Home Welfare Famiglie Congedo parentale straordinario e voucher baby sitter: Decreto cura Italia in vigore

Congedo parentale straordinario e voucher baby sitter: Decreto cura Italia in vigore

Chiara Arroi
coronavirus congedi e voucher baby sitter

Coronavirus: congedo parentale straordinario e voucher baby sitter. Gli aiuti alle famiglie. 

Il Decreto cura Italia, con all’interno gli aiuti economici a famiglie e imprese, è stato approvato, ed è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale nella notte del 17 marzo. Subito operative le misure introdotte per aiutare il Paese a rialzarsi.

L’emergenza sanitaria Coronavirus sta mettendo a dura prova il Paese, con la chiusura totale di scuole e università decisa dal Governo, la frenata dell’economia e dell’organizzazione del lavoro, le dure regole sanitarie e di comportamento imposte, non solo nelle zone rosse, ma quanto possibile in tutta Italia, allo scopo di arginare in tempi rapidi la diffusione del contagio.

Dopo la decisione di trasformare l’Italia in una grande zona protetta, con l’introduzione del divieto di spostamento per tutti i cittadini, l’ultimo Decreto 11 marzo del Governo, ha optato per misure ancora più drastiche di chiusura attività e negozi, per impedire in modo ancora più forte la circolazione dei cittadini sul territorio, se non per comprovati motivi da autodichiarare. 

Tutto ciò sta avendo molte ripercussioni sulla vita delle famiglie italiane, alle prese con figli e figlie a casa da scuola o asilo, genitori a casa da lavoro, costretti a lavorare in smart working o a prendere congedi e ferie anticipate. Inoltre le scuole sono ancora chiuse e i figli sono a casa.

Ecco perché il Governo ha lavorato al Decreto con misure urgenti di aiuti alle famiglie, imprese e privati, allo scopo di fornire supporto sociale per tutta la durata dell’Emergenza Coronavirus.

Il Decreto salva famiglie ed economia era stato approvato nel primo pomeriggio del 16 Marzo ed annunciato con una Conferenza Stampa presieduta dal Premier Conte e dai Ministri Gualtieri e Catalfo. Dopo alcuni giorni di ansia, per il ritardo sulla bollinatura della ragioneria dello Stato, alla fine questa è arrivata, il provvedimento è stato firmato dal presidente della Repubblica, ed è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale.

Tra tutte le misure che introdotte nel Decreto, c’è un pacchetto famiglia, un piano di aiuti straordinario, fatto di sostegni per genitori lavoratori: in primis, il congedo parentale speciale e voucher baby sitter.

Vediamo in breve i principali aiuti per i genitori in tempi di Coronavirus.

Decreto salva famiglie ed economia approvato: cosa prevede

Coronavirus: congedo parentale straordinario 

Prima misura è l’arrivo del Congedo parentale speciale: un periodo di assenza da lavoro di 15 giorni per tutti i dipendenti pubblici e privati, con figli fino a 12 anni di età, per tutti i lavoratori pubblici e privati, compresi quelli iscritti alla Gestione separata Inps.

Per questa tipologia di congedo viene riconosciuta una indennità pari al 50% della retribuzione, e questi periodi straordinari di assenza da lavoro sono coperti da contribuzione figurativa.

Chi ha figli tra i 12 e i 16 anni invece potrà usufruire del congedo straordinario di 15 giorni senza contribuzione e senza retribuzione.

Attualmente esiste già la possibilità per i genitori di beneficiare di un periodo di congedo per stare a casa con i figli:è il cosiddetto Congedo parentale, che consente di ottenere un periodo di assenza da lavoro fino a 6 mesi (in aggiunta alla maternità obbligatoria) alla nascita del figlio o della figlia.

Lo si può chiedere e ottenere fino ai 12 anni di età dei figli. E ne possono beneficiare sia i dipendenti pubblici sia i privati.

Oltre al congedo, sul fronte pacchetto famiglia, il Decreto cura Italia prevede anche:

  • Voucher baby sitter fino a 600 euro (alternativo al congedo),
  • Voucher baby sitter per personale sanitario fino a 1.000 euro,
  • Permessi 104 estesi a 12 giornate cumulative per marzo e aprile
  • Divieto di licenziamento per marzo e aprile
  • Quarantena equiparata alla malattia
  • Bonus 600 euro lavoratori autonomi
  • Bonus 100 euro dipendenti che lavorano in sede aziendale

Scopri di più sui Permessi 104

Coronavirus: la retribuzione del congedo parentale straordinario

Attualmente, il problema del congedo parentale normale sta nella paga. Chi beneficia di questo periodo di astensione facoltativa, fino a 6 mesi, si vede infatti ridurre lo stipendio, e non di poco: percepisce infatti solo il 30% della retribuzione normale. Un duro colpo economico per le famiglie.

Per l’emergenza Coronavirus invece l’intervento del Governo ha messo sul piatto un congedo leggermente meno sconveniente per mamma e papà: prevedendo una retribuzione al 50 per cento del normale trattamento percepito.

Coronavirus: voucher baby sitter 

In alternativa al congedo parentale, il lavoratore potrà optare per la fruizione di un voucher baby sitter di importo pari a 600 euro complessivi valido, per l’assistenza e la sorveglianza dei figli di età inferiore ai 12 anni, per la durata di chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole.

Per il personale sanitario invece il voucher baby sitter avrà un importo rafforzato, fino a 1.000 euro.

Anche qui, il bonus baby sitter è già esistito in Italia. Era stato introdotto in via sperimentale nel 2013 dall’ex ministra Elsa Fornero. Tutto ciò per incentivare le mamme a rientrare a lavoro. La domanda di bonus baby sitter era vincolata alla rinuncia del congedo parentale da parte della mamma.

Questo voucher è tornato ora per aiutare mamme e papà a gestire il lavoro ai tempi del Coronavirus.

Aiuti alle famiglie nel 2020

In attesa dei congedi parentali straordinari e dei buoni baby sitter, ricordiamo quali altri aiuti oggi esistono in Italia per le famiglie:

Potrebbe interessarti l’e-book: 

CORONAVIRUS 2019-nCoV

CORONAVIRUS 2019-nCoV

Walter Pasini, 2020, Maggioli Editore

La storia ci insegna che da sempre le società umane combattono, ciclicamente, la loro guerra contro le epidemie, questo nemico astuto, insidioso, implacabile, e soprattutto, privo di emozioni e scrupoli. Eppure, le società umane hanno sempre vinto. Oggi il progresso scientifico e...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

    • Buongiorno Simone,
      la risposta è positiva. Il congedo parentale è alternativo. Può essere richiesto sia dalla madre che dal padre

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome