Home Pensioni Pensionamenti scuola 2019: le Faq Miur Roma-Inps con i chiarimenti

Pensionamenti scuola 2019: le Faq Miur Roma-Inps con i chiarimenti

pensionamenti scuola 2019

I molti dubbi e domande sui pensionamenti scuola 2019, hanno portato Inps e Ministero dell’istruzione a pubblicare una serie di Faq e una scheda informativa per dare risposta agli utenti. Si trova tutto online e l’obiettivo è chiarire il percorso intrapreso da Inps e Miur Miur per la definizione delle procedure che porteranno i dipendenti della scuola al pensionamento dal 1° settembre 2019, di competenza delle filiali metropolitane di Roma.

Vediamo in cosa consiste l’accordo sperimentale di collaborazione e cerchiamo di rispondere ad alcune delle domande più stringenti poste dai dipendenti interessati.

Pensionamenti scuola 2019: accordo Miur Roma-Inps

Lo scorso 5 febbraio 2019 è stato firmato un accordo sperimentale di collaborazione tra il Direttore generale Inps, l’ufficio scolastico regionale e l’Ambito provinciale Miur Roma in merito alla gestione delle domande e pratiche ante-subentro: le domande giacenti di riscatto, ricongiunzione e computo presentate al Miur (ministero dell’istruzione) fino al 31 agosto 2000, rientranti nella competenza delle Filiali metropolitane INPS di Roma.

Tutte pratiche trasferite gradualmente alla gestione telematica Inps con il progetto Eco-dipendenti pubblici. Trasferimento terminato a metà marzo 2019.

È stata avviata l’istruttoria e la definizione delle domande relative alla platea di coloro che sono nati nel 1953, 1954, 1955 e 1956 e che hanno presentato domanda di cessazione entro il 12 dicembre 2018 (domanda POLIS).

Chi gestisce le pratiche di pensionamento scuola?

Rimane di competenza dell’Ambito provinciale MIUR Roma la gestione delle domande di prestazione pensionistica di coloro che sono nati nel 1952 (pensionandi di vecchiaia) e di coloro che sono nati dal 1957 in poi.

Relativamente alle richieste di cessazione presentate entro il 28 febbraio 2019 (anche per accedere alla “Quota 100“), il Progetto ECO prenderà in carico anche le domande giacenti presenti nei fascicoli MIUR oggetto di digitalizzazione.

Pensionamenti scuola 2019: le Faq utili  

Viste le numerose richieste di chiarimento da parte di dipendenti interessati alla ricongiunzione, riscatto e computo pensione, viene comunicato che è possibile contattare Inps secondo queste modalità:

  • Email alla casella di posta elettronica istituzionale ecodipendentipubblici@inps.it indicando nell’oggetto “codice fiscale utente e richiesta informazioni per pensioni Miur Roma 2019
  • Numero telefonico 06 59055622
  • In alternativa, è possibile consultare le Faq e la scheda informativa pubblicate

Di seguito alcune delle Faq più urgenti pubblicate da Inps e Miur.

FAQ PENSIONAMENTI SCUOLA 2019

DOMANDA. Sono un docente che ha fatto domanda di cessazione dal lavoro tramite la procedura Polis del MIUR entro il 12/12/2018 e poi domanda di pensione all’Inps a partire dal 01/09/2019. Chiedo informazioni sull’aggiornamento del mio estratto conto previdenziale, perché sono ancora in attesa del provvedimento di computo e riscatto laurea, richiesti con domande inviate all’Ufficio scolastico provinciale prima del 31 agosto 2000.

RISPOSTA. Le domande di prestazione giacenti presso l’Ufficio scolastico provinciale, presentate dai pensionandi nati tra il 1953 ed il 1956, saranno prese in carico dal Progetto ECO Inps, secondo l’Accordo concluso con il MIUR. Per i fascicoli digitalizzati pervenuti si procederà alla lavorazione, in modo da rispettare le scadenze fissate dalle disposizioni Inps e MIUR e permettere la certificazione del diritto a pensione da parte della sede Inps di riferimento e l’eventuale pensionamento al 1° settembre. Le posizioni di chi ha fatto domanda di cessazione entro lo scorso 12 dicembre sono oggetto di lavorazione prioritaria, rispetto a chi ha presentato domanda di cessazione entro il 28 febbraio 2019, a seguito dell’introduzione della normativa per la pensione anticipata con c.d. “Quota 100”.

DOMANDA. Sono un docente, che ha fatto domanda di cessazione il 28 febbraio 2019 e domanda di pensione “quota 100” per il settore Scuola-MIUR e attendo un provvedimento di computo e riscatto, presentato nel 1990. Quando avrò questi provvedimenti? Potrò andare in pensione da settembre 2019?

RISPOSTA. L’accordo già firmato tra Inps e Uffici MIUR di Lazio e Roma prevede che il Progetto ECO Inps, in questa prima fase, si concentri sulla definizione delle domande di computo, riscatto, ricongiunzione e altri accrediti contributivi, presentate entro il 31 agosto 2000 e ancora giacenti. I relativi fascicoli sono stati digitalizzati e consegnati all’Inps a marzo 2019, di coloro che sono nati tra il 1953 ed il 1956 e che hanno fatto domanda di cessazione dal servizio entro il 12 dicembre 2018. Le domande giacenti di coloro che hanno presentato domanda di pensione con c.d. “Quota 100” saranno comunque definite in tempo utile per garantire la decorrenza della pensione a partire da settembre 2019. In ogni caso, l’Accordo tra Inps e MIUR prevede la collaborazione con gli uffici MIUR e le scuole per il reperimento di tutta la documentazione, utile per la sistemazione delle posizioni assicurative.

DOMANDA. Sono nata nel 1953; chi si occuperà della definizione delle mie domande di riscatto laurea e ricongiunzione di servizio ai sensi della legge 29/79, che ho presentato nel 1988?

RISPOSTA. Il Progetto ECO Inps, sulla base dell’Accordo con l’Ambito provinciale del MIUR, si occuperà della definizione delle domande di riscatto, ricongiunzione, computo presentate entro il 31 agosto 2000 dagli assicurati nati tra il 1953 ed il 1956 e che hanno presentato domanda di cessazione tramite POLIS entro il 12 dicembre 2018 e successiva domanda di pensione.

Per altre risposte è possibile consultare le Faq

© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. Buonasera. Sono una docente nata nel 1954. Ho fatto domanda di pensione il 5/12/2018 tramite sindacato. Il giorno 21/05/2019 ho ricevuto una comunicazione che mi dice di non aver diritto alla pensione avendo maturato 30 anni di servizio. Nel computo dei servizi prestati mancano gli anni che vanno dal 1979 al 1989. Vorrei sapere perché l’Inps non registra tutto il servizio prestato, inoltre, entro quale termine di tempo L’Inps mi deve comunicare l’esito?
    In attesa di un riscontro, saluto.
    Sara Zaccardelli

  2. Buongiorno. Sono un docente nato nel 1955. ho fatto domanda di pensione tramite Sindacato entro il 12/12/2018, L’ I.N.P.S. il 10/05/2019 mi a risposto NO DIRITTO A PENSIONE ( in attesa progetto ECO) in quanto i contributi risulterebbero solamente quelli fatti in ruolo dal 1982 ovvero 39 anni 4 mesi 4 giorni.Mancherebbe tutto il pre ruolo. Nel mese di Aprile ho ricevuto il Decreto emanato dall’ufficio Scolastico Regionale per il Lazio gestione ruolo n° 1 del 07/03/2019, che mi riconosce ANNI 4 E MESI 8 di servizio pre ruolo
    Questo progetto ECO quando comunica all’I.N.P.S. il servizio prestato pre ruolo? e entro quale termine di tempo l’I.N.P.S. mi deve comunicare l’esito?
    Ringraziandola saluto.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome