Anche per il 2017 le imprese e i liberi professionisti possono compensare i propri debiti delle cartelle esattoriali con i crediti vantati verso le Pubbliche Amministrazioni. Lo prevede il decreto 9 agosto 2017 del MEF, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 21 agosto scorso, che proroga per l’anno 2017 la compensazione delle cartelle di pagamento in favore di imprese e professionisti titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, nei confronti della pubblica amministrazione, con riferimento ai carichi affidati agli Agenti della riscossione entro il 31 dicembre 2016.

Come fare la compensazione

Il contribuente che intende fare la compensazione deve presentare un’istanza, attraverso la Piattaforma dei crediti commerciali (Pcc) sul sito http://crediticommerciali.mef.gov.it., all’ente verso il quale vanta il debito, il quale deve certificare il credito e il suo ammontare entro 30 giorni dalla ricezione dell’istanza.

Il contribuente presenterà poi l’originale della certificazione del credito all’agente della riscossione, che dopo averne verificato la validità, confermerà la compensazione e l’importo del credito utilizzato per compensare il debito, sempre attraverso la Piattaforma dei crediti commerciali (Pcc).


CONDIVIDI
Articolo precedenteVaccini obbligatori, autocertificazione entro il 10 settembre
Articolo successivoCome difendersi dal fisco

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here