Home Welfare Assegni di frequenza 2020: il bando Inps, a chi spettano, importi, come...

Assegni di frequenza 2020: il bando Inps, a chi spettano, importi, come richiederli

assegni di frequenza 2020

Pubblicato il bando di concorso “Assegni di frequenza e Contributi formativi – Gestione Magistrale” per l’anno scolastico 2019-2020.

Con questo bando Inps eroga 85 assegni di frequenza a favore di orfani di iscritti alla Gestione Magistrale e 170 contributi formativi in favore di figli, portatori di handicap, di iscritti alla stessa Gestione.

Ne dà comunicazione l’Inps sul proprio sito, dove è anche stato pubblicando il bando consultabile, per comprendere i beneficiari, gli importi e le modalità di domanda per ottenere assegni e contributi.

Prima di scendere nel dettaglio, anticipiamo che la domanda deve essere trasmessa per via telematica dalle 12 del 23 novembre alle 12 del 30 dicembre 2020.

Vediamo in breve cosa sono gli assegni di frequenza Inps, a chi vengono erogati (secondo questo bando), a quanto ammontano e come richiederli.

Bando Inps Assegni di frequenza e Contributi formativi

L’INPS indice, per l’anno scolastico 2019/2020, un concorso per il conferimento di:

  • 85 assegni di frequenza per orfani di iscritti alla Gestione Magistrale
  • 170 contributi formativi per figli, portatori di handicap, di iscritti alla stessa Gestione.

Assegni di frequenza 2020 Inps: a chi spettano

Con il bando Inps eroga 85 assegni di frequenza e contributi formativi a questi soggetti.

PER GLI ASSEGNI DI FREQUENZA 2020

  • agli orfani dell’iscritto alla gestione Magistrale
  • o del coniuge dell’iscritto o categorie equiparate in possesso dei requisiti di cui all’articolo 3, comma 1;

PER I CONTRIBUTI FORMATIVI 2019-2020

  • ai figli di iscritto portatori di handicap ai sensi della vigente legislazione in materia, in possesso dei requisiti di cui all’articolo 3, comma 2, fino al compimento del 26° anno di età;
  • gli orfani dell’iscritto o del coniuge dell’iscritto o categorie equiparate, portatori di handicap ai sensi della vigente legislazione in materia, in possesso dei requisiti di cui all’articolo 3, comma 2, fino al compimento del 26° anno di età.

Assegni di frequenza Inps 2020: requisiti 

Come specificato nel bando Inps, per ottenere gli assegni di frequenza messi a disposizione, i beneficiari (descritti sopra) devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • frequenza, nell’anno scolastico 2019/2020, di asili nido, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado (queste ultime fino alla classe seconda);
  • essere a carico fiscale del richiedente la prestazione nei casi di cui all’articolo 1, comma 4, lett. a), c) e d);
  • non usufruire di analogo beneficio erogato da altro Ente, di valore pari o superiore al 50% dell’importo del beneficio messo a concorso.

Assegni di frequenza 2020: importi

L’importo dell’assegno di frequenza è calcolato in base al valore ISEE del nucleo familiare cui appartiene il beneficiario, secondo la seguente tabella

  • Fino a 21 mila euro euro 850,00 euro
  • Oltre 21 mila euro euro 600,00 euro

Contributi formativi 2019-20: importi 

L’importo del contributo formativo è calcolato in base al valore ISEE del nucleo familiare cui appartiene il beneficiario ed è differenziato secondo le tabelle e i criteri di seguito indicati:

  1. per la frequenza di asili nido, scuole dell’infanzia, scuola primaria e secondaria di I grado (quest’ultima fino alla frequenza del secondo anno):
  • Fino a 21 mila euro euro 850,00 euro
  • Oltre 21 mila euro euro 600,00 euro
  1. per la frequenza di scuole di formazione post-obbligo e scuole speciali e propedeutiche all’inserimento socio-lavorativo:
  • Fino a 21 mila euro euro 1.000,00 euro
  • Oltre 21 mila euro euro 800,00 euro

I contributi formativi sono alternativi agli assegni di frequenza e possono essere richiesti soltanto in favore del portatore di handicap non orfano o equiparato.

Assegni di frequenza 2020 e contributi formativi: come richiederli

La domanda deve essere presentata dal soggetto richiedente esclusivamente per via telematica. Lo si può fare dalle 12 del 23 novembre alle 12 del 30 dicembre 2020.

Il percorso online da seguire è questo:

  • accedendo dalla home page del sito istituzionale www.inps.it
  • digitando nell’apposito spazio di ricerca le parole “Erogazione assegni di frequenza”,
  • aprendo la scheda prestazione e
  • cliccando su “Accedi al Servizio” in alto a destra.
  • accedendo all’area riservata, il richiedente, tramite codice fiscale e PIN o SPID, può effettuare le successive scelte: per aree tematiche – attività sociali o, in alternativa, per ordine alfabetico o, in alternativa per tipologia di servizio “Assegni di Frequenza – Domanda” o “Contributi Formativi – Domanda”,
  • Selezionando la voce “Inserisci Domanda” viene visualizzato il modello, già parzialmente precompilato, con i dati identificativi del soggetto richiedente.
  • Devono necessariamente essere inseriti i recapiti telefonici mobili e fissi e di posta elettronica (e-mail) al fine di consentire e agevolare le comunicazioni da parte dell’Istituto.

Dopo l’invio telematico della domanda, l’Istituto trasmetterà una ricevuta di conferma, all’indirizzo e-mail indicato nell’istanza medesima. La domanda inviata è visualizzabile attraverso la funzione “Consultazione domande inoltrate”, all’interno dell’area riservata.

(Fonte Bando Inps)

>> Consulta qui il bando Inps Assegni di Frequenza 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome