Home PrimoPiano Visita fiscale 2019: come funziona nei weekend e festivi

Visita fiscale 2019: come funziona nei weekend e festivi

Paolo Ballanti
visita fiscale 2019 weekend festivi

Visita fiscale 2019. La malattia si configura come un’alterazione della salute del dipendente in grado di comprometterne la capacità di svolgere la prestazione lavorativa.

L’INPS d’ufficio o l’azienda (con apposita richiesta telematica) possono effettuare delle visite domiciliari al fine di verificare se persiste la malattia o, al contrario, se il dipendente può tornare in anticipo al lavoro. In gergo si parla di visite fiscali per indicare quella serie di controlli che possono essere svolti esclusivamente da enti pubblici come INPS e ASL. E’ fatto divieto all’azienda di controllare direttamente lo stato di malattia dei propri dipendenti.

Le visite fiscali possono svolgersi in determinate fasce orarie e potenzialmente in tutti i giorni che si collocano all’interno del periodo di malattia, comprese domeniche e giorni festivi. Sono previste determinate conseguenze economiche e disciplinari per i dipendenti che senza giustificato motivo siano assenti alla visita.

Analizziamo ora la disciplina nel dettaglio.

Visita fiscale 2019: chi può effettuarla

I controlli sullo stato di malattia dei lavoratori possono essere effettuati esclusivamente dall’INPS o, in alternativa, dall’ASL.

La visita di controllo può essere richiesta d’ufficio dall’INPS o dall’azienda in via telematica, presentando apposita istanza sul portale INPS attraverso il servizio “Richiesta visite mediche di controllo (Polo unico VMC)”.

Al di là delle visite fiscali il datore può verificare direttamente se nel corso dell’assenza per malattia il dipendente si dedichi ad altre attività (anche non lavorative) in grado di compromettere o ritardare la guarigione.

> Malattia e visita fiscale: come funziona. Istruzioni Inps <

Visita fiscale 2019: fasce di reperibilità

Il controllo sugli eventi di malattia da parte degli enti pubblici può avvenire esclusivamente all’interno di determinate fasce orarie:

  • Dalle 10 alle 12;
  • Dalle 17 alle 19.

Il lavoratore, nel corso delle due fasce citate, ha l’obbligo di rendersi reperibile presso l’indirizzo comunicato al medico in sede di invio del certificato (da parte di quest’ultimo) in via telematica all’INPS.

Eventuali diverse disposizioni da parte dei contratti collettivi sono inapplicabili.

Visita fiscale 2019: domeniche e giorni festivi

Le visite possono verificarsi per l’intera durata della malattia (anche se di un solo giorno) comprese le domeniche e i giorni festivi.

Visita fiscale 2019: collaborazione da parte del dipendente

Come ha affermato la giurisprudenza di Cassazione il dipendente è tenuto a collaborare allo svolgimento delle visite fiscali, mettendo in atto tutte le cautele necessarie per consentire al medico l’ingresso nell’abitazione. I comportamenti da evitare sono, ad esempio, il ritardo nell’aprire la porta o l’assenza del nome del dipendente sul citofono o nella cassetta della posta.

Visita fiscale 2019: esclusioni

In determinati casi viene meno l’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità. Questo avviene per i dipendenti assenti a causa:

  • Patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • Stati patologici connessi a un’invalidità che ha ridotto la capacità lavorativa in misura pari o superiore al 67%.

> Malattia: in quali casi si può evitare la visita fiscale <

Visita fiscale 2019: assenza al controllo

In caso di assenza del dipendente, il medico rilascia un invito a presentarsi il giorno feriale successivo alla visita di controllo ambulatoriale oltre a comunicare l’accaduto all’INPS che a sua volta informerà il datore di lavoro.

Se il dipendente non si presenta nemmeno alla visita ambulatoriale, l’INPS avvisa l’azienda e invita il lavoratore a presentare eventuali giustificazioni entro 10 giorni.

Visita fiscale 2019: assenza ingiustificata

Il dipendente assente alla visita di controllo ovvero che non si presenti alla visita ambulatoriale senza fornire adeguata giustificazione incorre:

  • Nella perdita totale del trattamento economico di malattia per i primi 10 giorni dell’evento in caso di assenza alla prima visita;
  • In aggiunta alla prima sanzione il dipendente incorre nella riduzione del 50% del trattamento economico di malattia per il restante periodo in caso di assenza alla seconda visita (ambulatoriale o domiciliare);
  • In caso di assenza anche alla terza visita l’erogazione dell’indennità di malattia INPS viene interrotta per il restante periodo.

L’assenza del dipendente alle visite fiscali ha effetti anche nei suoi rapporti con l’azienda. Questi può essere infatti oggetto di sanzioni disciplinari che, a seconda della gravità, possono portare anche al licenziamento per giusta causa.

Visita fiscale 2019: assenze giustificate

Non incorre in alcun provvedimento sanzionatorio il dipendente assente alla visita di controllo a causa di:

  • Ricovero ospedaliero;
  • Periodi di malattia già accertati con precedente visita di controllo;
  • Giustificato motivo.

Il giustificato motivo ricorre in caso di:

  • Forza maggiore;
  • Eventi che abbiano reso indifferibile e imprescindibile la presenza altrove del dipendente;
  • Assenza dovuta allo svolgimento di accertamenti, visite o prestazioni sanitarie che non potevano essere effettuate in orari diversi.

E’ onere del dipendente fornire la documentazione idonea a giustificare l’assenza. A nulla rileva l’aver comunicato preventivamente all’azienda o all’INPS l’allontanamento dall’abitazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COMMENTO

  1. L’ASSURDO DELLE VISITE FISCALI SONO UN SALVAGUARDIA PER IL DIPENDENTE CHE E’ A CONOSCENZA DEGLI ORARI IN CUI SI DEVONO TENERE A DISPOSIZIONE COSI’ CHE IL DATORE DI LAVORO HA SEMPRE LAVORATORI MALATI DA RETRIBUIRE ANTICIPATAMENTE FACENDO DA TRAMITE PER L’INPS , QUINDI DAL MOMENTO CHE IN UNA % E’ L’INPS L’EROGATORE DELLA INDENNITA’ PERCHE’ NON PAGA DIRETTAMENTE? UNA MIA ESPERIENZA:
    DIPENDENTE IN MATERNITA’ A RISCHIO “NON POTEVA LAVORARE IN QUANTO LE POSIZIONI DA SEDUTA, IN PIEDI ECC” LE CREAVA DISTURBI E DOLORI, UN GIORNO DECISI DI ANDARE A FARLE VISITA DIETRO SUO INVITO AVEVO SBAGLIATO GIORNO NON ERA NELLA SUA RESIDENZA BENSI IN CASA DELLA SUOCERA CHE PREPARAVANO BISCOTTINI DI NATALE CON POSIZIONI DI LAVORO IN PIEDI, SEDUTA, INCHINATA INSOMMA POSIZIONI NON DA MATERNITA’ A RISCHIO CI SONO RIMASTA VERAMENTE MALE! NATURALMENTE IN ORARIO DI VISITA FISCALE A DISPOSIZIONE NELLA SUA RESIDENZA TUTTO CIO’ MI SA DI IMBROGLIO E TRUFFA NEI CONFRONTI ANCHE DELL’INPS CHE NON EFFETTUA CONTROLLI SENZA DARE LA POSSIBILITA’ AL LAVORATORE DI FARE ASSENZE PAGATE TRUFFANDO I DATORI DI LAVORO E ENTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI. PURTROPPO L’ITALIA NON HA ORGANI DI CONTROLLO IN MERITO CONSIDERANDO COMUNQUE CHE CI SAREBBE LA POSSIBILITA’ DI AVERE PIU’ DIPENDENTI CHE LAVORANO (MENO DISOCCUPATI) CHE FURBETTI IN CASA CON FINTE MALATTIE, INFORTUNI, MATERNITA’ A RISCHIO ECC. INSOMMA L’ITALIA E’ SOPRAVIVONO SOLO I FURBETTI!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome