apprendistato professionalizzante quale percorso fondamentale di ingresso al lavoro. E’ previsto l’aggiornamento della progressione retributiva e professionale correlata alla riforma dell’inquadramento portandola all’85%, 90%, 95% della retribuzione del livello di inquadramento dei tre periodi di eguale durata già previsti.

Ccnl metalmeccanici: il nuovo inquadramento 

Fulcro del nuovo contratto è la riforma, dopo 48 anni, dell’inquadramento professionale del settore, con nuovi livelli e criteri.

Previsti 6 criteri professionali, ognuno con una diversa declaratoria (descrizione delle competenze). Il nuovo inquadramento sarà in vigore da giugno 2021, con tanto di fase transitoria.

Dal 1° giugno 2021 viene eliminata la prima categoria. I lavoratori già in forza al 31 maggio 2021 e inquadrati nell’ex 1° livello sono riclassificati nel livello D1 (ex liv 2) a decorrere dal 1° giugno 2021.

In dettaglio da giugno ci saranno 9 livelli di inquadramento, compresi in 4 campi di responsabilità di ruolo (crescende da D ad A):

  • D. Ruoli Operativi: livello D1 – livello D2;
  • C. Ruoli Tecnico Specifici: livello C1 – livello C2 – livello C3;
  • B. Ruoli Specialistici e Gestionali: livello B1 – livello B2 – livello B3;
  • A. Ruoli di Gestione del cambiamento e Innovazione: livello A1.

nuovi livelli metalmeccanici

(Fonte Fim-Cisl)

livelli ccnl metalmeccanici accordo rinnovo

(Fonte Accordo di rinnovo)

Nuovo Ccnl metalmeccanici: lavoro agile

C’è anche spazio per una cornice normativa sul lavoro agile nel nuovo contratto di categoria, fermo restando l’accordo sul fatto che lavoro in presenza e lavoro agile debbano avere parità di trattamento. In particolare, entro la data di stesura del nuovo ccnl, verrà istituita e avviata una commissione ad hoc, per stabilire i paletti da rispettare in merito a:

  • lavoro agile,
  • diritto alla disconnessione dei dipendenti
  • tutela della privacy
  • diritti sindacali

Nel frattempo, venerdì 19 febbraio prossimo è convocata alle ore 10.00 a Roma in piazza dell’Esquilino l’assemblea delle delegate e dei delegati di Fim- Fiom- Uilm. Verrà avviata la campagna di assemblee unitarie nei luoghi di lavoro e sulle piattaforme digitali per il
confronto con le lavoratrici e i lavoratori sui contenuti dell’ipotesi di accordo per il rinnovo del Ccnl sottoscritto, il 5 febbraio scorso, con Federmeccanica ed Assistal.

>> Scarica qui l’accordo di rinnovo Ccnl metalmeccanici 

 

(Fonti: Fiom-Cgil, Fim-Cisl)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome