Ultime scadenze per la cessione carburante. Hanno ancora a disposizione poche ore i gestori di distributori di carburante – gasolio e benzina – ad elevata automazione per memorizzare a trasmettere telematicamente i dati dei corrispettivi giornalieri. Devono infatti adempiere a quest’obbligo entro il 31 agosto, in base a quanto introdotto dalla legge di bilancio 2018.

Leggi anche “Acquisto carburante partite Iva: come pagare e quali detrazioni”

In base a quanto disposto dal provvedimento, entro venerdì 31 agosto i distributori di benzina a elevata automazione in cui il rifornimento avviene esclusivamente in modalità self service prepagato, in merito alle cessioni di carburante poste in essere nel mese di luglio 2018 devono:

  • effettuare la memorizzazione elettronica,
  • effettuare la trasmissione telematica dei corrispettivi.

Le regole sono inserite nel provvedimento 106701 del 28 maggio 2018 che detta le regole per la comunicazione dei corrispettivi giornalieri delle cessioni di benzina e gasolio. In particolare, con l’obiettivo di semplificare gli adempimenti degli operatori, la trasmissione dei dati avviene attraverso un unico tracciato

  • per l’acquisizione dei corrispettivi delle cessioni di carburanti verso i consumatori finali
  • per la successiva digitalizzazione del registro di carico/scarico.

Leggi anche “Decreto dignità: tra spesometro e compensazione debiti, le misure fiscali”

Cessione carburante: frequenza invio corrispettivi

Il tracciato unico per la trasmissione dei dati dovrà essere inviato all’Agenzia Dogane e Monopoli con cadenza mensile, entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento. Ecco quindi che per il mese luglio 2018, la scadenza è il 31 agosto.

Cessioni carburante: chi ha l’obbligo di comunicare i corrispettivi

La memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica delle informazioni richieste sono obbligatorie a partire dal 1° luglio 2018 per le operazioni di cessione di benzina e gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motore effettuate dai soggetti passivi IVA che gestiscono impianti di distribuzione stradale di benzina e gasolio ad elevata automazione, in cui il rifornimento avviene unicamente in modalità self service prepagato muniti di sistemi automatizzati di telerilevazione dei dati di impianto, di terminali per il pagamento tramite accettatore di banconote e moneta elettronica (bancomat, carte di credito, prepagate, etc.) e di sistemi informatici per la gestione in remoto dei dati di carico e di scarico delle quantità di carburante

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome