E’ arrivato da pochi minuti l’ok del Senato al decreto Vaccini. Il testo, approvato con 171 voti favorevoli, 63 no e 19 astensioni, passerà ora all’esame della Camera e dovrà essere convertito in legge entro il prossimo 6 agosto. Ecco le novità più importanti del testo appena liberato da Palazzo Madama.

10 vaccini obbligatori

Confermata la riduzione dei vaccini obbligatori che da 12 passano a 10 e sono:

  • l’anti-polio,
  • l’anti-difterite,
  • l’anti-tetanica,
  • l’anti-epatite B,
  • l’anti-pertosse
  • l’anti-Haemophilus influenzae tipo b,
  • anti-morbillo (fino al 2020),
  • anti-rosolia (fino al 2020),
  • anti-parotite (fino al 2020),
  • anti-varicella (fino al 2020).

Previste anche 4 vaccinazioni fortemente consigliate dall’Ausl e gratuite: quelle contro il meningococco C e B, e quelle contro il rotavirus e lo pneumococco.

Approvato anche l’emendamento che prevede che un soggetto già immunizzato possa adempiere all’obbligo con vaccini in formulazione monocomponente o combinata in cui sia assente l’antigene per la malattia per cui si è già coperti.

Multe più basse e cancellata la perdita della patria potestà

Nel testo liberato dal Senato sono state corrette, come previsto, le sanzioni amministrative, abbassandone l’importo da 100 ad un massimo di 500 euro, e soprattutto è stata cancellata anche la previsione che stabiliva la perdita della patria podestà.

Viene inoltre confermata l’istituzione dell’anagrafe vaccinale e il potenziamento di personale e risorse per la definizione delle procedure di ristoro dei soggetti danneggiati da vaccini, oltre che da trasfusioni.

Per approfondire, visita la nostra sezione dedicata alle Vaccinazioni obbligatorie.

Tra le altre novità del testo segnaliamo anche la possibilità di prenotare le vaccinazioni nelle farmacie convenzionate aperte al pubblico attraverso il Centro unificato di prenotazione (Cup) e la semplificazione delle procedure di trasmissione dei dati sui vaccinati, tra scuole ed Asl.

Volume consigliato

La nuova responsabilità del medico e della struttura sanitaria

La nuova responsabilità del medico e della struttura sanitaria

Roberto Cataldi, Paolo M. Storani, Francesca Romanelli, Silvia Vagnoni, Cristina Matricardi, 2017, Maggioli Editore

L’opera è aggiornata alla L. 8 marzo 2017, n. 24 (G.U. 17 marzo 2017, n. 64), cd. Legge Gelli, recante disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale   degli esercenti le...




CONDIVIDI
Articolo precedenteTrasferimenti scuola secondaria, in anteprima i nomi dei docenti
Articolo successivoLa versione finale della definizione agevolata delle liti tributarie con l’Agenzia delle Entrate

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here