Home Lavoro Tredicesima Colf e badanti 2020: requisiti, come funziona, calcolo, quando viene pagata

Tredicesima Colf e badanti 2020: requisiti, come funziona, calcolo, quando viene pagata

Daniele Bonaddio
tredicesima colf e badanti 2020

Così come per la generalità dei lavoratori subordinati, anche al personale addetto ai servizi domestici, nonostante siano soggetti a un regime speciale in materia di diritto e legislazione sociale, è corrisposta la cd. tredicesima mensilità. Si tratta, come noto di una mensilità aggiuntiva alle 12 stabilite contrattualmente, ed è disciplinata dall’art. 1 della L. n. 940/1953. Tale norma, in particolare, prevede espressamente che a tutti gli addetti ai servizi domestici compete una tredicesima mensilità di retribuzione di importo uguale ad una mensilità della sola retribuzione in danaro.

La norma, inoltre, dà anche una tempistica di erogazione della tredicesima, ossia da corrispondersi entro il mese di dicembre di ogni anno. E se il lavoratore domestico non ha lavorato l’intero anno ma solo qualche mese? Spetta ugualmente l’intera mensilità aggiuntiva? Ovviamente no: in tal caso, per coloro le cui prestazioni non raggiungessero un anno intero di servizio, saranno corrisposti tanti dodicesimi della tredicesima mensilità quanti sono i mesi del rapporto di lavoro. Questo è un principio che vale anche per i lavoratori subordinati.

Ma andiamo a vedere in dettaglio come si calcola la tredicesima colf e badanti 2020, quali sono i requisiti e soprattutto come funziona.

Tredicesima Colf e badanti 2020: il CCNL

La disposizione normativa appena riportata è attuata per mezzo dell’art. 37 del CCNL per il personale domestico, il quale afferma che la retribuzione si compone di 13 mensilità. Infatti è prevista la corresponsione, entro il mese di dicembre, di una gratifica natalizia, nella misura di una mensilità di retribuzione globale di fatto (comprensiva dell’indennità di vitto e alloggio), frazionabile per dodicesimi se il servizio prestato è inferiore all’anno.

Tredicesima Colf e badanti 2020: come si calcola

Innanzitutto, si considera mese intero la frazione di mese pari o superiore a 15 giorni.

Per quanto riguarda la sua maturazione, infatti, i contratti collettivi adottano il sistema della maturazione sulla base dei mesi di servizio. Tale sistema, in pratica, prevede che un mese risulti utile ai fini della maturazione della tredicesima mensilità (nonché della quattordicesima, se prevista, del TFR, delle ferie e dei permessi) se il rapporto di lavoro risulta in essere per una frazione di mese pari o superiore a 15 giorni di calendario. Al contrario, se la frazione di mese non supera i 14 giorni di calendario, il mese non si considera utile alla maturazione della mensilità aggiuntiva.

Il calcolo della tredicesima si fa con la seguente formula:

Retribuzione lorda mensile x numero di mesi lavorati / 12

Prendiamo il caso di una lavoratrice domestica assunta il 20 febbraio 2020, con una paga mensile pari a 1.000 euro. Si presume che la stessa presti servizio fino a fine anno. In tal caso, le mensilità da conteggiare ai fini del calcolo della tredicesima mensilità sono pari a 10, poiché nel mese di febbraio la lavoratrice è impiegata per meno di 15 giorni di lavoro. Pertanto, i mesi utili al calcolo della tredicesima sono: marzo, aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre e dicembre.

Nel caso in esempio, la tredicesima si calcola nel seguente modo:

  • euro (x 10) / 12 = 833,33 euro.

E se il lavoratore domestico presta la propria attività lavorativa per più famiglie? Come si calcola la tredicesima in questi casi? In tale fattispecie, ciascun datore di lavoro deve calcolare la tredicesima in base alla paga oraria, più quella di vitto e alloggio.

>> Nuovo ccnl Colf e badanti: stipendio, tabelle, indennità

Tredicesima Colf e badanti 2020: voci di calcolo

Ma quali sono gli elementi utili che rientrano nel calcolo della Colf e badanti 2020? Ebbene, a tal fine è necessario tenere in considerazione:

  • la retribuzione lorda mensile per i mesi lavorati;
  • l’indennità di contingenza;
  • gli scatti di anzianità;
  • altri elementi utili che rientrano nella retribuzione globale mensile.

Tredicesima Colf e badanti 2020: maturazione

La tredicesima mensilità si calcola sui mesi effettivamente lavorati, ossia su quelli che superano i 15 giorni. Al riguardo, si precisa che l’emolumento viene erogato anche se il lavoratore è assente dal lavoro per una delle seguenti cause:

  • ferie;
  • malattia;
  • infortunio;
  • maternità;
  • congedo Matrimoniale;
  • cassa Integrazione;
  • riposo giornaliero per allattamento.

Tredicesima Colf e badanti 2020: gli esclusi 

Al contrario, non spetta quando il dipendente:

  • svolge lavoro straordinario;
  • percepisce indennità per ferie non godute;
  • usufruisce dell’aspettativa.

Infine, particolare attenzione va rivolta alla gestione delle assenze. Infatti, se queste ultime si protraggono per più di 15 giorni, il mese deve essere considerato interamente non utile alla maturazione delle mensilità aggiuntive.

Generalmente le mensilità aggiuntive non maturano durante le assenze per congedo parentale, malattia del bambino, sciopero, assenze non giustificate, permessi non retribuiti, ecc., ma vanno comunque verificate le disposizioni contrattuali. In ogni caso, sono poi i CCNL a individuare i periodi di assenza durante i quali si matura il diritto alla mensilità aggiuntiva.

Colf e badanti 2020: il nuovo Ccnl 

Ricordiamo che il 1° ottobre 2020 è entrato in vigore il nuovo Ccnl dei lavoratori domestici 

Nel nuovo CCNL lavoro domestico entrano in gioco diverse novità, sia per lavoratori e lavoratrici sia per le famiglie che assumono colf e badanti: dagli aumenti di stipendio mensile alla nuova denominazione dei collaboratori e collaboratrici fino alle modifiche ai livelli di inquadramento contrattatuale.

La prima novità oeprativa dal 1° ottobre è il nuovo titolo con cui verranno assunti i lavoratori e le lavoratrici che entreranno nelle case di milioni di italiani, per svolgere le proprie mansioni di aiuto: si chiameranno “Assistenti familiari”. 

Tra le altre novità rientrano le seguenti:

  • sparisce la tripartizione livellare in favore di un CCNL basato su 4 livelli di inquadramento, ognuno dei quali paratrato sulla base delle competenze acquisite,
  • un aumento di stipendio mensile di 12 euro per il livello medio B super dal 1° gennaio 2021 (questo innalza il minimo contrattuale per una persona convivente a 880 euro/mese),
  • un sistema d’indennità, decorrenti già dal 1° ottobre, con un importo variabile tra 100  euro a quasi 116 euro erogata in aggiunta alla retribuzione minima ai lavoratori che assistono bambini fino al 6° anno d’età e agli assistenti familiari che assistono più di una persona non autosufficiente,
  • a favore dei lavoratori in possesso della certificazione di qualità, inoltre, è riconosciuta un’ulteriore indennità fino a 10 euro al mese.

Libri utili:

Colf, badanti e baby sitter: guida al rapporto di lavoro domestico

Colf, badanti e baby sitter: guida al rapporto di lavoro domestico

Antonella Donati, Alessandro Bazzan, 2020, Maggioli Editore

La disciplina del lavoro domestico coinvolge un gran numero di operatori ed è stata oggetto di una continua evoluzione. Il nuovo CCNL, entrato in vigore il 1° ottobre 2020, racchiude in un’unica categoria professionale, quella degli assistenti familiari, il rapporto di lavoro di colf,...



 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome