Novità per il lavoro occasionale nel Calcio sui pagamenti degli steward addetti alla sorveglianza negli stadi. A seguito della repentina abolizione dei voucher (c.d. buoni lavoro), il lavoro occasionale ha visto l’introduzione nel nostro ordinamento di due nuove forme di pagamento per compensare le attività saltuarie: stiamo parlando in particolare del “Libretto famiglia” e del “Contratto di prestazione occasionale”.

Sulla scia di queste novità legislative, il Governo, con la Legge di Stabilità 2018 ha esteso l’utilizzo dell’istituto del Libretto famiglia per retribuire anche le attività occasionali svolti dagli steward negli impianti sportivi nei confronti di ciascun utilizzatore (società sportiva di cui alla legge 23 marzo 1981, n. 91) da cui derivino, nel corso di un anno civile e per ciascun prestatore, compensi di importo complessivo non superiore a 5.000 euro.

Sul punto, l’INPS con la Circolare n. 95 del 14 agosto 2018 ha recepito quanto contenuto nell’ultima manovra Finanziaria, fornendo le istruzioni operative su come pagare gli steward negli impianti sportivi e gli adempimenti che gli utilizzatori devono porre in essere. Ecco cosa viene previsto dal nostro istituto di previdenza sul tema.

Lavoro occasionale nel Calcio: soggetti interessati

Innanzitutto, è bene individuare quali sono le società sportive che possono utilizzare la figura professionale degli steward ed entro quali limiti.

Secondo la richiamata normativa vi rientrano le società sportive di cui alla legge n. 91/1981. Nel dettaglio si tratta di tutte le attività di organizzazione delle competizioni sportive nei complessi e negli impianti sportivi, con capienza superiore a 7.500 posti, nei quali si svolgono partite ufficiali delle squadre di calcio professionistiche.

Lavoro occasionale nel Calcio: istruzioni operative

Le società sportive sopra inquadrate possono pagare gli steward con lo strumento del Libretto famiglia, previa registrazione sul sito dell’Inps, sia dell’utilizzatore che del prestatore di lavoro.

Sul punto, la norma prevede che l’utilizzatore (la società che si serve dello steward), dopo lo svolgimento della prestazione lavorativa, e comunque non oltre il terzo giorno del mese successivo a quello di svolgimento della prestazione stessa, debba comunicare telematicamente:

  1. i dati identificativi del prestatore;
  2. il luogo di svolgimento della prestazione;
  3. il numero di titoli utilizzati per il pagamento della prestazione;
  4. la durata della prestazione;
  5. l’ambito di svolgimento della prestazione;
  6. e le altre informazioni per la gestione del rapporto.

Prima dell’inizio della prestazione lavorativa è bene che l’utilizzatore si assicuri che il proprio portafoglio telematico contenga l’importo necessario per pagare il prestatore. Il versamento deve avvenire mediante modello F24 Elementi identificativi (c.d. Elide), utilizzando la causale “CLOC”.

Si ricorda che per un’ora di lavoro sono applicati gli obblighi retributivi e contributivi previsti per il Libretto Famiglia, ossia:

  • € 8,00 per il compenso a favore del prestatore;
  • € 1,65 per la contribuzione IVS alla Gestione separata INPS;
  • € 0,25 per il premio assicurativo INAIL;
  • € 0,10 per il finanziamento degli oneri di gestione della prestazione di lavoro occasionale e dell’erogazione del compenso al prestatore.

Non bisogna dimenticare che chi sceglie di versare le somme mediante mod. F24 Edile dovrà attendere almeno 7 giorni bancabili per la contabilizzazione, chi invece utilizza strumenti di pagamento elettronico bastano due giorni bancabili;

Inoltre è necessario trasmettere all’INPS la Pec per l’assegnazione degli importi alla gestione steward: dc.entraterecuperocrediti@postacert.inp.gov.it.

Lavoro occasionale nel Calcio: le sanzioni

Le società sportive dovranno prestare la massima attenzione nell’utilizzo degli steward, in quanto non dovranno superare il limite di durata della prestazione pari a 625 ore nell’arco dello stesso anno civile, pena la trasformazione del rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato. Analogo epilogo si avrà in caso di superamento del limite economico di 5.000 euro.

Lavoro occasionale nel Calcio: nuova procedura telematica

A seguito dell’emanazione della Circolare in commento, l’INPS ha comunicato di recente (cfr. INPS, Messaggio n. 3193 del 24 agosto 2018) che dal 6 settembre 2018 saranno rilasciate nuove funzionalità all’interno della procedura “Prestazioni Occasionali”.

In particolare, il legale rappresentante della società o un intermediario in possesso di delega potranno accedere alle nuove funzionalità attraverso il servizio “Prestazioni di lavoro occasionali e Libretto di famiglia”.

Le funzionalità disponibili in procedura saranno:

  • “Gestione Lista Master”che permette il caricamento dei nominativi di uno o più lavoratori ed effettuare attività di modifica o cancellazione dei nominativi inseriti;
  • “Gestione Luoghi di Lavoro” mediante il qualesarà possibile indicare i complessi o gli impianti sportivi, individuati ai sensi del decreto del Ministro dell’Interno 8 agosto 2007, presso i quali si svolgono gli eventi;
  • e “Gestione Eventi” che consente all’utilizzatore di inserire un nuovo evento e visualizzare quelli già in precedenza inseriti.

Potrebbe interessare anche:

Il lavoro occasionale

Il lavoro occasionale

Gabriele Bonati - A cura di Alberto Rozza, Marcello Mello e Matteo Cremonesi, 2017, Maggioli Editore

Per colmare il vuoto normativo intervenuto in seguito alla soppressione dei voucher , la legge di conversione del D.L. 50/2017, L. 21 giugno 2017, n. 96, ha inserito nel testo del decreto l’art. 54-bis, recante la disciplina delle prestazioni occasionali, del Libretto Famiglia e del contratto...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome