Home PrimoPiano Agevolazioni 2020: tutti gli aiuti per famiglie in difficoltà e requisiti

Agevolazioni 2020: tutti gli aiuti per famiglie in difficoltà e requisiti

Paolo Ballanti
agevolazioni 2020 famiglie in difficoltà

Accanto ai più noti Reddito di cittadinanza e di emergenza (quest’ultimo scaduto) esistono numerose agevolazioni e contributi a fondo perduto riconosciuti da Stato o enti locali.

Si parte dalle utenze domestiche fino ad arrivare alle tasse universitarie. Aiuti che sono nella stragrande maggioranza dei casi legati all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), rilasciato dall’INPS con lo scopo di attestare la capacità e la situazione economico – patrimoniale dei nuclei familiari.

Esistono poi una serie di rari casi (vedi il bonus bebè erogato dall’INPS) in cui la misura spetta a tutti a prescindere dall’ISEE, utilizzato tuttavia per determinare i diversi livelli di aiuto economico.

Facciamo una panoramica delle principali forme di sostegno per chi ha redditi bassi.

Agevolazioni Luce e gas 2020

Il Bonus Elettrico per Disagio Economico spetta ai soggetti intestatari di un contratto di fornitura per l’abitazione in cui risiedono, a patto che siano titolari di un ISEE non superiore a 8.265 euro, limite elevato a 20 mila euro per i nuclei familiari con più di tre figli a carico.

Il valore del Bonus Elettrico viene stabilito annualmente dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA). Per il 2020 gli sconti sono pari a:

  • 125 euro per i nuclei familiari con uno o due componenti;
  • 148 euro per i nuclei familiari con tre o quattro componenti;
  • 173 euro per i nuclei familiari con oltre quattro componenti.

Oltre al Bonus Elettrico è previsto anche un contributo per le forniture di gas a beneficio dei nuclei con ISEE non superiore a 8.265 euro, limite che passa a 20 mila euro per i nuclei con più di tre figli.

Il Bonus in questione, previsto per i soli contratti di fornitura di gas naturale proveniente da reti di distribuzione (esclusi pertanto il GPL ed il gas in bombole), ha un importo differenziato in base a:

  • Tipologia di utilizzo del gas (ad esempio solo per cottura cibi e riscaldamento);
  • Numero di persone residenti nell’abitazione;
  • Zona climatica di residenza.

Sul portale telematico di ARERA è possibile calcolare l’importo del bonus in base ai propri dati personali e familiari.

Le domande per i Bonus Elettrico e Gas devono essere inoltrate al Comune di residenza, dal momento che gli enti locali, insieme ad ARERA gestiscono operativamente le agevolazioni.

Agevolazioni Canone televisivo

I cittadini con almeno 75 anni di età e un reddito complessivo inferiore a 8 mila euro possono chiedere l’esenzione dal pagamento del canone RAI.

In particolare, il reddito da considerare è quello maturato nel periodo d’imposta precedente l’anno per cui si intende fruire dell’agevolazione, ottenuto sommando il reddito dell’ultra 75 enne e quello del coniuge.

La misura spetta a condizione che non vi siano conviventi titolari di redditi propri, eccezion fatta per collaboratori domestici, colf e badanti.

Per accedere all’agevolazione è sufficiente trasmettere all’Agenzia delle entrate l’apposito modulo contenente la dichiarazione sostitutiva. Se le condizioni di accesso permangono anche nelle annualità successive, non è necessario inviare ulteriori dichiarazioni, vale la prima inviata.

È altresì possibile inoltrare all’Agenzia istanze di rimborso di canoni già pagati e non dovuti.

Agevolazioni Telefonia 2020

I nuclei con ISEE non superiore a 8.112,23 euro e utenza TIM possono ottenere:

  • Sconto del 50% del canone di accesso alla rete telefonica fissa (ridotto in questo modo da 19 a 9,5 euro);
  • 30 minuti gratuiti di chiamate da telefono fisso verso tutti i numeri fissi e mobili nazionali.

Per ottenere le agevolazioni è sufficiente inviare a TIM:

  • Modulo di richiesta;
  • Attestazione ISEE;
  • Documento d’identità valido.

Agevolazioni Affitti 2020

Di norma sono gli enti locali ad erogare contributi a fondo perduto a sostegno delle famiglie in difficoltà nel pagare le mensilità di affitto. Ad esempio il Comune di Milano eroga un aiuto non superiore a 1.500,00 a copertura di un numero massimo di quattro rate non versate o da versare.

Prendendo invece a riferimento il Comune di Firenze è recentemente scaduto (21 luglio scorso) il bando per un contributo sulle rate di affitto fino ad un importo massimo di 3.100,00 euro.

Anche il Comune di Roma, da ultimo, ha previsto quest’anno un contributo pari al 40% di tre mensilità di affitto.

È importante sottolineare come alle agevolazioni in questione possono accedere solo i nuclei familiari con ISEE pari o al di sotto delle soglie definite nel bando. Inoltre, è consigliabile mantenere costantemente sotto osservazione i siti internet dei comuni al fine di non lasciarsi sfuggire le scadenze per la presentazione delle domande.

Reddito di cittadinanza 2020

Il reddito di cittadinanza è una misura di contrasto alla povertà. È stato introdotto nel 2019 per sostenere economicamente i cittadini e i nuclei familiari che vivono sotto la soglia della povertà e aiutarli a reinserirsi professionalmente: cioè a trovare un lavoro, che possa pian piano liberarli dal sussidio statale.

Per potervi accedere occorrono alcuni requisiti fondamentali, tra cui:

  • Isee in corso di validità inferiore a 9360 euro,
  • Patrimonio immobiliare non superiore a 30 mila euro,
  • Patrimonio mobiliare non superiore a 6 mila euro per un solo componente, 8 mila euro per due componenti, 10 mila euro per tre o più componenti + 1000 euro per ogni figlio a partire dal terzo. Massimali incrementati di 5 mila euro per ogni componente con disabilità.

Oltre al beneficio economico concesso, viene però anche chiesto al beneficiario di partecipare ad un percorso di formazione e inserimento lavorativo.

Chi ritiene di poter effettuare in autonomia la richiesta per ottenere il sussidio, può fare domanda di Reddito di cittadinanza direttamente online. È possibile farlo accedendo al sito dedicato al Reddito e avendo cura di aver prima richiesto e ottenuto l’Isee 2019. Ecco gli step:

DOMANDA AI CAF E POSTE

È possibile anche optare per la modalità cartacea di presentazione domanda di reddito di cittadinanza. Lo si può fare recandosi agli sportelli degli uffici postali e dei Caf. In questo caso comunque il modulo di domanda è sempre lo stesso.

Agevolazioni morosità incolpevole affitti

I cittadini con ISEE non superiore a 26 mila euro, titolari di un contratto di affitto e interessati da una procedura di sfratto possono accedere al Fondo morosità incolpevole. L’ammontare massimo concedibile non può essere superiore ai 12 mila euro.

Agevolazioni Conto corrente 2020

I soggetti con ISEE non superiore a 11.600 euro possono accedere al conto corrente base senza alcun canone di spese o commissioni.

Bonus nido 2020

Aiuti alle famiglie in difficoltà per il pagamento delle rette degli asili nido sono previsti dall’INPS (cosiddetto “Bonus asilo nido”) che dai singoli enti locali. Di norma le due misure sono cumulabili.

Il Bonus INPS, introdotto nel 2016, è stato recentemente incrementato ad opera della Legge finanziaria 2020. Per il corrente anno l’importo complessivo è pari a:

  • 3.000 euro per i nuclei familiari con ISEE minorenni non superiore a 25 mila euro;
  • 2.500 euro per i nuclei familiari con ISEE minorenni tra 25.001 e 40 mila euro;
  • 1.500 euro per i nuclei con ISEE superiore a 40 mila euro o privi di attestazione.

Il contributo, erogato direttamente al beneficiario dall’INPS previa domanda sul portale dell’Istituto, è riconosciuto per la frequenza di asili nido pubblici e privati nonché per forme di supporto domiciliare, in favore di bambini al di sotto dei tre anni, affetti da gravi patologie croniche.

Al tempo stesso, come anticipato, gli enti territoriali prevedono forme di sostegno, come quello della Regione Friuli Venezia Giulia per l’accesso a nidi, servizi educativi domiciliari, spazi gioco, centri per bambini e genitori e servizi sperimentali, relativo all’anno scolastico 2020/2021

Il contributo è parametrato in funzione del reddito ISEE del nucleo familiare (comunque non superiore a 50 mila euro):

  • I nuclei con un figlio minore hanno diritto ad un contributo di 250 euro in caso di frequenza a tempo pieno, ridotti a 125 euro in caso di tempo parziale;
  • In presenza di due o più figli minori spetta un contributo di 450 euro per la frequenza a tempo pieno, ridotti a 225 euro per il tempo parziale.

La scadenza delle domande era fissata per il 30 giugno scorso ma non è escluso che eventuali richieste successive possano essere accolte. Tutto dipenderà dalle risorse finanziarie ancora disponibili.

Esenzione tasse universitarie 2020

A partire dall’anno scolastico 2020/2021 è prevista l’esenzione totale dal pagamento delle tasse universitarie per i nuclei familiari con ISEE non superiore a 20 mila. Inoltre, chi ricade nella fascia 20-30 mila potrà beneficiare di una riduzione delle spese progressiva dall’80% (fascia 20-22 mila euro) al 10% (fascia 28-30 mila euro).

Bonus bebè 2020

Per le nascite, adozioni o affidamenti preadottivi avvenuti nel 2020 è previsto un contributo INPS erogato direttamente al beneficiario senza limiti di valore ISEE, nonostante le somme siano parametrate proprio in funzione del suddetto indicatore.

L’assegno spetta a decorrere dal mese di nascita o di ingresso in famiglia del minore adottato o affidato, in quote mensili fino al compimento del primo anno di età.

Per i minori adottati o in affidamento le somme spettano nel primo anno dall’ingresso in famiglia.

Come anticipato il bonus annuo spetta in funzione dell’ISEE:

  • In presenza di ISEE non superiore a 7 mila euro spetta un contributo annuo di 1.920 euro elevato a 2.304 euro per ogni mese figlio successivo al primo;
  • Per gli ISEE compresi tra 7 mila e 40 mila euro spetta una somma annua di 1.440 euro elevata a 1.728 euro per ogni figlio successivo al primo;
  • In presenza di ISEE assente o superiore a 40 mila euro il sussidio ammonta a 960 euro annui, che passano a 1.152 euro per ogni figlio successivo al primo.

Premio alla nascita

Il premio alla nascita è un contributo INPS di 800 euro erogato dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore a partire dal 1º gennaio 2017, previa domanda all’Istituto inoltrata dalla madre all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza ovvero al momento della nascita, adozione o affidamento.

Il contributo viene erogato in un’unica soluzione senza alcun requisito legato all’ISEE.

Agevolazioni 2020 per lavoratori

La normativa italiana prevede delle forme di sostegno ai lavoratori a livello previdenziale e fiscale, con modalità completamente diverse.

L’INPS garantisce ai lavoratori dipendenti un importo mensile netto determinato in funzione del reddito complessivo del nucleo familiare e del numero dei componenti. Questo contributo prende il nome di ANF (Assegno per il Nucleo Familiare). Eccezion fatta per i casi di pagamento diretto al beneficiario da parte dell’INPS, le somme vengono anticipate dall’azienda in busta paga e da questa poi recuperate sui contributi da versare all’Istituto.

A livello fiscale, invece, in ragione del reddito del beneficiario, esistono importi che abbattono le tasse. Parliamo delle cosiddette “detrazioni fiscali”, riconosciute con scopi differenti:

  • Detrazioni per lavoro dipendente, con lo scopo di rimborsare parte delle spese sostenute dal dipendente per recarsi lavoro (riconosciute in automatico in busta paga salvo rinuncia esplicita del dipendente);
  • Detrazioni per carichi di famiglia, finalizzate ad abbattere i costi sostenuti dal lavoratore per il mantenimento di coniuge, figli o familiari a carico.

A differenza di quelle da lavoro dipendente, le detrazioni per carichi di famiglia spettano previa richiesta del dipendente all’azienda.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome